Mondo

Ecco come Covid-19 cambierà il mondo. Parola di Martin Wolf

di

covid mondo

Quale sarà l’impatto della pandemia da Covid-19 in definitiva? L’analisi di Martin Wolf per il Financial Times

In meno di sei mesi, Covid-19 ha trasformato il mondo. Ma quale potrebbe essere il suo impatto in definitiva? Il FT pubblica le riflessioni in merito di Martin Wolf. La nostra ignoranza in materia è abbastanza ampia, ma non assoluta. Facciamo il punto della situazione. Il mondo era, dobbiamo ricordarlo, tormentato anche prima della pandemia. Solo 12 anni fa, la più grande crisi finanziaria dagli anni ’30 ha scosso l’economia globale. Colpiti dal modo in cui è stato gestito, dal successivo malessere economico e dalla percezione che il capitalismo fosse truccato contro di essa, l’opinione pubblica di alcuni paesi ad alto reddito si è arrabbiata. Questa rabbia si è manifestata nel referendum britannico di Brexit e nell’elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti nel 2016. Quest’ultimo, a sua volta, ha spostato gli Stati Uniti a favore del protezionismo. Questo cambiamento nella visione americana del mondo è stato accelerato dalla trasformazione della Cina in una superpotenza assertiva. Quella che molti hanno soprannominato “una nuova guerra fredda” è iniziata. Poi è scoppiato Covid-19.  Sappiamo di essere nel bel mezzo della più profonda recessione nella storia del tempo di pace degli ultimi 150 anni. Come dimostrano le Prospettive Economiche Globali della Banca Mondiale e l’ultimo Economic Outlook dell’OCSE, l’impatto è devastante, in tutto il mondo.  L’effetto non è stato però uguale. Alcuni paesi sono stati colpiti da Covid-19 in modo molto più potente di altri, sia per incompetenza, indifferenza o sfortuna. Alcune aziende e persone sono state colpite molto più duramente di altre, perché la loro attività dipende da uno stretto contatto fisico o dall’età o dalle loro capacità. Questa è ben lungi dall’essere la stessa crisi per tutti. Ora sappiamo che le pandemie possono davvero accadere. Sappiamo che gli Stati cercano almeno di prendere in mano la situazione quando lo fanno. Sappiamo, non da ultimo, che è quasi impossibile trovare una risposta globale concertata ed efficace in un mondo di demagoghi e di autocrati sicuri di sé. Sappiamo anche che ci saranno cicatrici economiche, sotto forma di fallimenti di imprese, capitale obsoleto e perdita di competenze, e quindi perdite a lungo termine in termini di produzione e produttività. Sappiamo, non da ultimo, che molti paesi usciranno dalla pandemia con deficit e debiti molto più elevati di quanto previsto in precedenza e che le banche centrali possederanno quote enormi di questo debito.

Ma c’è anche molto che non sappiamo.

Non sappiamo quando, come o anche se un vaccino o qualche altra soluzione porterà la pandemia sotto pieno controllo. Non sappiamo quale sarà il percorso della ripresa economica. Non sappiamo quanto sarà grave l’impatto della pandemia sul commercio, sulla politica commerciale e sulle relazioni internazionali. Come potrebbe essere il mondo dopo la pandemia? Su questo sappiamo meno di tutti. Ma alcune cose sembrano plausibili. Un primo probabile sviluppo è un allontanamento dalla globalizzazione delle cose, a favore di una globalizzazione più (anche se contestata) virtuale. L’integrazione delle catene di approvvigionamento era in declino prima della pandemia.

Ora la politica si sta muovendo con più forza in questa direzione. Un secondo è l’adozione accelerata di tecnologie che promettono maggiore sicurezza insieme alle opportunità di un maggiore controllo sociale. La Cina sta prendendo il comando. Ma è probabile che altri Stati si sentano autorizzati, forse anche attesi, a fare altrettanto.

Un terzo è la politica più polarizzata. Il già consolidato conflitto tra una destra più nazionalista e protezionista e una sinistra più socialista e “progressista” sembra destinato ad aggravarsi, almeno nelle democrazie ad alto reddito. Queste parti si batteranno su ciò che uno stato più assertivo dovrebbe fare. Una quarta realtà è che il debito pubblico e i disavanzi saranno molto maggiori. Ci sarà anche poca tolleranza per un altro ciclo di “austerità” o di riduzione del livello o della crescita della spesa pubblica. Una maggiore probabilità è data dall’aumento delle imposte, soprattutto sui deficit più prosperi e persistenti, finanziati, esplicitamente o implicitamente, dalle banche centrali.

L’ultima e più importante realtà è quella delle terribili relazioni internazionali. La Cina ha avuto una crisi sorprendentemente buona, dato che è qui che il virus è emerso. Ma la Cina è anche apertamente autocratica e assertiva a livello internazionale. L’attrito con gli USA divisi e indeboliti sembra destinato a peggiorare, per un futuro indefinito. Le persone torneranno alle vite che conducevano prima, una volta che la malattia sarà completamente sotto controllo? La mia ipotesi è che torneranno ai ristoranti, ai negozi, agli uffici e ai viaggi internazionali, ma non del tutto. Abbiamo avuto esperienze di lavoro a casa e alcune di esse funzionano. Un’altra questione aperta è cosa si farà riguardo al ruolo e all’influenza dei giganti della tecnologia. La mia ipotesi è che Facebook, Google, Amazon e simili saranno messi sotto controllo politico: agli Stati non piacciono queste concentrazioni di potere privato.

E fino a che punto si spingerà la rottura delle relazioni internazionali? Ci saranno ostilità pervasive e sistematiche o occasionalmente relazioni di cooperazione tra Cina e Stati Uniti? Dove si inserirà l’Europa?

Infine, quanto dell’economia globale integrata sopravviverà? E la crisi accelererà, ritarderà, o lascerà molto come se fosse l’inadeguato progresso del mondo verso la gestione del clima e delle altre sfide ambientali globali? La pandemia sta creando enormi disordini economici e politici. A meno che non ci sia una cura precoce, il mondo che ne uscirà sembrerà probabilmente diverso, in modi importanti, e ancora meno cooperativo ed efficace di quello che ci è entrato dentro. Ma non è necessario che sia così. Abbiamo delle scelte. Possiamo sempre fare quelle giuste.

 (Estratto dalla rassegna stampa internazionale a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati