Innovazione

Le alchimie hi-tech della Cina sul Dna

di

hong kong Cina

Che cosa ha scritto il News York Times sulle mosse della polizia in Cina in simbiosi con le altre autorità ai fini di sicurezza e sorveglianza

 

La polizia cinese sta raccogliendo campioni di sangue da uomini e ragazzi di tutto il paese per costruire una mappa genetica dei suoi circa 700 milioni di maschi, dando alle autorità un nuovo potente strumento per il loro emergente stato di sorveglianza ad alta tecnologia, scrive il NYT.

Dalla fine del 2017 hanno rastrellato tutto il Paese per raccogliere campioni sufficienti a costruire un vasto database del DNA, secondo un nuovo studio pubblicato mercoledì dall’Australian Strategic Policy Institute, un’organizzazione di ricerca, sulla base di documenti consultati anche dal New York Times. Con questo database, le autorità sarebbero in grado di rintracciare i parenti maschi di un uomo usando solo il sangue, la saliva o altro materiale genetico dell’uomo.

Il progetto è un’importante escalation degli sforzi della Cina per usare la genetica per controllare la sua popolazione, che si è concentrata sul monitoraggio delle minoranze etniche e di altri gruppi più mirati. Si aggiungerebbe a una rete di sorveglianza sempre più sofisticata e in crescita che la polizia sta dispiegando in tutto il paese, che comprende sempre più telecamere avanzate, sistemi di riconoscimento facciale e intelligenza artificiale.

La polizia dice di aver bisogno del database per catturare i criminali e che i donatori acconsentono a consegnare il loro DNA. Alcuni funzionari all’interno della Cina, così come gruppi per i diritti umani al di fuori dei suoi confini, avvertono che un database nazionale del DNA potrebbe invadere la privacy e indurre i funzionari a punire i parenti dei dissidenti e degli attivisti.
La campagna coinvolge anche le scuole.

“Se il sangue non viene concesso – ha detto una persona citata dal NYT –  il soggetto e i parenti vengono definiti come  ‘famiglia nera’”, privando lui e la sua famiglia di benefici come il diritto di viaggiare e andare in ospedale. Lo slancio per la campagna può essere ricondotto a un’ondata di criminalità nella regione della Cina settentrionale della Mongolia interna. Per quasi tre decenni, la polizia ha indagato sugli stupri e gli omicidi di 11 donne e ragazze, di cui una di appena 8 anni, raccogliendo 230.000 impronte digitali e setacciando più di 100.000 campioni di DNA. Hanno offerto una ricompensa di 28.000 dollari.

Poi, nel 2016, hanno arrestato un uomo con l’accusa di corruzione non correlata, secondo i media statali.

Secondo i media statali, la Cina detiene già il più grande patrimonio di materiale genetico al mondo, per un totale di 80 milioni di profili. Ma in precedenza gli sforzi per la raccolta del DNA erano spesso più mirati. I funzionari hanno preso di mira sospetti o gruppi criminali che ritenevano potenzialmente destabilizzanti, come i lavoratori migranti in alcuni quartieri. La polizia ha anche raccolto il DNA di gruppi etnici minoritari come gli uiguri per rafforzare il controllo del Partito comunista su di loro.

Lo sforzo di compilare un database nazionale maschile amplia questi sforzi, ha detto Emile Dirks, autore del rapporto dell’istituto australiano e dottorando nel dipartimento di scienze politiche dell’Università di Toronto. “Stiamo assistendo all’espansione di questi modelli nel resto della Cina in un modo aggressivo che non credo abbiamo mai visto prima”, ha detto il signor Dirks.

Nel rapporto pubblicato dall’istituto australiano, si stima che le autorità intendessero raccogliere campioni di DNA da 35 milioni a 70 milioni di uomini e ragazzi, ovvero circa il 5-10% della popolazione maschile cinese. Non hanno bisogno di campionare ogni maschio, perché il campione di DNA di una persona può sbloccare l’identità genetica dei parenti maschi.

Quando il Times ha cercato di inviare via fax le domande sul database al Ministero della Pubblica Sicurezza, un dipendente ha detto che non poteva accettarle “senza il permesso di un alto funzionario”.

I funzionari locali spesso annunciano pubblicamente i risultati del loro campionamento. Nella contea di Donglan, nella regione del Guangxi, la polizia ha detto di aver raccolto più di 10.800 campioni, che coprono quasi il 10% della popolazione maschile. Nella contea di Yijun, nella provincia dello Shaanxi, la polizia ha detto di aver raccolto più di 11.700 campioni, ovvero un quarto.

Per valutare le ambizioni del progetto, l’istituto australiano ha esaminato i tassi di campionamento in 10 contee e distretti, quindi ha studiato gli ordini di acquisto di kit per il test del DNA da altre 16 giurisdizioni. Il Times ha esaminato gli stessi documenti pubblici, insieme a 15 ordini simili degli ultimi sei mesi che non sono stati inclusi nel rapporto.

Gli ordini di acquisto sono stati spesso eseguiti da aziende cinesi, ma alcuni contratti sono andati a Thermo Fisher, produttore del Massachusetts di apparecchiature per test genetici.

Thermo Fisher ha venduto kit per il test del DNA ad agenzie di polizia di almeno nove contee e città per la creazione di un “sistema di ispezione delle ascendenze maschili”, o di un database del DNA maschile, secondo i documenti di offerta aziendale trovati dal signor Dirks e verificati dal Times.

 (Estratto dalla rassegna stampa internazionale a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati