skip to Main Content

Midterm Usa, chi festeggia e chi non festeggia. Parla il prof. Vittorio Emanuele Parsi

Start Podcast

SINTESI DEL LIBRO "IL POSTO DELLA GUERRA" DI VITTORIO EMANUELE PARSI:

Dopo quasi ottant’anni la guerra è ricomparsa sul Vecchio Continente. L’aggressione scellerata che Vladimir Putin ha scatenato contro l’Ucraina il 24 febbraio 2022 ha rotto decenni di pace e ha fatto sì che l’Europa tornasse a essere ciò che per secoli era sempre stata fino alla conclusione del secondo conflitto mondiale: ‘il posto della guerra’. Come è potuto accadere uno scempio simile proprio nella ‘civile Europa’? Nel luogo che ha rappresentato un pilastro di quell’ordine liberale che ha trasformato il sistema internazionale stringendo attorno a sé una famiglia di democrazie affratellate e tessendo una fitta trama di istituzioni e trattati garanti della cooperazione e della pace? Se la pace, dunque, è stata infranta proprio dove le condizioni per mantenerla erano le migliori possibili, che speranza resta per evitare che la forza ricominci a essere la sola ‘regola del mondo’? La risposta a questa domanda passa per la consapevolezza che la possibilità di escludere la guerra come prospettiva deriva proprio dalla credibilità e dalla sopravvivenza di quell’ordine liberale che la guerra di Putin ha messo sotto attacco: l’invasione russa dell’Ucraina non è infatti solo una dichiarazione di ostilità mortale nei confronti di quel paese, ma è anche un’esplicita aggressione all’Occidente democratico e ai principi e alle regole su cui si fonda. Ripensare la guerra, e il suo posto nella cultura politica europea contemporanea, dopo l’Ucraina è il solo modo per non trovarsi di nuovo davanti a un disegno spezzato senza nessuna strategia per poterlo ricostruire su basi più solide e più universali. Perché se c’è una cosa che la fiera resistenza del popolo ucraino ci ha insegnato è che non bisogna arrendersi mai, che la difesa della propria libertà ha un costo ma è il presupposto per perseguire ogni sogno, ogni speranza, ogni scopo, che le cose per cui vale la pena vivere sono le stesse per cui vale la pena morire.

+++

LE INTERVISTE DI START MAGAZINE AL PROFESSOR VITTORIO EMANUELE PARSI:

Perché le democrazie devono reagire all’espansionismo di Russia e Cina. Parla il prof. Parsi

Vi spiego le conseguenze della guerra in Ucraina. Parla il prof. Parsi

Propaganda di guerra, a chi credere? L’analisi del prof. Parsi (Cattolica)

L’Italia e la Nato. L’analisi del prof. Parsi (Cattolica)

L’Ucraina è nazista come dice Putin? L’analisi del prof. Parsi (Cattolica)

La guerra in Ucraina è colpa della Nato? L’analisi del prof. Parsi (Cattolica)

Che cosa cambierà negli Stati Uniti dopo i risultati delle elezioni di midterm e quali potranno essere gli effetti del voto americano per l'Italia. I primi risultati elettorali commentati dal Vittorio Emanuele Parsi, professore di Relazioni internazionali all’Università Cattolica di Milano, direttore dell’Aseri e autore del libro appena uscito “Il posto della guerra”
Tutti i Podcast di StartMagazine

Cosa farà il governo per promuovere la digitalizzazione?

L'Italia è uno dei paesi europei più indietro nella digitalizzazione della pubblica amministrazione, delle transazioni finanziarie e della didattica. Come si muoverà il governo Meloni? Conversazione di Ruggero Po con Matteo Adinolfi, eurodeputato della Lega.

Tutte le difficoltà delle donne lavoratrici in agricoltura

Il 29 per cento delle aziende agricole in Europa è gestito da donne, il 31 per cento in Italia. Proprio le donne sono molto focalizzate sull'innovazione e la sostenibilità. Conversazione di Ruggero Po con Camilla Laureti, europarlamentare del Partito democratico.

I droni iraniani pro Russia e l’intervento di Israele pro Ucraina

Mosca mette in campo i droni kamikaze made in Iran. Kiev chiede aiuto a Gerusalemme domandando in particolare l’Iron Dome, lo scudo antimissile che protegge Israele dalle minacce balistiche palestinesi. I dubbi del governo israeliano.

Poveri a vita. La difficile emancipazione dei bambini Italiani in povertà assoluta

Nel recente rapporto Caritas sulla povertà in Italia emerge che un milione e mezzo di bambini nascono e crescono in povertà assoluta. Per loro anche le scuole sono più povere, senza insegnanti adeguati, senza mense, senza tempo pieno. Conversazione di Ruggero Po con Raffaella Milano, direttrice dei programmi italiani di Save The Children.
Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore