.Economia, Economia

Ecco come la Lega di Salvini vuole salvinizzare energia, digitale, fisco e pensioni

di

Salvini

Conferme e sorprese nel programma della Lega per le elezioni del 4 marzo. Continuano gli approfondimenti di Start Magazine sulle proposte elettorali dei maggiori partiti

Unificare Agcom, Agid e direzioni ministeriali sul digitale. Avanti tutta sulle rinnovabili in campo energetico. Puntare sulle auto elettriche. E quindi i cavalli di battaglia tradizionali su fisco e pensioni: flat tax e rottamare la riforma Fornero. E’ stato messo on line ieri il programma completo della Lega: Matteo Salvini ha così deciso di integrare con un idee e proposte di dettaglio i dieci punti delle slide elettorali che Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e Noi con l’Italia-Udc hanno pubblicato giorni fa come programma comune (qui l’approfondimento di Start Magazine). Continua dunque il viaggio di Start Magazine tra le proposte elettorali dei maggiori partiti in materia di energia, ambiente, trasporti, fisco e previdenza (qui l’articolo sul programma del Movimento 5 Stelle e qui l’articolo sul programma del Partito democratico).

COSA FARE SUL DIGITALE

googleUn attacco a Google, ad Amazon e non solo; e l’idea di accorpare Agcom, Agid e le direzioni generali dei ministeri interessati. Sono gli elementi chiave del capitolo sul Digitale contenuto nel programma della Lega. Questa la premessa del programma: “L’Italia spende più di ogni altro Paese dell’Unione Europea, tra il 2018 e il 2020, per rifare le infrastrutture digitali ed informatiche utili ad inserire il PIL italiano nell’economia digitale dominata dalle OTT Over The Top (Amazon, Google, Micorsoft, Apple)”. Poi, una frase non del tutto chiara, per non dire confusa: “Allo stato delle cose, grazie a questa spesa, le OTT (Amazon, Google, Micorsoft, Apple) aumenteranno il proprio business commerciale vendendo agli italiani i prodotti italiani generando una oligarchia che rischia di annullare la caratteristica principale del Made in Italy: la differenziazione del prodotto. Prodotto italiano e massa monetaria UE finiscono nelle tasche extra UE”. Nel capitolo sul Digitale c’è una proposta per porre fine alla dispersione di competenze e funzioni pubbliche: “Lo Stato si dota di un’unica Autorità delle Comunicazioni. L’Autorità delle Comunicazioni sostituisce la vigente AGCOM, le direzioni generali dei sistemi informatici dei Ministeri, il commissario per il digitale e l’innovazione, AGID agenda digitale italiana. L’Autorità delle Comunicazioni è l’unica deposta al rilascio dell’identificazione digitale unica per i Cittadini e le Imprese”.

AVANTI TUTTA SULLE RINNOVABILI

Avanti tutta verso le rinnovabili. E’ questo il senso del capitolo Energia del programma della Lega. L’obiettivo per gli utenti è quello della riduzione delle bollette: “Ogni utente arriva a pagare fino 3 volte di più del costo dell’energia effettivamente consumata”. Dice la Lega: “Non possiamo più continuare a utilizzare una rete nazionale che disperde, durante il trasporto, buona parte dell’energia elettrica prodotta. Occorrono centrali più piccole posizionate vicino ai centri di consumo, concepite con le più moderne tecnologie che sfruttano le fonti rinnovabili sul concetto della generazione distribuita, riducendo fortemente gli oneri di trasporto e le perdite”. Salvini punta sul biometano: “Oggi, ad esempio, con il biometano ottenuto ecologicamente dalla fermentazione della parte umida dei rifiuti, siamo in grado di produrre energia pulita per alimentare la rete di trasporto pubblico locale. Un sistema che ha il doppio vantaggio di produrre energia green e risolvere il problema delle discariche, diminuendo drasticamente i costi di smaltimento e di conseguenza la relativa bolletta”. Questo modello è già una realtà consolidata negli altri Paesi avanzati d’Europa e del mondo, dove infatti il costo della bolletta è nettamente inferiore al nostro, scrive la Lega: “In un Paese come l’Italia, che ha la più alta esposizione solare d’Europa, il fotovoltaico di nuova generazione è un’altra fonte pulita, così come l’eolico. Dobbiamo privilegiare gli impianti di piccola produzione di energia, in modo da allargare la platea di investitori, e non favorire le grandi multinazionali estere con i loro mega impianti. Sistemi piccoli, ma ad alto valore tecnologico dove l’ingegno italiano è al primo posto. Negli ultimi 10 anni quasi 170 miliardi di incentivi per il mercato delle rinnovabili è finito nelle tasche di aziende cinesi. Noi invece vogliamo agevolare l’iniziativa dei piccoli produttori e la costituzione di una filiera interamente Made in Italy di costruttori dei componenti”. Infine, “riduzione IVA per i prossimi cinque anni ed eliminazione del bollo auto per le auto Elettriche e “sviluppare la rete distributiva di Energia Elettrica per autoveicoli”.

ACCELERARE SULLE AUTO ELETTRICHE

All’auto elettrica è dedicato un intero capitolo del programma: “Secondo le statistiche, oltre il 50% delle emissioni dei trasporti sarebbero prodotte dalle automobili, responsabili dunque di oltre il 10% delle emissioni di CO2 totale. I progressi recenti prospettano già a breve veicoli elettrici sempre più performanti, che delineano nuovi scenari di mobilità in grado di migliorare la qualità dell’aria. Uno studio del Politecnico di Milano ha calcolato che i bus elettrici di ultima generazione con tecnologia “ultracapacitor” in un periodo di 12 anni su una flotta di 10 bus ridurrebbero i costi totali di circa due milioni di euro rispetto ad una analoga flotta di bus diesel. Già al settimo anno si inizia a produrre un risparmio complessivo. Con un vantaggio notevole per la qualità dell’aria. La diffusione della mobilità elettrica richiede tuttavia la rimozione di alcune barriere e l’adozione di misure temporanee che incoraggino tale transizione”.

FISCO LEGHISTA

Ma è al fisco che è dedicato il primo capitolo del programma elettorale di Matteo Salvini. Il cavallo di battaglia è la Flat tax, ovviamente: “Riforma del Testo Unico delle Imposte sul Reddito per superare il sistema ad aliquote multiple, scaglioni, detrazioni, deduzioni e bonus e introdurre un’unica aliquota fiscale coerente con la necessità di portare ristoro tributario alla maggior parte dei contribuenti a partire dai ceti meno abbienti, rispettando le esigenze di finanza pubblica previste dalla Legge. L’aliquota più congeniale a tale scopo è stata individuata al 15% e si applicherà al reddito famigliare. Soltanto due saranno gli scaglioni per l’ottenimento di una deduzione fissa di 3.000 euro. Il primo scaglione è formato da tutti i redditi famigliari fino a 35.000 euro entro il quale ad ogni componente il nucleo famigliare spetta la deduzione e il secondo scaglione invece da 35.000 a 50.000 euro che prevede la deduzione fissa solo per i famigliari a carico”.

NON SOLO FLAT TAX

Secondo la Lega, “la deduzione fissa di 3.000 euro per i due scaglioni di reddito garantisce il rispetto del criterio costituzionale della progressività, che viene altresì rafforzato dal mantenimento di una No Tax Area fino a 7.000 euro e di una clausola di Salvaguardia per tutti i redditi famigliari fino a 15.000 euro i quali potranno continuare ad essere assoggettati al regime di imposta vigente nel caso il nuovo non fosse migliorativo”. Proposte nette anche sugli studi di settore: “Abolizione di ogni forma di “pagella” fiscale volta a voler pre-determinare il reddito imponibile e quindi l’imposta per gli autonomi. La dichiarazione del contribuente deve essere sempre ritenuta fedele da parte dello Stato che non ha il diritto di entrare nel merito dell’andamento dell’attività economica. L’Agenzia delle Entrate potrà sempre contestare condotte in danno all’erario che debbono però essere diligentemente e oggettivamente dimostrate in sede di verifica fiscale”.

FORNERO, INDIETRO TUTTA

forneroInfine, ma non per ultimo, la previdenza. Ecco i principi ispiratori: reintroduzione delle PENSIONI di ANZIANITA’ (accesso alla pensione con più di 40 anni di contribuzione a prescindere dall’età anagrafica); QUOTA 100 senza penalizzazioni (accesso alla pensione al raggiungimento di quota 100 quale somma di età anagrafica + età contributiva) + QUOTA 41 (accesso alla pensione con solo l’anzianità contributiva); PENSIONI di VECCHIAIA ante Fornero. Ecco il dettaglio delle proposte dopo le enunciazioni: “1) Cristallizzare l’adeguamento dei requisiti pensionistici alla speranza di vita; 2) ripristinare i 41 anni di anzianità contributiva massima con non più di 3 anni di contribuzione figurativa; 3) Equiparazione delle aliquote di versamento per i parasubordinati a quelle di artigiani, commercianti e agricoli che devono essere bloccate al 23%; 4) Riduzione del parametro di 2,8 volte l’assegno sociale a 1,8 volte; 5) Per le donne madri riduzione della età di pensionamento o dell’anzianità contributiva di 9 mesi per ogni figlio con un massimo di 3. 6) Reintroduzione del cosiddetto super bonus. 7) Revisione degli importi delle pensioni di invalidità equiparati alle pensioni e assegni sociali accelerando di pari passo i controlli e le verifiche sulle concessioni non giustificate da situazione sanitarie. 8) Revisione tabella F pensioni di invalidità. 9) Ultima salvaguardia per la platea di esodati esclusi dai precedent otto provvedimenti. 10) Opzione donna: proroga per tutto il 2018”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati