skip to Main Content

F-35, cosa è successo al velivolo della Us Navy nel Mar Cinese Meridionale

F-35 C

Incidente di atterraggio per un caccia della Usa Navy sul ponte della portaerei USS Carl Vinson durante “operazioni di volo di routine”. Tutti i dettagli

 

Un altro incidente per un F-35, il caccia di quinta generazione realizzato dall’americana Lockheed Martin.

Un F-35C Lighting II — la variante del caccia progettata progettato per le operazioni al largo delle portaerei — era impegnato in “operazioni di volo di routine” quando si è schiantato sul ponte della portaerei Uss Carl Vinson in navigazione nel Mar Cinese Meridionale.

Almeno sette marinai sono rimasti feriti a causa dello schianto di un F-35 della Us Navy durante un appontaggio a bordo della portaerei americana. Lo riferisce il Comando della Flotta Usa del Pacifico, secondo cui l’incidente si è verificato nella tarda serata di ieri, 24 gennaio.

La causa dell’incidente è oggetto di indagine.

L’incidente è il primo per un F-35C e l’ultimo che coinvolge il caccia stealth dopo l’F-35B della Raf precipitato nel Mediterraneo lo scorso novembre, senza contare gli incidenti (tre) che si sono susseguiti negli ultimi tre anni.

Tutti i dettagli.

COSA È SUCCESSO ALL’F-35 C DELLA MARINA USA

Una dichiarazione della Marina ha affermato che l’incidente è avvenuto durante “operazioni di volo di routine” nel Mar Cinese Meridionale.

Il pilota si è eiettato e non ha riportato ferite. Tre dei sette marinai feriti sono stati evacuati presso un centro medico a Manila, nelle Filippine, e si troverebbero in “condizioni stabili”.

Un portavoce della 7a flotta della Marina in Giappone, il tenente Mark Langford, ha riferito che l’impatto sul ponte di volo del Vinson è stato “superficiale”, riporta la Cnn. La portaerei ha ripreso infatti le normali operazioni.

LE OPERAZIONI NEL MAR CINESE MERIDIONALE

Domenica il Pentagono ha avviato una nuova esercitazione militare con l’ingresso delle due portaerei degli Stati Uniti, la Carl Vinson e la Abraham Lincoln, nelle acque del Mar Cinese Meridionale. Le manovre prevedono operazioni di guerra anti-sottomarina; di guerra aerea e d’interdizione navale volte a rafforzare la preparazione al combattimento delle forze Usa, si legge in un comunicato del dipartimento della Difesa. Inoltre, il Pentagono ha chiarito che le esercitazioni si svolgeranno in acque internazionali e in accordo con il diritto internazionale.

TUTTI GLI ULTIMI INCIDENTI

L’incidente di lunedì nel Mar Cinese Meridionale è il secondo che coinvolge un F-35 quest’anno.

Il 4 gennaio, un pilota di un F-35 sudcoreano ha effettuato un “atterraggio di emergenza” in una base aerea. Secondo l’aeronautica sudcoreana il suo carrello di atterraggio non funzionava correttamente a causa di problemi elettronici.

Lo scorso novembre, un F-35B britannico si è schiantato nel Mar Mediterraneo al largo della portaerei HMS Queen Elizabeth. Era la prima volta che un F-35 britannico si schiantava, ma non è il primo incidente che coinvolge il caccia di quinta generazione prodotto da Lockheed Martin. Come ricorda la Cnn, nel settembre 2018, un F-35B del Corpo dei Marines degli Stati Uniti si è schiantato nella Carolina del Sud, il primo incidente in assoluto di un F-35.
Nell’aprile 2019, un F-35A giapponese si è schiantato nell’Oceano Pacifico al largo del Giappone settentrionale. Nel maggio 2020, un F-35A dell’aeronautica statunitense si è schiantato in Florida durante l’addestramento di routine, ma il pilota è riuscito a espellersi in sicurezza. Infine, lo scorso aprile un F-35B del Corpo dei Marines è stato danneggiato da un colpo sparato con il suo stesso cannone.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore