Innovazione, Pagamenti digitali / Fintech

Governo e Cdp puntano a un campione nazionale con PagoPa, Sia e Nexi?

di

Che cosa si dice nella maggioranza di governo e in alcuni ministeri su PagoPa, Sia e Nexi. Fatti, parole, rumors, analisi e scenari

Prove tecniche di campione nazionale nel settore dei pagamenti elettronici fra PagoPa, Sia e Nexi?

La base per questo progetto che sta prendendo piede nel governo e nelle istituzioni potrebbe essere la società PagoP, che peraltro non è ancora riuscita a coinvolgere tutte le amministrazioni pubbliche.

La seconda gamba di questo progetto che viene caldeggiato da tempo nella maggioranza di governo e che vedrebbe la Cassa depositi e prestiti in prima linea sarebbe Sia, la società che come maggiore azionista ha un fondo controllato da Cdp e Poste Italiane (che da tempo ha mire e ambizioni proprio su Sia e Nexi).

Ma lo scenario sistemico – che ambienti politici della maggioranza ma anche settori del Tesoro stanno studiando – prevede in una fase successiva il coinvolgimento anche di Nexi, la società appena sbarcata in Borsa per volere dei fondi azionisti e che ha fatto splash (qui e qui gli ultimi approfondimenti di Start Magazine).

Al momento, comunque, a livello governativo il focus è concentrato su PagoPa.

Il decreto sulle Semplificazioni prevede oltre allo sviluppo di io.italia.it – il punto di accesso telematico dei servizi online della PA e la piattaforma digitale nazionale dati, che permetterà di estrarre conoscenza dai big data della Pubblica amministrazione – soprattutto la costituzione di una nuova SpA interamente partecipata dallo Stato sui pagamenti digitali verso la pubblica amministrazione che aiuterà il Presidente del Consiglio a diffondere PagoPA.

Questa nuova spa “in house” passa di fatto da AgID (l’Agenzia per l’Italia digitale ora diretta da Teresa Alvaro) alla presidenza del Consiglio dei Ministri – sono previste spese per 5 milioni di euro all’anno fino al 2021 – con l’obiettivo secondo il governo di rendere più semplice, sicuro e trasparente qualsiasi pagamento verso la Pubblica Amministrazione e per “assicurare la capillare diffusione del sistema di pagamento elettronico attraverso la piattaforma” stessa (qui l’approfondimento di Start Magazine).

Nelle pubbliche amministrazione c’è fermento e ci sono anche auspici. Come quello espresso su Start Magazine da Pietro Soleti, direttore generale di Iconto (Istituto di pagamento di InfoCamere): “La piattaforma pagoPa rappresenta senza dubbio una best practice a livello europeo, ma le difficoltà che incontra nel portare a bordo le pubbliche amministrazioni sono il sintomo della lentezza dello switch off digitale. L’approccio scelto è stato orizzontale ossia quello di proporre alla PA il pagamento con strumenti elettronici di tutti i processi, ma molti di questi sono ancora tradizionali e non digitali; il risultato? Continui rinvii dell’obbligatorietà di pagoPa”, ha scritto.

A breve la piattaforma PagoPa potrebbe approdare in Cassa depositi e prestiti, scrive oggi Mf-Milano Finanza. La società PagoPa, di fatto, è candidata a diventare il nodo unico di pagamento per tutte le amministrazioni pubbliche, visto che già da oggi può contare sull’adesione di 17.000 amministrazioni (più del 73% del totale) e 400 prestatori di servizio aderenti, per oltre 2,3 miliardi di euro di transazioni.

Un collegamento tra PagoPa e Sia c’è già visto che il partner tecnologico di PagoPa è Sia, la società partecipata da Cdp tramite il fondo Fsia Investimenti (che vede Fsi Investimenti di Cdp al 70% e Poste Italiane al 30%) che ha il 49,48% della società guidata da Nicola Cordone. Non solo: alla vicepresidenza di Sia – su indicazione della Cdp – è arrivato Massimo Sarmi, già numero uno di Poste Italiane e ora vicino alla Lega di Matteo Salvini. E tra gli obiettivi dell’ultimo piano industriale della società guidata da Fabrizio Palermo – che giorni fa ha inaugurato nell’ambito di un piano di espansione territoriale del gruppo Cdp una sede a Verona proprio alla presenza di Salvini – c’è la promozione di soluzioni per la digitalizzazione dei pagamenti verso le pubbliche amministrazioni ed enti locali.

Come detto, lo scenario sistemico gradito a livello governativo e istituzionale sarebbe un campione nazionale che includesse anche Nexi. Ma come avviene anche nel caso di Sia, sarebbero le banche azioniste delle due società a nicchiare (qui e qui sul tema gli ultimi approfondimenti di Start Magazine). Anche se alcuni osservatori del settore – al corrente di dossier e pour parler – sono scettici sulla reale fattibilità di questi scenari.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati