Economia

Vi racconto come e perché Conte si è piegato sul Mes. L’articolo di Capezzone

di

Conte Mes

Non vuoi la procedura? E allora accetta il Mes. È molto probabilmente a fine giugno-inizio luglio Conte, senza e contro il mandato parlamentare ricevuto, deve aver detto il suo sì. La ricostruzione di Daniele Capezzone

(estratto di un articolo pubblicato sul quotidiano La Verità fondato e diretto da Maurizio Belpietro)

L’offensiva leghista sul Mes centra alcuni primi risultati politici: la spaccatura nella maggioranza è profonda; la discussione si è aperta davanti all’opinione pubblica; e lo stesso calendario istituzionale è stato necessariamente rivisto. Il governo non può più prendersela comoda fino al 10 dicembre, praticamente alla vigilia del Consiglio europeo decisivo (come fino a ieri prevedeva di fare), ma è costretto ad anticipare le sue spiegazioni davanti al Parlamento. La conferenza dei capigruppo di Montecitorio ha fissato l’informativa del premier per lunedì 2 dicembre alle 13.

Intanto, in rete, a complicare la posizione del premier Conte, impazza un video, un estratto della sua conferenza stampa successiva al Consiglio europeo del 20-21 giugno, in cui il Presidente del Consiglio (che in quel momento sembra dunque attenersi al mandato parlamentare ricevuto) dice testualmente: “Prima di partire e venire qui al Consiglio europeo, sono passato davanti al Parlamento italiano. E il Parlamento italiano ha proposto una risoluzione a cui io stesso, come massimo rappresentante del governo, ho dato parere favorevole”. E ancora, parlando della risoluzione e riferendosi alle modifiche al Mes: “Ci impone di valutare questo progetto di riforma, e di non esprimere una valutazione positiva in questa fase, e di riservarci di esprimerla solo all’esito del progetto definitivo, non in questa fase…”.

Ma non occorre essere Sherlock Holmes per immaginare cosa possa essere successo. In quegli stessi giorni, le autorità Ue bombardavano il governo italiano minacciando una procedura di infrazione. È lo stesso Conte ad ammetterlo parlando con i giornalisti: “Quello sulla procedura è un negoziato molto complesso e difficile, non ho mai pensato che ci fosse una strada spianata”. Ed è sufficiente leggere la nota di fine giornata dell’Ansa per avere una descrizione del quadro, secondo la principale agenzia di stampa: ”Al termine della prima giornata del Consiglio europeo restano le divergenze tra Italia e la Commissione Ue sulle stime sui conti pubblici. La trattativa del premier Giuseppe Conte, che nel corso della giornata ha avuto diversi colloqui informali con i leader Ue, resta in salita e a tarda sera resta nel governo italiano la preoccupazione per la riuscita del negoziato”. Così l’eloquente sintesi dell’Ansa.

Che cosa può essere successo allora? Elementare, Watson. Le pressioni saranno cresciute nei giorni seguenti, fino a piegare Conte nel Consiglio europeo immediatamente successivo, quello straordinario di fine giugno-inizio luglio. Non vuoi la procedura? E allora accetta il Mes. È molto probabilmente quello il momento in cui Conte, senza e contro il mandato parlamentare ricevuto, deve aver detto il suo sì.

+++

TUTTI GLI APPROFONDIMENTI DI START SUL MES:

PERCHE’ LE RASSICURAZIONI DI CONTE SUL MES NON RASSICURANO. L’ANALISI DI POLILLO

MES, ECCO QUANDO IL PD ATTACCAVA CONTE

CHE COSA DEVE FARE L’ITALIA PER FIRMARE IL MES. AUDIZIONE CER

ECCO L’ULTIMA BOZZA DEL TRATTATO MES SPEDITA DA BRUXELLES IN ITALIA

IL MES SPIEGATO FACILE. L’ARTICOLO DI LITURRI

PERCHE’ LA GERMANIA PREME PER IL MES. ANALISI

CHE COSA E’ IL MES E PERCHE’ CONTE E SALVINI LITIGANO. IL PUNTO DI PIRAS

ECCO CHE COSA NON VA NEL MES. LA VERSIONE DI PAOLO SAVONA

PERCHE’ TEMPO IL MES. PARLA GIULIO SAPELLI

RICATTO ALL’ITALIA SUL MES? TUTTE LE PRESSIONI SU ROMA. L’ANALISI DI LITURRI

PERCHE’ NON CONVINCONO PAROLE E AZIONI DI CONTE SUL MES. IL COMMENTO DI POLILLO

MEZZI, OBIETTIVI E INCOGNITE (SUL DEBITO) DEL MES. L’INTERVENTO DI CAZZOLA

PREGI E DIFETTI DEL FONDO SALVA STATI. L’AUDIZIONE DI GALLI

PERCHE’ IL MES METTE IN PERICOLO IL DEBITO PUBBLICO ITALIANO. L’AUDIZIONE DI GIACCHE’

IL MES SERVE ALLA GERMANIA PER SALVARE LE BANCHE TEDESCHE?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati