skip to Main Content

Mondadori acquisisce Banzai. E’ il primo editore digitale italiano

Mondadori

Con un’operazione di 45 milioni di euro, Mondadori si aggiudica alcuni siti di particolare rilevanza nel mercato italiano come PianetaDonna, Giallo Zafferano, Studenti.it e Mypersonaltrainer (e 8,9 milioni di utenti unici già attivi)

Mondadori ha acquisito Banzai, diventando il primo editore digitale italiano. L’operazione, infatti, porterà a Mondadori oltre 8,9 milioni di utenti unici già attivi e alcuni siti di particolare rilevanza nel mercato italiano come PianetaDonna, Giallo Zafferano, Studenti.it e Mypersonaltrainer.

Mondadori acquisisce Banzai: I termini dell’accordo

“I termini dell’operazione – si legge in un comunicato – attribuiscono a Banzai Media Holding un enterprise value pari a 45 milioni di euro, suddiviso in una componente fissa di 41 milioni di euro e un earn-out di 4 milioni di euro. Il corrispettivo dell’acquisizione al closing – al netto di un indebitamento finanziario netto normalizzato stimato di 16,4 milioni di euro (che include debiti finanziari verso la controllante Banzai S.p.A. e 3,3 milioni di euro per componenti differite di prezzo relative ad alcune partecipazioni) – è pari a 24,6 milioni di euro. L’earn-out previsto a favore di Banzai S.p.A. sarà corrisposto all’eventuale conseguimento di predeterminati risultati relativi al triennio 2016-2018”.
Non solo. Mondadori ha garantito a Banzai anche la disponibilità di spazi pubblicitari per tre anni, con un beneficio stimato di circa 7 milioni di euro.

“Siamo particolarmente orgogliosi di aver raggiunto un altro importante traguardo nel piano di sviluppo di Mondadori dopo l’operazione Rizzoli Libri che ci consolida nella posizione di primo gruppo editoriale italiano. In questi mesi stiamo vivendo una nuova fase di crescita, finalizzata all’ulteriore rafforzamento delle nostre attività strategiche: i libri e i magazine. L’acquisizione di Banzai Media Holding ci permette di accelerare il processo di trasformazione del nostro Gruppo, già portato avanti con successo grazie alle azioni di recupero di redditività e la conseguente capacità di investire nel core business”, ha commentato Ernesto Mauri, amministratore del Gruppo Mondadori. “Oggi abbiamo concluso un’operazione che ci darà un deciso impulso nel digitale, indispensabile per far evolvere i nostri magazine, ambito in cui siamo già leader con oltre il 30% del mercato grazie al portafoglio più diversificato e di qualità presente in Italia“. “Raggiungiamo oggi una massa critica nell’online che consentirà a Mondadori di giocare anche in questo settore un ruolo da protagonista, comparabile – in termini di audience – a quello degli over the top – conclude – con una proposta di contenuti, servizi e ricavi pubblicitari superiore a tutti gli altri player”.

Mondadori

Banzai quale futuro?

Quale futuro ora per Banzai? Il gruppo si concentrerà sull’attività di e-commerce. Con l’acquisizione della parte editoriale da parte di Mondadori, “Dotiamo quindi il nostro gruppo e-commerce di risorse determinanti per accelerare la crescita, anche alla luce degli incoraggianti dati di sviluppo del mercato del commercio elettronico che in Italia è atteso crescere nei prossimi cinque anni con un Cagr (il tasso di crescita annuo composto, ndr) del 16%, 6 punti sopra la media di Francia, Regno Unito e Germania”, ha affermato Pietro Scott Jovane, amministratore delegato di Banzai. Ora puntiamo “a rafforzare ulteriormente la posizione di leadership di Banzai, primo player italiano nel mercato domestico dell’e-commerce e di ePRICE, leader assoluto nel mercato online dei grandi elettrodomestici”.

Banzai: una perdita di oltre 10 milioni nel 2015

Perdite record per Banzai nel 2015. Il gruppo, per il settore editoria,

ha registrato lo scorso anno una perdita netta pari a 10,76 milioni di euro. Si tratta di un drastico peggioramento, rispetto al rosso di 2,1 mln registrato nel 2014.

Va meglio, invece, per i ricavi in crescita a doppi a cifra. Il giro d’affari dello scorso anno si è attestato, infatti, a quota 234,8 milioni di euro, in crescita del 27% rispetto ai 185 milioni di euro dell’intero 2014. I ricavi del comparto e-commerce hanno registrato un miglioramento del 28,5%, mentre quelli dell’area media si sono incrementati del 15%. L’aumento dei ricavi, nel 2015, è stato superiore agli obiettivi indicati dal gruppo stesso, che prevedevano un miglioramento del 25%.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore