Mobilità

Vi spiego perché Alitalia può benissimo fallire. Parola di ex top manager

di

alitalia

L’opinione di Riccardo Ruggeri, già manager, ora analista, imprenditore e saggista, sulla vicenda Alitalia 

TUTTI GLI APPROFONDIMENTI PIÙ RECENTI DI START MAGAZINE SUL DOSSIER ALITALIA:

IO, EX TOP MANAGER ALITALIA, DICO: NO ALITALIA GLI STRANIERI

CHI SI CUCCHERÀ LA BAD COMPANY DI ALITALIA? FATTI E INDISCREZIONI

FS, EASYJEAT, DELTA. CHI PUNTA (E COME) SU ALITALIA. FATTI E PROBLEMI

ALITALIA, CDP E NON SOLO. TUTTE LE TENSIONI FRA GUZZETTI E DI MAIO

ECCO COME IL GOVERNO CRITICA I COMMISSARI ALITALIA

TUTTE LE ANOMALIE DEL CONNUBIO FS-ALITALIA. PARLA GIURICIN

ALITALIA-FS, ECCO SBANDATE E AMNESIE DI MAZZONCINI

IO, EX TOP MANAGER ALITALIA, DICO: NO ALITALIA GLI STRANIERI

IL CAMEO DI RICCARDO RUGGERI

Da una decina d’anni mi tocca scrivere di Alitalia. Se fossi un ecclesiastico sarebbe l’equivalente di un canonicato, una sinecura. Riprendo i tanti Camei che ho scritto, elimino il polverume, una rinfrescata, qualche battuta nuova per contestualizzarla, e oplà il Cameo è aggiornato all’oggi.

All’inizio mi lanciavo pure in proposte, mi lasciavo coinvolgere, da anni no, ormai ho scelto: vorrei che l’Alitalia venisse lasciata fallire, in fretta seppur con dignità, nel silenzio composto di noi cittadini, visto che alla fine ci sarà costata come minimo 10 miliardi a partire dal fallimento del 2008 fino a oggi, ma non finirà così. Speravo che il Governo Conte lo facesse, invece no, Luigi Di Maio ha indossato la divisa spaziale di stratega dei cieli: avremo la stessa sceneggiata?

Se sì il finale sarà stesso. L’Alitalia è la metafora del fallimento delle élite pubbliche e private italiane, politicamente rappresentate da Pd e da Fi, che ci hanno governato in questo osceno quarto di secolo: hanno dilapidato gran parte del patrimonio statale, senza neppure capire dove stava andando il mondo.

Alitalia è stata, in successione, un’azienda pubblica, semi pubblica, semi privata, privata. E da privata, ricordiamolo sempre, è fallita, pur avendo al vertice, non dei boiardi di stato, ma tre miti del management privato internazionale: Luca Cordero di Montezemolo, James Hogan, Cramer Ball. Si leggano i nomi dei ceo che si sono succeduti negli ultimi quarant’anni, la crème de la crème delle élite manageriali del paese, eppure hanno tutti fallito. Apro parentesi: le aziende falliscono solo per colpa dei ceo e degli azionisti, mai per colpa del mercato, dei sindacati, dei dipendenti.

C’è una fake news (istituzionale) che circola dal 2008 (prevedo tornerà presto di moda): «Prodi aveva fatto il capolavoro, Berlusconi l’ha distrutto». Un falso, entrambi erano due vecchie lenze della politica e del business parastatale. Loro sapevano benissimo che Alitalia era irrecuperabile, ma sapevano pure che non poteva fallire, perché nelle sue viscere c’era un asset negativo, che dai bilanci non emergeva.

Era l’esercito dei «50 mila» (allora, oggi sono molti molti meno) che, o come dipendenti della compagnia o come dipendenti dell’indotto, erano quasi tutti concentrati nella capitale. La «Bomba Roma», l’avevo chiamata. Prevedevo fosse impossibile per Roma rinunciare a migliaia di lavoratori ad alta retribuzione. Così è stato, i loro stipendi sono, in parte, sopravvissuti, l’Alitalia è morta, lo Stato ha sborsato montagne di quattrini, ma la bomba (seppur smagrita) è ancora lì.

I colti dicono: ma Prodi era riuscito a venderla. Vero, ma imbrogliando Air France. Quando i francesi se ne fossero accorti (facile), avrebbero fatto esplodere la «Bomba Roma». (Nota operativa: se sei un politico o un manager serio, e vuoi vendere un’azienda fallita, prima la «ristrutturi», e la consegni «pulita» al compratore, al limite fai lo «spezzatino», ti costa meno e non ti torna poi indietro). Allora, subentrò Berlusconi (si disse che vinse le elezioni con questa mossa), l’affidò a degli incapaci come lui, tutti rigorosamente privati, si spacciavano pure per imprenditori, per manager, ma non lo erano, alcuni avevano già fallito (clamorosamente) nelle imbarazzanti privatizzazioni della Seconda repubblica.

Dieci anni dopo, malgrado la gestione di privati e di manager prestigiosi tornammo alla casella di partenza. Ora c’era Renzi, uomo ambizioso, ma l’Alitalia era invendibile in Europa: chi, se non un idiota, compra un’azienda quando può acquisirne gli asset dal fallimento? Ma è invendibile anche nell’extra Europa, non solo per il vincolo europeo del 49%. Il presupposto strategico è sempre lo stesso: prima il venditore deve ristrutturala.

Ma chi aveva gli attributi per farlo? Allora dissero: Carlo Calenda. Scrissi, non scherziamo (scopriamo ora che non riesce neppure a organizzare una cena a quattro). Poi, Matteo Renzi. Scrissi, non è intellettualmente strutturato alla bisogna. Come finirà? Il subentrato Governo Gentiloni la coprirà di cipria, le fornirà via via «cassa», attraverso prestiti statali che nessuno mai rimborserà, fingeranno di fare trattative, e Alitalia «brucerà cassa», serenamente, come ha sempre fatto. Questo scrivevo un anno fa. Così è andata.

Poi è arrivato il 4 marzo, il governo del cambiamento, e siamo tornati alla casella di partenza. Che fare? Lo ripeto fino alla noia. Fallire con dignità, nel silenzio composto di politici, economisti, magistrati, cittadini, dipendenti compresi. Succederà? Non credo. Ricomincerà la giostra, al posto di Renzi e di Calenda ci saranno Conte e Luigi Di Maio. E fra un anno, forse, scriverò un nuovo Cameo, sempre lo stesso. Prosit

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati