Mondo

La Cina, il Coronavirus e l’Africa. L’approfondimento di Punzi

di

Africa

Come gli Stati africani affronteranno il Coronavirus? Che cosa emerge da uno studio pubblicato su The Lancet. L’approfondimento di Federico Punzi di Atlantico Quotidiano

 

Il vero allarme, di cui naturalmente sembra vietato parlare, si chiama Africa.

Com’è noto, il continente è ampiamente impreparato, per stessa ammissione dell’Oms, a diagnosticare ed affrontare il Coronavirus. Al momento è buio pesto sulla situazione reale, ma appare davvero improbabile che non vi siano dei casi.

L’Africa infatti ospita quasi un milione di cittadini cinesi impegnati nei lavori connessi alle infrastrutture e allo sfruttamento delle risorse minerarie, ed è trascorso almeno un mese e mezzo dall’esplosione dell’epidemia.

Si calcola che circa 1.500 passeggeri in arrivo dalla Cina sbarchino ogni giorno all’aeroporto Bole di Addis Abeba e da qui raggiungano altre destinazioni in Africa, come mostrano alcuni grafici del Brookings Institute.

Ad oggi, le misure adottate negli scali africani sono quelle standard, ovvero la misurazione della temperatura per i passeggeri in transito dalla Cina, ma come sappiamo non si può escludere che i sintomi comincino a manifestarsi anche diversi giorni dopo lo sbarco.

Secondo un reportage della Associated Press dallo Zambia, una delle società che opera nel Paese ha sede proprio a Wuhan e centinaia di persone hanno viaggiato avanti e indietro su quella tratta anche nelle ultime settimane, quando l’emergenza globale non era ancora stata dichiarata (fino al 30 gennaio) e la Cina minimizzava i numeri.

Il timore è che l’assenza fino ad oggi di casi positivi in Africa sia dovuta alla mancanza di test.

Secondo uno studio pubblicato su The Lancet, Egitto, Algeria e Sud Africa sono i Paesi africani più soggetti ad importare casi di coronavirus, ma hanno anche i sistemi sanitari più preparati e meno vulnerabili, mentre Nigeria, Etiopia, Sudan, Angola, Tanzania, Ghana e Kenya corrono minori rischi ma sono meno preparati e più vulnerabili.

“Ho qualche perplessità che i servizi sanitari dei Paesi africani riescano a contenere il contagio”, ha detto all’Ansa la virologa Ilaria Capua.

Lo scorso 14 febbraio, al meeting annuale della American Association for the Advancement of Science, Bill Gates ha avvertito che “l’emergenza sanitaria potrebbe rivelarsi estrema, se dovesse diffondersi in aree come l’Africa sub-sahariana o alcune zone dell’Asia. A quel punto, la situazione diverrebbe drammatica. Se questa malattia arrivasse in Africa, creerebbe molti più danni di quanti non ne faccia in Cina”.

La minaccia per l’Italia (e per l’Europa) è costituita anche dai flussi migratori nel Mediterraneo centrale. Se ovviamente il maggior numero di ingressi nel nostro Paese dall’Africa avviene per la via meglio controllata, quella dei voli civili, non sono tuttavia trascurabili i numeri degli sbarchi autonomi o via ong.

Non bisogna dimenticare che non si tratta di Ebola, i cui sintomi non permetterebbero ad una persona infetta di avventurarsi in un viaggio come quello dei migranti che si imbarcano in Libia verso l’Italia, ma di un virus con sintomi iniziali anche molto lievi, simili a quelli dell’influenza e del raffreddore.

(estratto di un articolo pubblicato su Atlantico Quotidiano)

+++

GLI APPROFONDIMENTI DI START MAGAZINE:

CORONAVIRUS, COSA SI E’ SBAGLIATO IN ITALIA E COSA FARE ORA. PARLA RICCIARDI (OMS)

CHE COSA HA DECISO IL GOVERNO CON LOMBARDIA E VENETO

ECCO LA BOZZA DEL DECRETO DEL GOVERNO SUL CORONAVIRUS

COME EVITARE IL CONTAGIO. LE REGOLE E I CONSIGLI DEL MINISTERO DELLA SALUTE

ECCO IL PRONTUARIO DELLA CROCE ROSSA CONTRO IL CORONAVIRUS

CORONAVIRUS, COSA SI E’ SBAGLIATO IN ITALIA E COSA FARE ORA. PARLA RICCIARDI (OMS)

I CONSIGLI DEL PROF. MAGA DEL CNR: QUI E QUI

IL POST DEL VIROLOGO BURIONI; QUI TUTTI GLI ARTICOLI E I CONSIGLI DI BURIONI

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati