Innovazione

Cloud europeo, chi sono le 29 aziende italiane in Gaia-X

di

cloud gaia-x

All’iniziativa franco-tedesca Gaia-X aderiscono anche 29 società italiane, l’obiettivo è costruire una serie di standard per la condivisione dei dati cloud tra i produttori. Tutti i dettagli

 

Da Aruba a Intesa Sanpaolo, da Enel a Leonardo, fino a Tim e Confindustria Digitale. Sono alcune delle 29 aziende e associazioni italiane che hanno aderito a Gaia-X, il progetto per un’infrastruttura europea di cloud.

Organizzato il 18 e 19 novembre, il summit Gaia-X mira ad estendere l’iniziativa oltre la sua culla franco-tedesca.

Proprio ieri è stata annunciata la lista dei 159 nuovi membri di Gaia-X.

Con 181 membri (comprensivi delle 22 società francesi e tedeschi fondatrici), l’iniziativa intende costruire una serie di standard e regole per promuovere la condivisione dei dati tra i produttori.

Lo scopo di Gaia-X non è creare un cloud europeo alternativo ai colossi americani, quanto permettere alle aziende di scambiare fra loro dati indipendentemente dal cloud utilizzato e, in caso, di passare senza ostacoli tecnici o economici da un fornitore di servizi cloud all’altro.

Proprio per questo anche i colossi stranieri come i cinesi Alibaba e Huawei e statunitensi come Microsoft, Google e Amazon Web Services sono coinvolte nel progetto Gaia-X. Previsto per oggi infatti anche il loro intervento.

Tutte le novità sull’iniziativa europea.

TIM, INTESA SANPAOLO, ENEL E LEONARDO TRA LE SOCIETÀ CHE HANNO ADERITO A GAIA-X

Ieri sono state annunciate le 29 realtà italiane che parteciperanno a Gaia-X: Almaviva, Aruba, Assosoftware, Bit4id, Cefriel, Confindustria Digitale, Servizi Innovativi, Cy4gate, Dedagroup, Enel, Engineering, Eurolink, Eustema, Fastnet, Intesa Sanpaolo, Irideos, Leonardo, Lineup, Netalia, Poste Italiane, Real Comm, Reply, Retelit, Siav, Sogei, Tim, Top-ix, Vargroup e Westpole.

Se la maggioranza dei 181 membri che oggi compongono l’iniziativa è ancora tedesca e poi francese, la rappresentanza italiana è terza per numero di adesioni. E comprende compagnie private, partecipate pubbliche e associazioni.

UN CENTRO NAZIONALE GAIA-X

Come ha sottolineato Mf/Milano Finanza, “il prossimo passo sarà creare un centro nazionale di Gaia-X per coinvolgere l’imprenditoria e la politica italiana nel progetto che già gode del sostegno del ministro dell’Innovazione”.

PREVISTO OGGI L’INTERVENTO DELLA MINISTRA PAOLA PISANO

Anche la ministra dell’Innovazione tecnologica e digitalizzazione, Paola Pisano, interverrà infatti al Gaia-X Summit. Si tratta, evidenziano dagli uffici di Pisano, “di un importante incontro internazionale per porre le basi della federazione europea di cloud”.

Il fatto che al fianco dei ministri dell’Economia francesi e tedeschi, Bruno Le Maire e Peter Altmaier, e il commissario europeo Thierry Breton, interverrà anche la ministra italiana Pisano rappresenta un chiaro segno di apertura, secondo i media francesi.

IL PROGETTO GAIA-X

Lanciato lo scorso giugno, il progetto d’iniziativa franco-tedesca Gaia-X ha l’obiettivo di creare una infrastruttura sicura per la condivisione e l’accesso ai dati, ossia le basi per un’offerta cloud basata sui valori europei.

Gaia-X si propone inoltre di dettare un nuovo standard europeo per la creazione e l’erogazione di servizi cloud ideali per la conservazione, gestione ed elaborazione dei dati di imprese e cittadini.

In altri termini, Gaia-X non è un cloud ma una iniziativa europea finalizzata a creare un ecosistema unificato e regolato di servizi cloud.

I PROSSIMI PASSI

Lo scorso 15 settembre i 22 membri fondatori hanno annunciato che Gaia-X avrebbe assunto la forma di un’associazione internazionale di diritto belga. Al momento in attesa di un decreto reale per finalizzare la sua creazione.

I 181 membri attuali dovranno quindi rivedere nei prossimi mesi le architetture standard delineate dai soci fondatori affinché i primi servizi di Gaia-X siano operativi alla fine del 2021.

BIG TECH USA E CINESI A BORDO

Infine, non deve sorprendere la presenza dei colossi americani e cinesi del settore (Amazon, Microsoft, Google, Alibaba ma anche Huawei e Palantir) nell’elenco dei membri di Gaia-X.

Microsoft, Amazon, Google e Alibaba rappresentavano il 72% del cloud pubblico nel 2019. E proprio questa posizione dominante ha destato la preoccupazione di industrie e istituzioni europee.

“Il cloud sovrano significa restituire la sovranità nell’utilizzo dei dati a chi li condivide”, ha spiegato Hubert Tardieu, ceo ad interm di Gaia-X. Ricordiamo che Tardieu è advisor del ceo di Atos, la società francese fondatrice di Gaia-X che proprio questa settimana ha avviato una partnership sul cloud con l’italiana Tim.

In altre parole l’obiettivo di Gaia-X non è sviluppare un cloud pubblico europeo. Quanto sviluppare una serie di standard politici e tecnici per garantire il corretto utilizzo e controllo dei dati condivisi nel cloud. E promuovere il loro raggruppamento tra le aziende per moltiplicare i casi d’uso.

ECOSISTEMA APERTO

Come aveva spiegato anche Deutsche Telekom, gigante tedesco tlc tra i 22 membri fondatori di Gaia-X, è meglio rimanere in un ecosistema aperto per poter offrire ai clienti una strategia di diversificazione.

SENZA POSSIBILITÀ DI ENTRARE NEL BOARD DI GAIA-X

Anche le big tech straniere potranno dunque contribuire a Gaia-X, ma “come ogni azienda che non ha sede in territorio europeo, non avranno accesso al consiglio di amministrazione “, ha assicurato Hubert Tardieu.

Amazon, Microsoft &Co potranno quindi proporre le proprie offerte secondo gli standard stabiliti da Gaia-X, ma non influenzano direttamente la costruzione di questi standard.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati