skip to Main Content

Perché urge salvare ex Ilva e Popolare di Bari. Parla Sapelli

Draghi Sapelli

Conversazione di Start con lo storico ed economista, Giulio Sapelli, sui due casi aziendali che stanno scuotendo il Mezzogiorno e non solo: l’ex Ilva di Taranto e la Banca Popolare di Bari (di cui Sapelli per pochi mesi è stato vicepresidente)

 

La possibile azione di responsabilità dei nuovi vertici della Popolare di Bari contro i vecchi amministratori, capeggiati da Marco Jacobini, è una notizia che non può lasciare indifferenti, tanto più considerando le acque già tanto agitate dell’istituto pugliese, alle prese con un piano di salvataggio da 1 miliardo (con l’intervento anche del Mediocredito centrale, controllato dalla holding statale Invitalia) e con un’indagine della procura di Bari su una vicenda controversa che riguarda un‘iniziativa dell’attuale capo azienda, Vincenzo De Bustis. (TUTTI I SUBBUGLI GIUDIZIARI SULLA POPOLARE DI BARI)

(VI SPIEGO LE ANOMALIE DEL MES. L’ANALISI DI SAPELLI)

E non lascia indifferente neppure Giulio Sapelli, storico ed economista, che peraltro è stato consigliere d’amministrazione della Banca Popolare di Bari lo scorso anno. Delle motivazioni del suo addio, dopo pochi mesi dalla nomina, Sapelli non ha mai voluto parlare e continua a non farlo, ma – in un’intervista a Start  – si dice “molto dispiaciuto” per quanto sta accadendo.

(TUTTI GLI EFFETTI NON SOLO ENERGETICI DELL’IPO DI ARAMCO. PARLA IL PROF. SAPELLI)

“Di sicuro tra i nuovi consiglieri ci sono persone avvedute, come l’amministratore delegato De Bustis e come il presidente Giannelli” e un’azione del genere potrebbe rivelare che “la situazione proprio non poteva andare”, si limita a dire Sapelli.

(LE MIRE DI FRANCIA E GERMANIA SUL CONTE 2. IL COMMENTO DI SAPELLI)

Secondo Sapelli “ci voleva forse uno shock, una terapia d’urto, ma non so se questa è la migliore”. Di sicuro, aggiunge, “la terapia d’urto più importante è quella di salvare la Popolare di Bari”, il più importante istituto di credito del Mezzogiorno cui è legata tanta parte del tessuto produttivo non solo della Puglia.

(TUTTI I SUBBUGLI GIUDIZIARI SULLA POPOLARE DI BARI)

I problemi dell’istituto pugliese richiamano alla mente quelli di un’altra rilevante pedina dell’economia meridionale, l’ex Ilva, anch’essa in grave crisi. Di queste ore la notizia che il gruppo franco-indiano Arcelor Mittal – con cui il governo sta trattando per non fargli lasciare lo stabilimento tarantino – prevede 4.700 esuberi entro il 2023. Mentre gli ex commissari Ilva oggi hanno contestato le ultime iniziative del capo azienda del gruppo, Lucia Morselli.

(VI RACCONTI I PIANI CONVERGENTI DI RENZI E MACRON ANCHE IN ITALIA. PARLA SAPELLI)

Il pensiero del professore va subito ai tanti lavoratori di queste due realtà del Sud. “Prendiamo l’occasione per dire che bisogna mettersi in alto e vedere insieme e agire simultaneamente – auspica Sapelli -. Non si deve pensare di salvare l’una contro l’altra. Se si salva Popolare di Bari va salvata anche l’ex Ilva”.

QUI GLI ULTIMI APPROFONDIMENTI DI START SULLA BANCA POPOLARE DI BARI

QUI GLI ULTIMI APPROFONDIMENTI DI START SUL CASO EX ILVA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore