skip to Main Content

I vaccini aggiornati potrebbero non essere così più efficaci dei “vecchi”. Report

Vaccini Aggiornati

Progettati per aumentare i nostri anticorpi nei confronti di Omicron 4 e 5, i vaccini aggiornati sembrano non dare i risultati sperati, o per lo meno non sarebbero tanto migliori dei precedenti. Tutti i dettagli di un piccolo studio indipendente

 

Quattro dosi di ‘vecchi’ vaccini anti Covid non sono poi meno efficaci dei vaccini aggiornati a Omicron 4 e 5. Lo afferma uno studio indipendente condotto su un piccolo gruppo di persone e pubblicato su bioRxiv.org, rivista online di articoli in pre-print, ovvero in attesa di revisione tra pari (peer-review).

Secondo alcuni ricercatori della Columbia University e dell’Università del Michigan i richiami con i vaccini bivalenti di Moderna e Pfizer/BioNTech non sono riusciti ad aumentare i livelli di anticorpi neutralizzanti contro i ceppi Omicron dominanti più di quattro dosi dei precedenti vaccini contenenti solo il ceppo originario del virus.

LO STUDIO

Il team ha confrontato i livelli di anticorpi neutralizzanti nei campioni di sangue di 21 persone che hanno ricevuto una quarta iniezione dei booster bivalenti Moderna o Pfizer/BioNTech con i livelli di anticorpi di 19 persone che hanno invece ricevuto quattro iniezioni dei vaccini originali.

I RISULTATI

A distanza di 3-5 settimane dalla quarta iniezione, lo studio afferma che le persone che avevano ricevuto i nuovi richiami mirati alle varianti 4 e 5 “avevano titoli anticorpali neutralizzanti simili a quelli di coloro che avevano ricevuto un quarto vaccino monovalente a mRna”.

“Finora non vediamo i benefici” dei vaccini bivalenti rispetto ai precedenti, ha affermato David Ho, uno degli autori della ricerca e virologo a capo dell’Aaron Diamond AIDS Research Center della Columbia University. Tuttavia, Ho, in un’intervista con Bloomberg, ha anche aggiunto che “una chiara differenza tra i booster potrebbe emergere in periodi di tempo più lunghi”.

L’IMPRINTING: UNA POSSIBILE SPIEGAZIONE

Il virologo ha poi spiegato che i risultati “potrebbero essere dovuti a un fenomeno chiamato imprinting”, ovvero che il sistema immunitario ricorda con maggior forza la prima versione di un virus che incontra. Dopo la mutazione, la risposta a un vaccino – anche se mirato a ceppi più recenti – potrebbe essere ancora orientata a combattere l’agente patogeno originale.

SONO QUINDI INUTILI I VACCINI AGGIORNATI?

Tali risultati non equivalgono a dire che i nuovi vaccini non abbiano alcun beneficio – anche perché saranno necessari ulteriori studi per confermare queste evidenze – ma viene almeno spontaneo chiedersi se fosse necessario progettare e realizzare nuovi vaccini.

COSA DICONO PFIZER E MODERNA

Va inoltre aggiunto che quanto affermato dai ricercatori si scontra con una nota rilasciata da Pfizer il 13 ottobre in cui la casa farmaceutica annuncia i “primi dati positivi” relativi a uno studio clinico a 7 giorni dall’iniezione del nuovo vaccino bivalente.

Il comunicato dichiarava infatti che questi primi dati avevano mostrato “un aumento sostanziale della risposta anticorpale neutralizzante Omicron BA.4/BA.5 rispetto ai livelli precedenti al richiamo” e suggerivano “una migliore protezione”.

Secondo un portavoce dell’azienda, ulteriori dati relativi ai risultati a 30 giorni dall’iniezione dovrebbero essere rivelati nelle prossime settimane.

Moderna non ha ancora commentato lo studio.

LA REAZIONE DELLA BORSA

“Le azioni Moderna”, scriveva ieri Bloomberg, “sono salite del 2,7% a 136,57 dollari alla chiusura delle contrattazioni di New York. Il titolo Pfizer è rimasto invariato”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore