Mobilità

Addio a Sergio Marchionne. Fatti, commenti, ricordi e analisi

di

Lo speciale di Start Magazine con articoli e commenti di Stefano Cingolani, Ernesto Auci, Giuseppe Turani, Marco Cobianchi, Augusto Bisegna e Carlo D’Onofrio

Da amministratore carismatico a leggenda automobilistica. Sergio Marchionne si è spento questa mattina a Zurigo, nell’ospedale in cui era ricoverato da alcune settimane. Marchionne aveva 66 anni e ha guidato il gruppo Fiat Chrysler Automobiles per 14 anni.

LA BIOGRAFIA

Nato a Chieti il 17 giugno 1952, Sergio Marchionne arrivò all’industria automobilistica da straniero quando lasciò SGS SA, colosso elvetico nei servizi di ispezione, verifica e certificazione, di cui divenne amministratore delegato nel 2002. Il 1° giugno 2004 prese il posto di Umberto Agnelli e venne nominato amministratore delegato del gruppo del Lingotto. Nei primi giorni alla Fiat, Marchionne ha ridotto numero dei dipendenti e i salari per risanare l’azienda. Circa due anni dopo, la Fiat targata Marchionne ha realizzato il suo primo profitto in cinque anni.

LA SVOLTA AMERICANA

Nel 2009 Marchionne compie il suo miracolo manageriale: Fiat ottiene dall’amministrazione Obama il 20% di Chrysler, una delle ‘Big Three’ dell’automobilismo Usa, che, dopo la fallimentare alleanza con Daimler, era sull’orlo del baratro. Nasce allora Fiat Chrysler Automobiles (Fca) e Sergio Marchionne è il ceo designato. Con Marchionne al timone, la società è emersa come una casa automobilistica globale senza debiti e redditizia.

L’ULTIMA USCITA PUBBLICA

Era il 26 giugno quando a Roma il manager, già provato dalla malattia alla spalla, aveva voluto partecipare alla cerimonia di consegna di una Jeep Wrangler attrezzata per il pattugliamento in spiaggia presso il Comando generale dell’Arma dei Carabinieri. “È un motivo più personale – aveva detto – Mio padre era un maresciallo dei Carabinieri. Sono cresciuto con l’uniforme a bande rosse, nell’Arma ritrovo sempre gli stessi valori che sono stati alla base della mia educazione: la serietà, l’onestà, il senso del dovere, la disciplina, lo spirito di servizio”.

IL RICORDO DI JOHN ELKANN

“È accaduto purtroppo quello che temevamo. Sergio, l’uomo e l’amico, se n’è andato”. Esordisce così John Elkann, presidente del gruppo Fca, nel comunicato stampa diffuso questa mattina: “Penso che il miglior modo per onorare la sua memoria sia far tesoro dell’esempio che ci ha lasciato sia coltivare quei valori di umanità, responsabilità e apertura mentale di cui è sempre stato il più convinto promotore”.

TUTTI GLI APPROFONDIMENTI DI START MAGAZINE SU FCA POST MARCHIONNE:

VI RACCONTO COME SI LAVORAVA CON SERGIO MARCHIONNE. IL RICORDO DI ERNESTO AUCI

ECCO PIANI E AUSPICI DEL GOVERNO CONTE SU MOBILITÀ ELETTRICA E FCA POST MARCHIONNE

IL COMMENTO DI GIUSEPPE TURANI SUGLI ANNI DI MARCHIONNE IN FCA

IL COMMENTO DI MARCO COBIANCHI SU FCA E MARCHIONNE

CHE COSA SI AGITA PER IL DOPO MARCHIONNE IN FCA

L’ANALISI DELL’EDITORIALISTA STEFANO CINGOLANI SULLA FCA POST MARCHIONNE

L’ARTICOLO CON I REPORT DI ANALISTI E BANCHE D’AFFARI SULLA FCA DI MARCHIONNE

MIKE MANLEY, CHI È E COSA FARÀ IL NUOVO CAPO AZIENDA DI FCA AL POSTO DI MARCHIONNE

LOUIS CAREY CAMILLERI, TUTTE LE CURIOSITÀ SUL NUOVO NUMERO UNO DI FERRARI

SUZANNE HEYWOOD, ECCO IL CURRICULUM DEL NUOVO CAPO AZIENDA DI CNH

TUTTI I SUBBUGLI IN CASA FIAT PER IL DOPO MARCHIONNE

FCA, TUTTI I PIANI DI MARCHIONNE SU JEEP, ALFA ROMEO E MASERATI

L’APPROFONDIMENTO DI CARLO D’ONOFRIO E AUGUSTO BISEGNA SUGLI EFFETTI DEL PIANO MARCHIONNE PER CASSINO, GRUGLIASCO, MIRAFIORI E POMIGLIANO

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati