skip to Main Content

Perché i prezzi di petrolio e gas turbano gli Usa. Report Nyt

Prezzo Petrolio

L’aumento dei prezzi del petrolio e del gas si aggiunge alle sfide economiche degli Stati Uniti. L’approfondimento del New York Times

 

Mentre l’economia degli Stati Uniti lotta per emergere dal suo letargo indotto dalla pandemia, i consumatori e le imprese hanno incontrato carenze di prodotti, difficoltà di assunzione e spesso indicazioni contrastanti sulla salute pubblica.

Ora la ripresa affronta un nemico più familiare: l’aumento dei prezzi del petrolio e della benzina.

Il West Texas Intermediate, il prezzo di riferimento del petrolio negli Stati Uniti, ha raggiunto 76,98 dollari al barile martedì, il suo livello più alto in sei anni, poiché l’OPEC, la Russia e i loro alleati non sono riusciti a trovare un accordo sull’aumento della produzione. I prezzi si sono moderati nel corso della giornata, ma sono rimasti quasi 10 dollari al barile in più rispetto a metà maggio.

Riflettendo l’aumento dei prezzi del greggio, il prezzo medio di un gallone di benzina negli Stati Uniti è salito a 3,13 dollari, secondo AAA, da 3,05 dollari un mese fa. Un anno fa, quando il coronavirus ha tenuto la gente a casa, la benzina costava in media solo 2,18 dollari al gallone – scrive il NYT.

La società di auto ha detto martedì che si aspettava che i prezzi aumentassero di altri 10-20 centesimi fino alla fine di agosto.

Il rapido rincaro arriva in un momento delicato per l’economia statunitense, che stava già sperimentando l’inflazione più rapida degli ultimi anni tra la ripresa dell’attività dei consumatori e le strozzature della catena di approvvigionamento. E potrebbe causare un mal di testa politico per il presidente Biden mentre cerca di convincere il pubblico che le sue politiche stanno aiutando il paese a ritrovare la sua strada.

Interrogata sui prezzi del petrolio in una conferenza stampa alla Casa Bianca martedì, Jen Psaki, l’addetta stampa, ha detto che l’amministrazione stava monitorando la situazione ed era stata in contatto con i funzionari dell’Arabia Saudita e di altri grandi produttori. Ma ha indicato che il presidente ha un controllo limitato sui prezzi del carburante.

“A volte c’è un malinteso su ciò che causa l’aumento dei prezzi del carburante”, ha detto la signora Psaki. “La disponibilità dell’offerta di petrolio ha un impatto enorme”.

Infatti, gli esperti di energia hanno detto che il recente salto dei prezzi del petrolio ha più a che fare con le forze economiche e geopolitiche globali che con le politiche interne. La domanda globale di energia è crollata quando la pandemia si è diffusa l’anno scorso, portando alla fine l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e i suoi alleati a tagliare la produzione per evitare un crollo dei prezzi. La domanda ha cominciato a rimbalzare con la ripresa dell’attività economica, ma la produzione non ha tenuto il passo: L’OPEC Plus, l’alleanza dei produttori di petrolio, lunedì ha annullato una teleconferenza per discutere l’aumento della produzione.

L’impatto economico diretto dell’aumento dei prezzi del petrolio sarà probabilmente molto più modesto che nei decenni passati. L’energia in generale gioca un ruolo minore nell’economia a causa di una migliore efficienza e uno spostamento dalla produzione, e l’aumento dell’energia rinnovabile significa che gli Stati Uniti sono meno dipendenti dal petrolio in particolare.

Inoltre, l’aumento della produzione interna di petrolio negli ultimi anni significa che l’aumento dei prezzi del petrolio non è più un’inequivocabile negatività per l’economia degli Stati Uniti: prezzi più alti sono una cattiva notizia per gli automobilisti e i consumatori, ma una buona notizia per le compagnie petrolifere e i loro lavoratori, e la vasta rete di produttori di attrezzature e fornitori di servizi che li forniscono.

Joe Brusuelas, capo economista della società di contabilità RSM, ha detto che prezzi del petrolio di 80 o anche 100 dollari al barile non lo preoccupano. Solo quando i prezzi supereranno i 120 dollari al barile comincerà a preoccuparsi seriamente dell’impatto economico, ha detto.

“Il mondo è cambiato”, ha detto Brusuelas. “I rischi non sono più quelli di una volta”.

Tuttavia, i costi dei prezzi più alti non saranno sentiti allo stesso modo. Gli americani poveri e della classe operaia guidano auto e camion più vecchi e meno efficienti e spendono più del loro reddito in carburante.

Scott Hanson di Western Springs, Illinois, ha detto che 40 dollari erano sufficienti per riempire il suo serbatoio di benzina l’anno scorso, quando ha perso il suo lavoro di capoufficio a causa della pandemia. Ora il signor Hanson sta pagando oltre 60 dollari per riempire la sua Dodge Charger, rendendo i viaggi per portare sua madre ai suoi appuntamenti medici più costosi. La benzina in Illinois ha una media di 3,36 dollari al gallone, secondo la AAA.
“È troppo per troppe persone che hanno perso il lavoro o che hanno lavori poco pagati”, ha detto il signor Hanson. “Tutto il male che potrebbe accadere sta accadendo tutto in una volta”.

