Advertisement skip to Main Content

Sicurezza Sanitaria

Ecco i prossimi rischi per la sicurezza sanitaria globale secondo l’Intelligence Usa

Cosa emerge da un recente rapporto dell'Ufficio del Director of National Intelligence (DNI) degli Stati Uniti sulle dinamiche che coinvolgeranno la sicurezza sanitaria globale nel prossimo decennio.

Mentre la comunità internazionale procede oltre la pandemia di Covid-19, i sistemi sanitari nazionali e internazionali sono messi sotto pressione. La stanchezza pandemica, le narrazioni contestate e la disinformazione medica, insieme a priorità globali competitive, stanno aumentando il rischio di regressione nei progressi della sicurezza sanitaria ottenuti dal 2021.

È quanto emerge da un recente rapporto dell’Ufficio del Director of National Intelligence (DNI) degli Stati Uniti dal titolo “Dynamics Shaping Global Health Security In the Next Decade”.

Sebbene non completamente realizzate, le recenti iniziative incentrate sulla preparazione, la risposta alle emergenze e il finanziamento, nonché lo sviluppo e la produzione di vaccini e terapie, hanno fatto avanzare gli sforzi precedentemente bloccati per migliorare la sicurezza sanitaria globale. Questi includono negoziati storici su un accordo pandemico e modifiche alle Regolamentazioni Sanitarie Internazionali (IHR) delle Nazioni Unite. Tuttavia, questi sforzi rischiano di stallo.

La stanchezza pandemica e la disinformazione medica potrebbero indebolire ulteriormente i comportamenti di ricerca della salute, come la vaccinazione, e causare significative emergenze sanitarie.

Sebbene alcuni tassi di immunizzazione infantile abbiano iniziato a riprendersi, sono ancora inferiori alla copertura pre-pandemica, in particolare nei paesi a basso reddito.

I governi donatori hanno spostato la loro attenzione e i finanziamenti dal Covid-19 e altre questioni sanitarie globali verso conflitti recenti, come il conflitto tra Israele e Hamas e la guerra della Russia contro l’Ucraina, e problemi economici interni. Questo spostamento influenzerà la capacità dei sistemi sanitari nazionali di costruire la loro preparazione pandemica e affrontare le interruzioni pandemiche relative ad altre priorità sanitarie, come HIV/AIDS, malaria, salute materna e infantile, polio e tubercolosi.

Inoltre, l’abilità della comunità internazionale di affrontare le emergenze sanitarie dal culmine della pandemia è stata ulteriormente messa sotto pressione da recenti focolai di influenza aviaria altamente patogena, colera, dengue, Ebola, mpox e polio, che hanno messo a dura prova i sistemi globali e nazionali di rilevamento e risposta alle malattie. Queste crisi servono come promemoria delle emergenze sanitarie globali sempre più frequenti e simultanee.

I cambiamenti climatici e dinamici sociali stanno minacciando la sicurezza sanitaria globale. I paesi saranno quasi certamente vulnerabili agli effetti sanitari diretti del cambiamento climatico, come spostamenti nei modelli di malattie, esposizione a condizioni meteorologiche estreme, insicurezza alimentare e distruzione delle infrastrutture. Il cambiamento climatico sta minando la sicurezza sanitaria globale, aumentando la fragilità dei sistemi socioeconomici su cui dipende la salute globale, ampliando la vulnerabilità delle popolazioni a coesistenti aumenti geopolitici, energetici e del costo della vita, e sfidando – e potenzialmente invertendo – i progressi sanitari degli ultimi 50 anni e ampliando le disuguaglianze sanitarie tra le popolazioni e all’interno di esse.

Back To Top