Mondo

Perché scricchiola l’asse Francia-Germania

Non sono mai state così distanti le rappresentanze politiche di Francia e Germania. Anche per la Francia è arrivata infatti la resa dei conti. Un anno dopo la Dichiarazione di Mesemberg ed il nuovo Trattato dell’Eliseo, cadono le ultime maschere. L’analisi dell’editorialista Guido Salerno Aletta

Leggi tutto...

Economia

Tutte le contraddizioni della Commissione Ue su Italia, Germania, debito e avanzi commerciali

Può una Commissione, al termine del suo mandato, suggerire, per la prima volta nella storia delle relazioni europee, una procedura d’infrazione, per debito eccessivo? Sarebbe una forzatura destinata ad avere un impatto politico, negli equilibri nati all’indomani delle intervenute elezioni, assolutamente sconvolgente.L’analisi di Gianfranco Polillo (che critica anche il governo italiano)

Leggi tutto...

Innovazione

Che cosa farà Mediaset in Germania

Mediaset ha comprato il 9,6% di ProsiebenSat.1, broadcaster tedesco presente in 13 Paesi. Un modo per provare a resistere all’avanzata dei colossi americani Comcast (ha rilevato Sky), Discovery e Disney (alleatasi con 21st Century Fox) e lo spauracchio Netflix. L’approfondimento di Andrea Montanari

Leggi tutto...

Energia

Bollette gas, come l’Italia cerca di sventare i rincari per effetto della Germania

L’Autorità energetica tedesca ha deciso di applicare una nuova metodologia di prezzo, spostando una quota significativa degli oneri per la remunerazione delle infrastrutture di trasporto del gas sul cosiddetto ‘exit’, ossia sul gas che transita dai punti di uscita della rete nazionale verso l’estero, incluso perciò quello che dal Nord Europa transita in Germania verso l’Italia. Con un costo stimato per l’Italia di 500 milioni di euro in più all’anno

Leggi tutto...

Energia

Perché Francia e Germania predicano bene ma razzolano male su energie e rinnovabili

In termini di produzione da fonti rinnovabili il raggiungimento del target del 20 per cento sui consumi finali di energia entro il 2020 è in forte dubbio. I paesi più virtuosi sono quelli scandinavi, ma anche l’Italia si posiziona bene e ha già raggiunto il suo target nel 2014. Tra i grandi paesi ancora lontani dal rispettare il proprio obiettivo vi sono invece la Francia e la Germania. L’analisi di Lorenzo Sala per Lavoce.info

Leggi tutto...