Mondo

Coronavirus, che cosa succede davvero a Milano?

di

coronavirus a Milano
Vagoni della metro vuoti anche nelle ore di punta

La testimonianza da Milano del cronista Carlo Terzano

Leggi sui giornali di una Milano assediata dal morbo, con la Scala e il Duomo chiusi e subito si è catapultati nel mezzo dei fatti che davano vita ai Promessi Sposi. Poi esci e ti rendi conto che esistono due versioni della stessa città: da un lato c’è la Milano che non si arrende neppure al rischio di Coronavirus, che continua a brulicare di operosa industrialità lombarda, dall’altro una Milano in preda alle paure e che si comporta perciò nei modi più assurdi: evita le metro per riversarsi sui bus, intasa i negozi per fare scorte di cibo…

LA MILANO TRANQUILLA

La Milano che non si fa vincere dalla paura del Coronavirus COVID-19 si vede soprattutto in centro: i negozi sono tutti aperti, la gente è in strada. Ci sono meno persone in giro, certo, ma solo perché molti uffici hanno deciso di tenere chiuso in via precauzionale e molti pendolari non sono dunque arrivati in città da ogni parte della Lombardia. Anche nei parchi la situazione sembra tranquilla: con le scuole chiuse mamme e nonne hanno deciso di trascorrere questo insolito lunedì mattina di riposo forzato alla luce del sole, con pargoli al seguito.

coronavirus a Milano

LA MILANO SPAVENTATA

La Milano irrazionale è invece rappresentata dall’alto numero di persone che passeggiano coprendosi il volto con la sciarpa: date le temperature eccezionalmente alte è chiaro che lo fanno solo nel tentativo – vano, visto che la lana non scherma certo dal virus – di proteggersi da eventuali contagi. Chi si è affidato a mascherine dall’aspetto professionale dopo un po’ cede e mette fuori il naso.

Fa parecchio caldo e il sole picchia forte, in questa giornata che, descritta dai media, dovrebbe essere di tregenda. Allo stesso modo l’isteria ha spinto i più a disertare le metro (ho fatto diversi viaggi, nelle ore di punta, in vagoni desolatamente vuoti) per riversarsi – chissà poi perché – sui mezzi di superficie, che viaggiano abbastanza pieni.

coronavirus milano

SUPERMERCATI PRESI D’ASSALTO

Ma dove l’isteria è davvero visibile è nei supermercati. Alle nove del mattino quello sotto casa mia presentava già code di carrelli stracolmi che avevo visto solo sotto Pasqua e Natale. Anche qui tantissime mascherine (nessuna, però, tra i cassieri, presenti in gran numero per fare fronte all’ondata eccezionale di clienti, ma tranquilli e sorridenti) e una voglia disperata di igiene, con il reparto della parafarmacia letteralmente svaligiato di saponi, disinfettanti e amuchine.

Stessa cosa può dirsi dei bancofrigo (niente formaggi, affettati, minestroni), del reparto pasta, frutta e verdura e di quello del latte: sparito quello a lunga conservazione, restavano solo bottiglie di latte di riso o aromatizzato alla mandorla e alla nocciola (e qualcuno, anche se restio, metteva nel proprio carrello anche quelli).

PUB CHIUSI NELLA MILANO DA BERE

Sono state del resto due contromisure a fare intuire ai milanesi che la situazione fosse seria: il posticipo di quattro partite di Serie A e la decisione di chiudere i bar e i pub dalle 18 in poi. Nella patria dell'”ape” o “aperello”, toccare l'”aperi-time” vuole dire cambiare parecchio le abitudini giornaliere di migliaia di persone.

Ma le conseguenze si vedranno a solo domani, quando i Navigli all’imbrunire appariranno insolitamente desolati, al pari di Corso Como o della zona di Arco della Pace. Oggi, infatti, è lunedì e i pub sarebbero rimasti comunque chiusi.

CINEMA, TEATRI E MUSEI CHIUSI

Già ieri avevano chiuso le prime strutture, tra cui il Pirelli HangarBicocca che ospita mostre di arte moderna e il Palazzo Reale mentre la Pinacoteca di Brera ha serrato i cancelli un’ora prima, alle 17 per riaprire il prossimo 2 marzo. Ma fa male soprattutto vedere soprattutto i portoni sbarrati del Duomo e della Scala. Lo storico teatro in circa 250 anni aveva chiuso soltanto in occasione della morte degli imperatori asburgici e in vista dello scoppio della Prima guerra di Indipendenza, per arrivare poi alla chiusura per restauro a seguito dei bombardamenti del Secondo conflitto mondiale.

MA MILANO È SOPRATTUTTO PIAZZA AFFARI

Inevitabili le ripercussioni di tutta questa isteria da Coronavirus sulla Borsa. Partendo dallo spread tra i titoli di Stato italiano e omologhi tedeschi: venerdì le Borse avevano chiuso con il differenziale sui 134 punti percentuali. Oggi in apertura è schizzato a quota 145 per arrivare al picco di 149 e assestarsi attorno all’ora di pranzo attorno a 143 punti. Piazza Affari in mattinata ha lasciato sul campo il 4,7%, azzerando tutti i rialzi del 2020.

Insomma, a Milano c’è una febbre che sale ben più in fretta e in modo più preoccupante di quella del Coronavirus.

+++

TUTTI GLI APPROFONDIMENTI DI START SUL CORONAVIRUS:

COME PROCEDE LA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS IN ITALIA

ORDINANZA DELLA REGIONE LOMBARDIA

ORDINANZA DELLA REGIONE VENETO

ORDINANZA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

IL DECALOGO DEL MINISTERO DELLA SALUTE

IL DECRETO DEL GOVERNO

SE E QUANDO UTILIZZARE LE MASCHERINE, I CONSIGLI DELLA CROCE ROSSA

COME EVITARE IL CONTAGIO

I CONSIGLI DEL VIROLOGO BURIONI

COSA FARE E COSA NON FARE. PARLA IL PROF. MAGA (CNR)

CHE COSA SUCCEDE NEGLI AEROPORTI

I NUMERI AGGIORNATI E UFFICIALI SULL’INFLUENZA

ECCO COME I MERCATI REAGISCONO AL CORONAVIRUS

ECCO GLI IMPATTI DEL CORONAVIRUS SULLE ECONOMIA MONDIALI. REPORT REF

IL NODO GOVERNANCE NELLA SANITA’ SU CORONAVIRUS E NON SOLO. L’ANALISI DEL PROF. RICCIARDI

CHE COSA SI DOVEVA FARE CONTRO IL CORONAVIRUS. PARLA IL PROF. RICCIARDI

OBIETTIVI E MERITI DEL GOVERNO. PARLA IL PROF DEL CAMPUS BIO-MEDICO

IL CORONAVIRUS? UNA SERIA INFLUENZA. IL POST DI GISMONDO (OSPEDALE SACCO)

PERCHE’ IL CORONAVIRUS NON E’ SOLO UNA SERIA INFLUENZA. IL COMMENTO DI BURIONI

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati