Mondo

Che cosa faranno Biden e Yellen sul caso GameStop?

di

yellen

Perché il caso GameStop rappresenta un conflitto di interessi per l’amministrazione Biden. Tutti i dettagli nell’articolo di Stefano Graziosi per La Verità

 

Conflitto d’interessi in vista per l’amministrazione Biden?

Il caso Gamestop sta scuotendo la politica americana. L’app di trading Robinhood ha limitato le transazioni, dopo che numerosi piccoli investitori hanno acquistato titoli di una società in declino (Gamestop) rompendo le uova nel paniere agli hedge fund che avevano scommesso sul suo ribasso.

La decisione ha suscitato polemiche. E, come detto, si scorge un problema anche per il presidente.

Una delle società maggiormente colpite da quanto accaduto è stata Melvin capital che – pochi giorni fa – è stata salvata da due hedge fund, Citadel e Point72, attraverso un versamento di quasi 3 miliardi di dollari.

E c’è chi ha ipotizzato che Citadel possa aver avuto voce in capitolo sulla stretta di Robinhood. Una tesi che l’hedge fund di Chicago ha smentito, per quanto vada ricordato che Citadel è il principale market maker utilizzato da Robinhood.

E l’amministrazione Biden che cosa c’entra? C’entra perché – come riportato da Politico – il nuovo segretario del Tesoro, Janet Yellen, ha in passato ricevuto proprio da Citadel oltre 800.000 dollari come compenso per alcune conferenze. La stessa Yellen che, secondo quanto riferito dalla Casa Bianca mercoledì scorso, sta «monitorando» la questione Gamestop.

Domanda: è normale che una signora che intrattiene legami del genere con un soggetto coinvolto nella questione sia deputata a «monitorare» quella stessa questione per conto del governo americano? Senza contare che molti sostenitori di Joe Biden si erano detti favorevoli a una riforma di Wall Street.

Una posizione un po’ strana, visto che negli ultimi due anni la Yellen ha ricevuto 7,2 milioni di dollari come compenso per conferenze organizzate da grandi attori finanziari (tra cui Goldman Sachs e Barclays). Intenti riformatori, partendo da tali premesse, sono difficili da ritenere concreti.

Ciò detto, bisogna anche evitare di incorrere nelle banalizzazioni. Quanto attuato dai piccoli investitori sul caso Gamestop nasce da una dinamica che sta sempre più prendendo piede nel mondo finanziario americano: a causa di quotazioni molto alte dei grandi colossi che di fatto escludono i singoli investitori individuali, questi ultimi si sono prima rivolti alle piattaforme che permettono il frazionamento dei titoli e poi buttati sui cosiddetti penny stock. Coordinarsi su Reddit è però un salto molto pericoloso.

Le limitazioni introdotte da Robinhood si spiegano anche con il timore di un intervento della Sec. Bisogna infatti dire che il provvedimento è volto ad arginare un’eventuale manipolazione del mercato (fattispecie rispetto a cui le legge americana risulta notoriamente severa).

Charles Whitehead, docente presso la Cornell law school, ha per esempio dichiarato al sito Vox che – rispetto al tema della manipolazione – la condotta dei piccoli investitori nel caso Gamestop si colloca in una «area grigia». Questo per dire che alcune prese di posizione verificatesi ultimamente risultano un po’ demagogiche. È per esempio il caso della deputata dem Alexandria Ocasio-Cortez, che si è schierata contro gli hedge fund e chiesto «un’audizione se necessario».

Ciononostante la legislazione che regola le attività di questi fondi è tutt’ altro che tenera e si basa su una nutrita serie di norme. E la pratica dello short selling (la vendita di titoli non direttamente posseduta dal venditore) è disciplinata dalla cosiddetta Regulation sho, attraverso la Securities and exchange commission.

È quindi curioso che anche Elon Musk si sia ritrovato a criticare lo short selling su Twitter, visto che proprio lui per anni ha venduto auto che di fatto non aveva. Più che sparate demagogiche a buon mercato, quel che occorrerebbe è forse altro: mantenere certamente alta la guardia verso i grandi hedge fund, ma – al contempo – studiare anche in che modo regolamentare fenomeni di investimento «dal basso», come quello del caso Gamestop.

Articoli correlati