I prezzi della benzina rimangono anche un simbolo potente e molto visibile dell’aumento dei prezzi quando molti consumatori – e alcuni economisti – sono nervosi per l’inflazione. I prezzi al consumo sono aumentati del 5% a maggio rispetto a un anno prima, il più grande aumento annuale in più di un decennio, e i meteorologi si aspettano che i dati di giugno, che saranno rilasciati la prossima settimana, mostrino un altro aumento significativo.
I politici della Federal Reserve hanno detto che si aspettano che l’aumento dell’inflazione sia di breve durata, ed è improbabile che cambino questa opinione sulla base di un aumento dei prezzi dell’energia, che sono spesso volatili anche in tempi normali, ha detto Jay Bryson, capo economista di Wells Fargo.

Ma se l’aumento dei prezzi del petrolio porta i consumatori e le imprese a credere che l’inflazione più rapida continuerà, questo potrebbe essere un problema più difficile per la Fed. La ricerca economica suggerisce che i prezzi delle cose che i consumatori comprano spesso, come il cibo e la benzina, pesano particolarmente sulle loro aspettative di inflazione. Con i sondaggi dell’opinione pubblica che mostrano una crescente preoccupazione per l’inflazione, l’aumento dei prezzi del petrolio aumenta il rischio di un cambiamento più duraturo nelle aspettative, ha detto David Wilcox, un ex economista della Fed che ora è un senior fellow al Peterson Institute for International Economics di Washington.

“Non mi aspetto che il prezzo del petrolio sia la goccia che fa traboccare il vaso, ma è un’altra goccia che sta già creando un bel po’ di pressione”, ha detto il signor Wilcox. “C’è un rischio molto maggiore oggi di una psicologia inflazionistica che prende piede di quanto avrei detto tre o cinque anni fa”.

I repubblicani hanno approfittato dell’aumento dei prezzi per criticare le politiche energetiche del signor Biden, compresa la sua decisione di annullare i permessi per l’oleodotto Keystone XL e la sua pausa sulla vendita di nuove locazioni di petrolio nelle terre federali, una mossa che un giudice federale ha bloccato.

“La cattiva politica sta già creando condizioni come l’aumento dei prezzi della benzina che non vedevamo da molto tempo”, ha scritto il senatore John Barrasso, repubblicano del Wyoming.. (Gli esperti di energia dicono che le politiche del signor Biden non hanno avuto alcun impatto significativo sui prezzi del petrolio).

La signora Psaki ha notato che il signor Biden si è sempre opposto a un aumento della tassa federale sul gas, che alcuni senatori repubblicani e gruppi di imprenditori hanno chiesto per aiutare a finanziare la spesa per le infrastrutture. L’accordo che il signor Biden ha raggiunto con un gruppo bipartisan di senatori il mese scorso non includeva un aumento della tassa sul carburante.

“Garantire che gli americani non debbano sopportare un peso alla pompa continua ad essere una priorità assoluta per l’amministrazione”, ha detto la signora Psaki. “Questa è una delle ragioni principali per cui il presidente si è opposto – con veemenza – a una tassa sulla benzina e a qualsiasi tassa sul chilometraggio dei veicoli, perché sentiva che avrebbe gravato sulle spalle degli americani. E questa era una linea rossa di fondo per lui”.

La produzione interna di petrolio dovrebbe aumentare nei prossimi mesi, dato che i prezzi più alti e l’aumento della domanda spingono le compagnie a intensificare le perforazioni. Ma qualsiasi rimbalzo sarà probabilmente graduale. Le compagnie petrolifere statunitensi sono state caute nell’investire in nuove esplorazioni e produzioni nel corso dell’ultimo anno, anche se i prezzi del petrolio sono più o meno raddoppiati rispetto alla prima metà del 2020, quando la pandemia ha bucato la domanda. I dirigenti delle compagnie dicono di essere concentrati sui riacquisti di azioni e sulla riduzione del debito, mentre le vendite aumentano.

Il Dipartimento dell’Energia prevede che la produzione sarà in media di 11,1 milioni di barili al giorno quest’anno e di 11,8 milioni nel 2022, 400.000 barili al giorno in meno rispetto al 2019.

Anche senza un’impennata nella produzione interna di petrolio, molti esperti dubitano che i prezzi continueranno a salire al loro recente ritmo. I membri dell’OPEC sono generalmente d’accordo sul fatto che la produzione dovrebbe aumentare, ma non sono d’accordo su quanto. E un nuovo accordo nucleare con l’Iran o uno scongelamento delle relazioni tra Stati Uniti e Venezuela potrebbe portare una marea di nuove forniture. L’Iran da solo potrebbe potenzialmente aggiungere da 2,5 milioni a tre milioni di barili di petrolio al giorno sul mercato globale, o approssimativamente un’aggiunta del 3% alle forniture.

Allo stesso tempo, la diffusione di nuove varianti di coronavirus ha portato alcuni paesi a reimporre o stringere le restrizioni sull’attività, il che potrebbe smorzare la domanda di petrolio. Capital Economics, una società di previsioni, ha detto martedì che si aspetta che i prezzi del petrolio raggiungano il picco di circa 80 dollari al barile prima di ricadere con l’aumento dell’offerta. Ma l’azienda ha detto che un crollo dei prezzi o un ulteriore picco rimangono entrambi possibili.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore