Economia

La Cina davvero riuscirà a far trottare l’economia mondiale?

di

Cina

L’approfondimento (scettico) del Wall Street Journal sulla capacità della Cina di alimentare una ripresa globale dell’economia

Quest’anno non sarà facile rimettere in piedi l’economia globale. Ma sarà ancora più difficile senza l’aiuto della Cina, la locomotiva che ha alimentato i recuperi dell’ultima emergenza economica mondiale – scrive il WSJ.

Durante la crisi finanziaria del 2008-09, l’impennata della domanda cinese di materie prime e altri beni ha dato impulso alla crescita in tutto il mondo, sostenendo i rimbalzi in luoghi come il Brasile e la Germania. Alcuni Paesi, come l’Australia, hanno evitato la recessione quasi interamente grazie agli scambi commerciali con la Cina.

Questa volta la Cina non è pronta ad aiutare molto. Nonostante i segnali di un solido rimbalzo negli ultimi tempi, la sua economia è stata colpita molto più duramente che nel 2008-09, limitando la sua capacità di sollevare altre nazioni dalla recessione causata dalla pandemia del coronavirus.

La Cina sta mostrando una maggiore moderazione nella spesa per gli stimoli rispetto alle passate flessioni. È anche più autosufficiente in alcuni settori rispetto al passato, il che significa che potrebbe aver bisogno di acquistare meno dall’estero.

Si prevede che quest’anno la Cina registrerà la crescita più forte di qualsiasi altra grande economia. Il Fondo Monetario Internazionale prevede che il prodotto interno lordo cinese si espanderà dell’1% nel 2020. Questo segue una contrazione del 6,8% nel primo trimestre. Stati Uniti, Germania e Giappone dovrebbero subire una contrazione di oltre il 5% quest’anno.

Qualsiasi crescita dell’economia cinese – la seconda più grande al mondo – può fare una grande differenza. Gli acquisti di soia da parte della Cina stanno aiutando gli agricoltori americani, anche se non raggiungono il totale promesso nell’accordo commerciale USA-Cina. In Irlanda, le esportazioni di carne di maiale verso la Cina sono aumentate dell’80% nei primi quattro mesi di quest’anno rispetto allo stesso periodo del 2019, quando la Cina ha affrontato un’epidemia di peste suina.

Tuttavia, a conti fatti, gli economisti affermano che la domanda cinese non sta fornendo tanta energia come durante la passata recessione. Alcuni Paesi sono stati colpiti così duramente che anche la solida domanda cinese non riesce a tirarli fuori dai guai.

Nel 2008, Pechino ha lanciato un pacchetto di stimolo da 586 miliardi di dollari, per un valore di circa il 13% della produzione economica del Paese in quel momento. A ciò ha fatto seguito un boom di prestiti. L’economia cinese è cresciuta del 9,7% nel 2008 e del 9,4% nel 2009.

Gran parte della spesa è stata destinata alle infrastrutture, come strade, aeroporti e abitazioni, che hanno spinto la domanda cinese di materiali importati come il minerale di ferro. L’Australia, uno dei principali beneficiari, ha visto la sua economia espandersi del 3,7% nel 2008 e dell’1,9% nel 2009.

Quest’anno, i contratti annuali di fornitura di minerale di ferro con i clienti cinesi sono in anticipo rispetto ai livelli del 2019, ha dichiarato un alto dirigente minerario australiano. Alcuni di questi dati riflettono il trasferimento della domanda dal Brasile all’Australia, un altro grande operatore del settore del minerale di ferro che è stato colpito più duramente dal coronavirus.

Il quadro è simile in Thailandia, la cui economia dipende fortemente dalla Cina. La domanda cinese ha contribuito a stabilizzare i prezzi della gomma, una delle principali esportazioni thailandesi. Raweeploy Yutthacharoenkit, manager della Bothong Rubber Fund Cooperative Ltd., dice che alcune aziende cinesi si stanno espandendo ed è stato difficile tenere il passo, soprattutto da quando i coltivatori di gomma tailandesi hanno tagliato la produzione a causa di Covid-19.

Lo spostamento a lungo termine della Cina verso una maggiore dipendenza dai servizi invece che dalla produzione ha ulteriormente frenato la domanda di macchinari e attrezzature specializzate che hanno contribuito a trasformare la Cina nel piano industriale mondiale, ha detto Joerg Kraemer, capo economista della Commerzbank di Francoforte.

La spesa dei consumatori ha contribuito a creare nuova domanda in alcuni settori, mentre altri sono stati lasciati fuori.

I produttori tedeschi di auto premium hanno recentemente evidenziato un forte rimbalzo delle vendite cinesi dopo la riapertura delle fabbriche e delle concessionarie di auto nel mese di marzo. BMW ha recentemente riportato un aumento del 17% rispetto all’anno precedente delle vendite dei suoi veicoli a marchio BMW e Mini in Cina nel secondo trimestre, compensando in parte il forte calo del primo trimestre.

Mark Zandi, capo economista di Moody’s Analytics, ha affermato che ora sono gli Stati Uniti che potrebbero essere in una posizione migliore per guidare l’economia globale fuori dalla recessione. La risposta della politica fiscale di Washington a Covid-19 ammonta al 13% del PIL quest’anno, ha detto.

(Tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati