Economia

Ecco l’ultima bozza di Bruxelles sulla riforma del trattato Mes (e le polemiche politiche)

di

Mes

Che cosa è scritto nella bozza arrivata ieri da Bruxelles in Italia sulla riforma del trattato Mes. E le ultime polemiche politiche nella maggioranza di governo e tra Conte e Salvini. 

Il vertice di maggioranza tenuto ieri sulla revisione del trattato Meccanismo europeo di stabilità (Mes), noto come fondo salva-stati, non ha sortito una risposta condivisa. Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha difeso la necessità di riforma, che però preoccupa M5S e Leu. La Lega accusa il premier Conte di aver venduto la sovranità nazionale. Il ministro tedesco delle Finanze, Olaf Scholz, intervistato da Repubblica, insiste: “Non è contro l’Italia”.

E’ questa la sintesi sui subbugli in Italia sulla revisione del trattato Mes; qui l’ultima bozza arrivata dalla Commissione Ue in Parlamento: Bozza_di_revisione_del_Trattato_MES. Ecco tutti i dettagli.

Di fatto nel vertice di ieri si è verificata una spaccatura della maggioranza, con da una parte Leu e M5s contrari alla firma della riforma del fondo Salva-stati e dall’altra Pd e Italia viva più disponibili.

Bozza_di_revisione_del_Trattato_MES

Il ministro dell’Economia, Gualtieri (Pd), ha infatti ribadito convintamente la necessità di riformare il Mes, in linea con quanto deciso dall’eurogruppo a giugno, perché questo contribuisce a stabilizzare l’area euro senza peraltro comportare la necessità di ristrutturare preventivamente il debito per accedere al sostegno finanziario. Ma M5s e Leu hanno invece sostenuto che questa possibilità c’è, al punto da prefigurare il rischio di una sorta di ‘commissariamento’ dello Stato. Di più, scrive Repubblica: hanno paventato il rischio per l’italia di finire in una sorta di limbo finanziario, di serie B dei paesi europei. Pertanto hanno chiesto al governo di fermarsi, di non sottoscrivere una riforma che sarebbe peggiorativa (la firma è prevista per dicembre) e di rinviare il punto.

Bozza_di_revisione_del_Trattato_MES

A coccolare l’Italia sul Mes si è speso anche il ministro delle Finanze tedesco oggi con una intervista: “Con il fondo salva-Stati Esm rafforziamo l’eurozona, perché gli Stati siano in grado di superare meglio le crisi che verranno. L’Esm ha tradizionalmente il compito di sostenere Paesi in difficoltà. Perciò concede crediti che sono legati a determinate condizioni” ma “non c’è alcuna ristrutturazione automatica del debito”, ha detto Olaf Scholz, ministro delle Finanze tedesco, in un’intervista a Repubblica. Quanto alla sua proposta sul completamento dell’Unione bancaria, che ha trovato le critiche del ministro dell’Economia Roberto Gualtieri e dalla Banca d’Italia, Scholz spiega: “Il senso della mia proposta è quella di riattivare un dibattito che era morto. Dobbiamo adottare una prospettiva europea. Se guardiamo agli Usa, è chiaro quali vantaggi possa avere un mercato bancario regolamentato in maniera unitaria. La mia proposta è sul tavolo, e sono felice della futura discussione aperta con i miei colleghi europei. Alla fine dovranno prevalere vantaggi per ogni Paese”, conclude.

Bozza_di_revisione_del_Trattato_MES

TUTTI GLI APPROFONDIMENTI DI START SUL MES:

CHE COSA E’ IL MES E PERCHE’ CONTE E SALVINI LITIGANO. IL PUNTO DI PIRAS

ECCO CHE COSA NON VA NEL MES. LA VERSIONE DI PAOLO SAVONA

PERCHE’ TEMPO IL MES. PARLA GIULIO SAPELLI

RICATTO ALL’ITALIA SUL MES? TUTTE LE PRESSIONI SU ROMA. L’ANALISI DI LITURRI

PERCHE’ NON CONVINCONO PAROLE E AZIONI DI CONTE SUL MES. IL COMMENTO DI POLILLO

MEZZI, OBIETTIVI E INCOGNITE (SUL DEBITO) DEL MES. L’INTERVENTO DI CAZZOLA

PREGI E DIFETTI DEL FONDO SALVA STATI. L’AUDIZIONE DI GALLI

PERCHE’ IL MES METTE IN PERICOLO IL DEBITO PUBBLICO ITALIANO. L’AUDIZIONE DI GIACCHE’

IL MES SERVE ALLA GERMANIA PER SALVARE LE BANCHE TEDESCHE?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati