Advertisement skip to Main Content

Economia Globale

È molto chiaro il buio per la crescita globale. Report Le Monde

Che cosa succederà all'economia mondiale. Fatti, numeri e approfondimenti

L’aumento dei tassi di interesse delle banche centrali comincia a pesare sull’attività economica, che è destinata a rallentare sia in Europa che negli Stati Uniti nella seconda metà del 2023 – leggiamo nell’articolo di Le Monde.

Una serie di fallimenti nel settore dei grandi magazzini tedeschi, l’impennata dei tassi d’interesse statunitensi, la crisi immobiliare cinese… Nelle ultime settimane si sono moltiplicati i segnali preoccupanti per la salute dell’economia globale. “Le insolvenze delle imprese sono in aumento ovunque; hanno già superato il livello del 2019 nel Regno Unito, in Canada e in Svezia”, osserva Bruno de Moura Fernandes, economista di Coface.

Il commercio mondiale è in recessione (-0,7% nel primo trimestre del 2023) e i rischi geopolitici continuano a pesare sull’attività. “Niente di veramente catastrofico”, rassicura Charles-Henri Colombier, economista di Rexecode. “Ma le prospettive sono fosche e l’economia dovrebbe mostrare una persistente debolezza nella seconda metà dell’anno”.

All’inizio del 2023, le grandi preoccupazioni legate alla crisi energetica si erano rapidamente dissolte, lasciando il posto a un certo ottimismo eccessivo: l’Europa era in grado di fare a meno del gas russo, la Cina stava finalmente riaprendo la sua economia e il turismo era tornato in pista. “Ma gli indicatori del settore manifatturiero e del clima imprenditoriale si sono rivelati piuttosto scarsi e siamo tornati a un pessimismo misurato”, riassume Hélène Baudchon, economista di BNP Paribas.

Ciò è particolarmente vero per la zona euro. Se nel secondo trimestre le economie francese e spagnola hanno tenuto sorprendentemente bene (con una crescita rispettivamente dello 0,5% e dello 0,4%), mentre la Germania ha ristagnato (0%), i prossimi mesi saranno probabilmente più difficili. “L’inasprimento della politica monetaria comincia a pesare sull’attività: il costo del credito sta aumentando, soprattutto per le imprese”, spiega Riccardo Marcelli Fabiani, di Oxford Economics. A luglio, l’indice PMI, che riflette il sentimento dei responsabili degli acquisti sulla situazione economica, è sceso a 47 nell’Unione monetaria, il livello più basso dal novembre 2020, facendo temere una contrazione dell’attività.

“AUMENTO DEI SALARI REALI”

A giugno, la produzione industriale è aumentata ancora dello 0,5%… Tuttavia, se si tolgono i dati dell’Irlanda (+13,1%), artificialmente gonfiati dalla presenza di multinazionali sul suo territorio, si registra un calo dello 0,9%. “Questo dato è ancora più preoccupante se si considera che il rallentamento sta iniziando a diffondersi anche nei servizi, che finora avevano tenuto piuttosto bene”, osserva Anna Titareva, economista di UBS.

I team di Capital Economics hanno calcolato che il turismo ha favorito la crescita dell’Eurozona di 0,3 punti nella prima metà del 2023. Si tratta di un contributo su cui le economie europee non potranno più contare nella seconda metà dell’anno, dato che il settore è ormai in gran parte tornato al livello pre-Covida-19.

D’altro canto, il calo dell’inflazione nell’Eurozona, dal 10% al 6,1% tra gennaio e luglio, è una buona notizia per le famiglie. “I salari reali finalmente aumenteranno più rapidamente dei prezzi, il che sosterrà i consumi”, spiega Riccardo Marcelli Fabiani. Inoltre, nonostante il rallentamento, è probabile che l’occupazione diminuisca solo marginalmente, a causa della carenza di manodopera in diversi settori. Le aziende preferiscono ridurre il numero di ore di lavoro, se necessario, piuttosto che licenziare i propri dipendenti. “Grazie a questo, il rallentamento dell’attività non dovrebbe essere molto pronunciato”, afferma Hélène Baudchon. Secondo le sue previsioni, il prodotto interno lordo (PIL) dovrebbe crescere dello 0,5% nel 2023 nella zona euro e dello 0,6% nel 2024.

Inoltre, il ritorno delle regole di bilancio europee previsto per il 2024 costringerà probabilmente i governi a ridimensionare gli aiuti economici introdotti per far fronte alla crisi energetica o alla crisi sanitaria. “In Francia, la stretta di bilancio dovrebbe pesare per 0,7 punti di PIL nell’anno [2023]”, aggiunge Maxime Darmet, economista di Allianz Trade.

“UNA BOMBA A OROLOGERIA”

A prima vista, il quadro è leggermente migliore sull’altra sponda dell’Atlantico, dove l’inizio dell’anno è stato sorprendentemente forte. Secondo il Fondo Monetario Internazionale, nel 2023 la crescita degli Stati Uniti dovrebbe raggiungere l’1,8%. Tuttavia, è improbabile che superi l’1% nel 2024: “Il credito al consumo e il settore immobiliare commerciale stanno iniziando a contrarsi a causa della stretta monetaria della Federal Reserve”, osserva Darmet. In effetti, i suoi tassi di riferimento sono attualmente tra il 5,25% e il 5,5%, i più alti da ventidue anni a questa parte. “Pensiamo addirittura che gli Stati Uniti cadranno in una forma di recessione in cui non tutti i settori saranno colpiti allo stesso modo”, sottolinea Oren Klachkin di Oxford Economics.

In questo contesto, il rallentamento della Cina, che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha definito una “bomba a orologeria” l’11 agosto durante una visita nello Utah, è motivo di preoccupazione. Il Paese sta sprofondando in una crisi immobiliare senza precedenti. Le esportazioni, in costante calo da quasi un anno, sono scese di un ulteriore 14,5% a luglio. La disoccupazione giovanile è così alta che le autorità hanno deciso di non pubblicare più statistiche e la fiducia delle famiglie è bassa. Pochi previsori economici credono ancora che il Paese raggiungerà l’obiettivo di crescita del 5% nel 2023 e 2024. “È il vero malato dell’economia globale. Il suo modello industriale è al capolinea”, afferma Charles-Henri Colombier.

Questa è una cattiva notizia per i suoi partner commerciali più stretti, in particolare per la Germania, che dipende in parte dalle esportazioni verso il Regno di Mezzo. “Tuttavia, non dobbiamo sopravvalutare l’impatto del rallentamento cinese sulle nostre economie”, avverte Anna Titareva, perché negli ultimi mesi la crescita in Cina è stata trainata principalmente dalla domanda interna, non da quella internazionale. Inoltre, è probabile che il rallentamento di Pechino contribuisca a un calo dei prezzi delle materie prime, a vantaggio dell’Europa.

Hélène Baudchon insiste sul fatto che in questo quadro complesso ci sono molte incertezze, “complicate dalla salute eterogenea dei vari settori”. Quelle legate alla guerra in Ucraina e all’andamento dei prezzi dell’energia, ovviamente. Ma anche quelle legate alle banche centrali. Bruno de Moura Fernandes avverte: “Un errore politico, come una stretta monetaria eccessiva, è oggi uno dei principali rischi che gravano sull’economia globale”.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

Back To Top