Mondo

Leonardo, Drs e le bufale sul Pentagono

di

pentagono usa

Davvero il Pentagono non ha gradito il progetto di quotazione di una fetta dell’americana Leonardo Drs? Il corsivo di Michele Arnese e Francis Walsingham

 

L’ex Finmeccanica ha deciso di rinviare l’Ipo di Leonardo Drs. “Nonostante l’interesse degli investitori nel corso del roadshow, all’interno della fascia di prezzo definita, le avverse condizioni di mercato non hanno consentito un’adeguata valutazione di Drs”, ha spiegato il gruppo attivo nell’aerospazio e nella difesa.

L’Ipo era prevista entro la fine di marzo e negli scorsi giorni si è svolto il roadshow con i potenziali investitori dal quale sarebbe emersa una piena disponibilità a sottoscrivere l’intera offerta ma a sconto in una misura superiore a quella prevedibile in normali condizioni di mercato: la quotazione poteva arrivare fino a un massimo del 23,5% del capitale.

“Drs continua ad essere una parte fondamentale del portafoglio di business di Leonardo e un’Ipo verrà valutata nuovamente quando le condizioni di mercato saranno favorevoli e sarà possibile ottenere un’Ipo di successo con una valutazione appropriata di questo business strategico”, ha sottolineato il gruppo presieduto da Luciano Carta e guidato dall’ad, Alessandro Profumo: Leonardo “continua a credere appieno nelle prospettive di Drs e a supportarne lo sviluppo all’interno del gruppo”.

Dal momento dell’annuncio dell’Ipo era emerso che Leonardo non puntava solo a fare cassa — utilizzando le risorse che sarebbero arrivate con il collocamento per una riduzione del debito — ma ad investire in crescita e sviluppo, anche con acquisizioni aveva fatto capire esplicitamente Profumo nei giorni scorsi nel corso di un’intervista al Financial Times.

Il titolo del gruppo di piazza Monte Grappa – dopo l’annuncio dell’Ipo accantonata – ne ha risentito in Borsa.

Ma davvero – come ha scritto oggi Dagospia – “il Pentagono non vuole soci in Drs”?

Il ruolo del Pentagono in Drs è centrale visto che la controllata americana è attiva in aree fondamentali per le Forze Armate statunitensi, come il rilevamento, la guerra elettronica, la cyber security, il network computing, le comunicazioni, la protezione, la conversione e la propulsione ad energia elettrica,

Ma l’indiscrezione sul no del Pentagono alla mossa di Leonardo non regge per 3 ragioni.

Primo: fino al 2008 – quando fu rilevata dall’allora Finmeccanica capitanata da Pierfrancesco Guarguaglini – Drs era quotata al Nyse; quindi il Pentagono aveva rapporti con una quotata senza alcun mugugno.

Secondo: posto che il Pentagono o l’amministrazione americana avesse avuto potenziali dubbi su potenziali ingerenze di soci non ritenuti affidabili nella governance della società, aveva tutte le armi per stabilire svariati paletti, preferendo anche un collocamento a determinati fondi di private equity.

Terzo e non per ultimo: davvero un’operazione come quella che era stata architettata dal vertice di Leonardo non era stata prima sottoposta al vaglio e all’ok del Pentagono?

Improbabile, dicono osservatori al corrente del dossier.

GLI APPROFONDIMENTI DI START NEI GIORNI SCORSI:

PERCHE’ LEONARDO HA ACCANTONATO LA QUOTAZIONE DELL’AMERICANA DRS

ECCO QUANTO INCASSERÀ LEONARDO CON L’IPO DRS

ECCO COME VOLA LEONARDO IN BORSA DOPO IL LANCIO DELL’IPO

NON SOLO DRS, COSA FARÀ LEONARDO SECONDO PROFUMO

PERCHÉ CONDIVIDO LA MANOVRA DI LEONARDO SU DRS. L’ANALISI DI CAMPORINI

ECCO I CONTI DI DRS (E COSA FARÀ LEONARDO CON LA QUOTAZIONE)

CHE COSA FARÀ LEONARDO CON L’AMERICANA DRS

CHE COSA HA IN MENTE LEONARDO SULLA CONTROLLATA AMERICANA

ECCO COME VA LEONARDO DRS (E LE BANCHE D’AFFARI SI GASANO PER L’IPO)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati