skip to Main Content

F-35, ecco come l’Asia farà gioire Lockheed Martin

F-35 Thailandia

Altri caccia F-35 per l’Asia? Dopo Singapore, Corea del Sud e Giappone, la Thailandia punta ad acquisire il caccia di quinta generazione di Lockheed Martin

 

La Thailandia prossima all’acquisto degli F-35 di Lockheed Martin?

Il governo di Bangkok ha approvato il piano della Royal Thai Air Force (Rtaf) per l’acquisto di nuovi aerei da combattimento. L’obiettivo dell’aeronautica thailandese è di sostituire la sua vecchia flotta di  F-16A/B Fighting Falcons di Lockheed Martin attivi dagli anni ’80. Lo ha riporta EurasianTimes.

Un portavoce dell’aeronautica ha confermato mercoledì l’approvazione del piano di acquisizione di quattro aerei da combattimento a partire dal prossimo anno fiscale, con un budget di 13,8 miliardi di baht (415 milioni di dollari).

La decisione arriva dopo che il capo dell’aeronautica, il maresciallo capo dell’aeronautica Napadej Dhupatemiya, ha espresso interesse ad acquistare otto caccia F-35 dalla Lockheed Martin degli Stati Uniti, sottolinea Reuters.

Il portavoce dell’aeronautica thailandese ha affermato che il tipo di velivolo da acquistare sarà deciso da due comitati incaricati di valutare l’idoneità di diversi jet.

Dopo Singapore, Corea del Sud e Giappone, potrebbe essere la Thalandia il prossimo paese asiatico ad acquisire il caccia di quinta generazione statunitense.

Tutti i dettagli.

IL BUDGET APPROVATO PER L’ACQUISTO DI 4 CACCIA

Il gabinetto thailandese ha approvato un piano per l’acquisto di quattro jet da combattimento a partire dal prossimo anno fiscale. Per l’approvvigionamento l’esecutivo ha stanziato 13,8 miliardi di baht (413,67 milioni di dollari).

LA THAILANDIA OPTA PER L’F-35?

L’approvazione segue una recente manifestazione di interesse da parte del capo dell’aeronautica, il maresciallo capo dell’aeronautica Napadej Dhupatemiya, nell’acquisto di otto caccia F-35.

Il comandante della Rtaf aveva pertanto affermato che l’aeronautica richiedeva nuovi caccia poiché l’F-5 e l’F-16 erano in servizio da quasi tre decenni, con conseguenti maggiori costi di manutenzione e problemi di sicurezza.

“L’aviazione elaborerà quindi il suo piano di approvvigionamento e sarà disposta a rispondere a tutte le domande che potrebbero essere sollevate sul progetto”, ha affermato il portavoce della forza armata. Inoltre, il portavoce ha sottolineato che non c’è ancora alcuna decisione sul tipo di velivolo da combattimento da acquistare.

LA FLOTTA DELL’AERONAUTICA THAILANDESE

L’aeronautica militare thailandese gestisce attualmente 12 aerei da combattimento svedesi JAS-39 Gripen e dozzine di caccia americani F-16 e F-5, alcuni dei quali sono in funzione dalla fine degli anni ’80.

L’INTERESSE PER IL CACCIA DI LOCKHEED MARTIN

Come ricorda Reuters, il mese scorso il numero uno dell’aeronautica thailandese aveva espresso una preferenza per l’F-35 dal momento che il suo prezzo era diminuito da quando è entrato per la prima volta sul mercato.

Il primo F-35A costava 221 milioni di dollari nel 2007, ma con l’aumento delle quantità di produzione e del know-how, il prezzo è sceso a circa 79 milioni di dollari a luglio dello scorso anno. Dal suo lancio, oltre una dozzina di paesi hanno scelto il caccia di quinta generazione di Lockheed Martin.

La Finlandia è stato il 14mo Paese ad optare per l’F-35. L’ultimo è stato la Svizzera. Quest’estate la Difesa elvetica ha comunicato di aver selezionato l’F-35A Lightning II di Lockheed Martin come caccia di nuova generazione. Si attende inoltre anche la decisione del Canada: a inizio dicembre il governo canadese ha annunciato che i due concorrenti rimasti in gara per sostituire i CF-18 Hornet della Royal Canadian Air Force (Rcaf) sono il Saab Gripen e il Lockheed Martin F-35.

L’ATTERRAGGIO DI EMERGENZA DELL’F-35 SUD COREANO

La Thailandia potrebbe essere il prossimo paese ad acquisire il caccia di quinta generazione statunitense in Asia dopo Giappone, Singapore e Corea del Sud.

Al momento, la flotta di F-35A della Corea del Sud è bloccata a terra dopo che uno degli aerei della ROKAF è atterrato senza carrello anteriore lo scorso 4 gennaio. L’agenzia di stampa Yonhap di Seoul ha riferito che l’F-35 stava prendendo parte a un volo di addestramento quando ha riscontrato problemi con il suo sistema avionico.

L’aviazione sudcoreana ha in programma di condurre un’indagine congiunta con l’esercito americano, ha riferito Yonhap. La Corea del Sud prevede di acquistare 40 F-35A in totale e finora ne ha ricevuti più di 30.

Lockheed Martin, che costruisce l’F-35 Lightning II, ha dichiarato a DefenseNews di essere “a conoscenza dell’atterraggio di emergenza avvenuto  alla base aerea di Seosan ed è pronto a supportare l’aeronautica della Repubblica di Corea”.  Secondo Yonhap, questa è la prima volta che un F-35 effettua un atterraggio senza carrello.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore