skip to Main Content

Tutte le sfide di Biden nel 2021

Biden Aziende Cinesi

Nel 2021 l’approccio regionale degli Stati Uniti con Biden è probabile che mostri più continuità che cambiamento rispetto a quello di Trump. L’analisi di Giuseppe Gagliano

Quali saranno le priorità che l’amministrazione di Biden dovrà affrontare soprattutto in relazione alla regione dell’Indo-Pacifico? È questo l’interrogativo che si pongono gran parte dei rapporti di uno dei più importanti centri di ricerca americani e cioè la Rand corporation.

Gli Stati Uniti inizieranno il 2021 con una nuova amministrazione guidata da Joe Biden e a parte la possibilità di eventi da cigno nero, è probabile che le sfide alla sicurezza che la prossima amministrazione Biden dovrà affrontare rimarranno sostanzialmente le stesse di quelle del 2020. Pertanto, è probabile che gli Stati Uniti continueranno a dare la priorità al contenimento della proiezione di potenza marittima cinese nella Regione indo-pacifica. Le specifiche, tuttavia, dipenderanno dalle risposte alle quali l’amministrazione Biden saprà dare.

È evidente che l’amministrazione Biden non potrà non sostenere il libero scambio, l’assistenza trasparente allo sviluppo e il supporto alle infrastrutture, la libertà di navigazione e la libertà dalla coercizione. Poiché i paesi dell’Indo-Pacifico si trovano sotto una crescente pressione su molti di questi fronti, l’amministrazione Biden continuerà probabilmente a lavorare con alleati e partner regionali per prevenire un ulteriore deterioramento degli aspetti indicati poc’anzi. Nello specifico, all’interno della regione, ci sono quattro aree che probabilmente rimarranno invariate come priorità degli Stati Uniti nel 2021.

La prima è la Cina. L’attività cinese nel 2020 nel settore militare ha continuato a seguire un modello osservato negli ultimi dieci anni. L’aumento delle spese militari, la modernizzazione della difesa e le provocazioni aeree e navali hanno minato i vantaggi militari e la libertà di manovra degli Stati Uniti. Inoltre, le attività marittime e aeree della Cina all’interno e al di sopra del Mar Cinese Orientale e Meridionale continuano a sfidare la sovranità di altri paesi, intimidire Taiwan e minare la stabilità regionale. Nel loro insieme, queste azioni danneggiano gli interessi degli Stati Uniti. Una situazione analoga si sta verificando nel settore economico. Il capitalismo di stato cinese è in contrasto con la concorrenza economica libera e aperta americana. Oltre ai sussidi industriali e alle relazioni commerciali sleali, gli Stati Uniti hanno denunciato i trasferimenti di tecnologia cinese, l’uso di dazi e la manipolazione valutaria, il furto di proprietà intellettuale e l’utilizzo dell’assistenza allo sviluppo per espandere l’influenza della Cina. Di conseguenza, i legami economici si sono spostati e sono diventati sempre più conflittuali. È improbabile che queste tendenze cambino nel 2021 e quindi l’attenzione degli Stati Uniti continuerà a concentrarsi sulla Cina.

La seconda questione è relativa alla Corea del Nord. Nonostante tre anni di continui sforzi diplomatici di Washington e Seoul, ci sono poche prove che Pyongyang abbia assunto un comportamento più pacifico o che la minaccia che rappresenta sia diminuita. Non solo Pyongyang ha testato e sviluppato più armi negli ultimi quattro anni, ma la parata militare nell’ottobre 2020 sembra mostrare che ha sviluppato un nuovo missile balistico intercontinentale. Il modo in cui l’amministrazione Biden sceglie di avvicinarsi alla Corea del Nord potrebbe dominare la sua agenda di politica estera. Nello specifico si domandano gli analisti della Rand corporation: dovrebbe continuare a perseguire la diplomazia senza alcuna prova tangibile di cambiamento? Dovrebbe dichiarare la fine della guerra di Corea e accettare la Corea del Nord come stato nucleare? O Washington dovrebbe tornare su una posizione più dura, anche se Pyongyang continua la sua propensione alle provocazioni? Se queste non fossero domande abbastanza difficili, il Covid-19 potrebbe portare a una maggiore instabilità nella penisola coreana, portando a una crisi nella fase iniziale per la prossima amministrazione.

La terza probabile questione prioritaria per gli Stati Uniti nel 2021 sono le relazioni con alleati e partner. A causa delle continue preoccupazioni per la sicurezza derivanti dalla Cina e dalla Corea del Nord, gli alleati e i partner statunitensi continueranno probabilmente a essere una risorsa strategica per gli Stati Uniti. Mentre le relazioni di alleanza degli Stati Uniti nel 2020 rimangono più o meno stabili, diversi attriti sotterranei potrebbero manifestarsi nel 2021. Con il Giappone e la Corea del Sud, l’attenzione principale sarà il proseguimento dei negoziati nella misura in cui sono disposti e in grado di finanziare contributi per continuare ad ospitare le forze statunitensi nei loro paesi. Anche se sembra improbabile che un’amministrazione Biden applichi lo stesso livello di pressione su questi alleati come probabilmente avrebbe fatto Trump in caso di rielezione, a Washington si discute sulla necessità che gli alleati facciano di più per sostenere gli Stati Uniti. Nello specifico le relazioni degli Stati Uniti con le Filippine e la Thailandia sono generalmente migliorate nel 2020. Tuttavia solo con l’Australia, dove i legami di alleanza sono stati relativamente non problematici nel 2020, il 2021 sembra essere libero da potenziali problemi. Fatta questa precisazione, un potenziale problema che Washington potrebbe affrontare nel 2021 — che potrebbe causare attriti in una qualsiasi delle sue alleanze — è la questione se un alleato sia disposto o meno a ospitare missili a raggio intermedio statunitensi.

La quarta questione è il Covid-19. Mentre l’attenzione sarà concentrata sul contenimento di ulteriore spread interno, ci sono questioni regionali relative a Covid-19 che probabilmente attireranno l’attenzione di Washington. In primo luogo, oltre a continuare a monitorare la possibile diffusione del Covid-19 tra le forze statunitensi, gli Stati Uniti dovrebbero prestare la massima attenzione a qualsiasi degrado indotto dal Covid-19 relativo alla prontezza militare delle forze statunitensi non solo regionali, ma anche quelle di alleati e partner per evitare che gli avversari percepiscano opportunità da sfruttare.

In secondo luogo, poiché la regione dell’Indo-Pacifico è un importante hub commerciale, gli Stati Uniti potrebbero dover continuare a lottare per mitigare gli effetti della chiusura delle frontiere e della diminuzione dei collegamenti di trasporto nelle catene di approvvigionamento regionali e globali.

In terzo luogo, l’impegno degli Stati Uniti potrebbe continuare a concentrarsi sul contrasto di quei paesi che cercano di sfruttare Covid-19 per ottenere un guadagno, compresa la diffusione della disinformazione e la provocazione di stati indeboliti dalla pandemia. Infine, gli Stati Uniti dovranno continuare a lavorare con alleati e partner regionali per coordinare gli sforzi per fermare il Covid-19.

Tuttavia gli analisti della Rand corporation si pongono dei precisi interrogativi che sono cruciali per le future scelte americane.

Negli Stati Uniti, si ritiene che la Cina tragga vantaggio dall’attuale ordine mondiale e contemporaneamente lo sfidi attraverso attività che ne screditano i principi e le norme. Non è chiaro, tuttavia, quale dovrebbe essere il miglior approccio statunitense. L’amministrazione Biden continuerà a perseguire la concorrenza strategica e ad accusare la Cina — di sfruttare l’ordine basato sulle regole e di tentare di ristrutturarlo a proprio vantaggio — e a cercare di rafforzare la forza degli Stati Uniti e promuovere l’influenza degli Stati Uniti? In tal caso, in che misura gli Stati Uniti cercheranno di incoraggiare un sostegno più forte da parte dei loro alleati? In alternativa, se la guerra commerciale si intensificasse e gli alleati e i partner regionali diventassero sempre più a disagio con la concorrenza, la prossima amministrazione cambierà il suo approccio e si concentrerà meno sugli aspetti competitivi geopolitici espliciti cercando invece modi per rinvigorire le alleanze e le partnership degli Stati Uniti come parte di un più ampio sforzo multilaterale che includa istituzioni internazionali/regionali? Servendosi di entrambi gli approcci, in che misura Washington dovrebbe perseguire legami più impegnativi con Taiwan, in particolare dopo che la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato all’unanimità il Taiwan Allies International Protection and Enhancement Initiative Act nel marzo 2020, allo scopo di impedire che la Cina possa attuare il suo disegno annesionistico?

La quinta questione è ancora una volta relativa agli strumenti di natura economica con i quali la futura amministrazione cercherà di contenere il progetto espansionistico economico cinese. Quale sarà infatti il livello di attenzione degli Stati Uniti per l’assistenza allo sviluppo regionale e il supporto infrastrutturale? Nell’ottobre 2018, il Congresso ha firmato il Build Act per migliorare l’uso degli investimenti per lo sviluppo. Con un budget di $ 60 miliardi il Build Act nasce per incoraggiare i progetti di investimento privato come alternative ai progetti sostenuti dall’iniziativa cinese Belt and Road. Mentre la concorrenza tra Stati Uniti e Cina continua nel 2021 e gli effetti economici del Covid-19 continuano a diffondersi in tutta l’economia statunitense, quanta flessibilità avrà l’amministrazione Biden per dedicare ingenti somme di assistenza economica all’estero? Inoltre, le attività cinesi dovrebbero richiedere risposte più immediate degli Stati Uniti nel settore militare, diplomatico ed economico?

Passiamo alla sesta questione: quale ruolo avranno i diritti umani per gli Usa? Sebbene l’amministrazione Trump abbia occasionalmente parlato di questioni relative ai diritti umani — si pensi alla situazione dei diritti umani della Cina nello Xinjiang e a Hong Kong e alle sanzioni nei confronti dei funzionari cinesi responsabili per la repressione — i suoi sforzi erano probabilmente limitati alla Cina. Gli abusi di altri paesi sono stati ampiamente ignorati. L’amministrazione Biden continuerà a sottolineare le violazioni dei diritti umani solo da parte cinese? O i diritti umani riemergeranno come uno dei principali pilastri della politica estera degli Stati Uniti? E gli Stati Uniti perseguiranno un più ampio programma di promozione del valore e della democrazia nell’Indo-Pacifico?

Rivolgendo ancora una volta l’attenzione al contenimento della Cina — vera e propria ossessione dei report più recenti della Rand Corporation che della Nato — gli analisti si domandano — e stiamo quindi affrontando la settima questione — in che misura gli Stati Uniti cercheranno di rafforzare le relazioni con l’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (Asean), sia come organizzazione che con i singoli paesi membri.

Nonostante gli sforzi delle amministrazioni Bush e Obama per rafforzare i legami con il sud-est asiatico e i continui segnali di domanda da parte delle singole nazioni del sud-est asiatico per un maggiore impegno degli Stati Uniti, non pochi alleati vorrebbero evitare di essere costretti a schierarsi dall’una o dall’altra parte. Proprio per questo valorizzare l’Asean o i singoli stati del sud-est asiatico sarà importante come parte di una strategia regionale più ampia. Proprio in questo contesto il ruolo dell’India diviene tutt’altro che marginale.

L’amministrazione Trump ha cercato di approfondire i legami Usa-India, continuando sulla falsariga dei suoi predecessori. Ciò include il mantenimento della designazione dell’India come principale partner della difesa per aiutare a sostenere il rafforzamento delle capacità dell’India. Non c’è motivo di credere che l’amministrazione Biden cambierà drasticamente quella traiettoria. Tuttavia, potrebbe essere necessario rispondere ad alcune domande. Come risponderanno gli Stati Uniti se Nuova Delhi si dovesse opporre agli sforzi degli Stati Uniti per rafforzare esplicitamente la cooperazione militare e politica con l’India come parte della competizione geopolitica con la Cina, come la formalizzazione del Quad? Allo stesso modo, gli Stati Uniti continueranno a criticare le scelte dell’India di acquistare missili dalla Russia e petrolio dall’Iran?

In conclusione per gli studiosi della Rand Corporation le dinamiche di sicurezza relative alla regione indo-pacifica potrebbero garantire che la regione continui a rimanere centrale per l’amministrazione Biden, specialmente durante la pandemia Covid-19 attualmente in corso. Tuttavia, per quanto dinamica sia la regione, le tendenze in materia di sicurezza si sono dimostrate relativamente statiche, suggerendo che le questioni di Cina, Corea del Nord e le partnership statunitensi potrebbero essere in cima alla lista delle priorità politiche della prossima amministrazione.

In buona sostanza l’approccio regionale degli Stati Uniti con Biden è probabile che mostri più continuità che cambiamento rispetto a quello di Trump.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore