skip to Main Content

Perchè Toshiba ha venduto i suoi chip ad Apple (e non solo)

Toshiba

Un accordo da 22 miliardi di dollari: Toshiba vende i chip al consorzio guidato da Bain Capital

 

Toshiba ha trovato l’acquirente per la vendita della sua divisione di chip. Il prescelto sarà il consorzio guidato da Bain Capital, che include anche Apple.  Deluso e sconfitto il Western Digital, che si dice pronto a fare causa alla casa Giapponese.  C’erano anche altri consorzi interessati all’acquisto: l’azienda sudcoreana dei chip SK Hynix e la Banca dello Sviluppo del Giappone.

Toshiba vende ad Bain Capital (e ad Apple)

La società nipponica ha deciso così di cedere il business delle memorie digitali a Bain Capital, per 22 miliardi di dollari. L’accordo arriva dopo una lunga trattativa e si è concluso con un prezzo superiore alla valutazione indicata all’inizio che si aggirava intorno ai 18 miliardi. Oltre ad Apple, della cordata fanno parte anche Kingston Technology, altro produttore di chip, e Seagate Technology, società del data storage.

Il piano di questo gruppo di investitori sarebbe quello di acquisire i chip di Toshiba per poi quotarli nuovamente in Giappone, a distanza di qualche tempo.

Problemi all’orizzonnte

La vendita però potrebbe avere degli intralci. Il problema più grande riguarda la Western Digital  Corp.  La società californiana, nota nel campo dello storaging digitale e già in partnership con Toshiba, rivendica il diritto di veto sull’accordo. A inizio settembre Toshiba sembrava intenzionata a vendere i semiconduttori alla partner californiana, ma ora le ha voltato le spalle e Western Digital ha avviato un’azione legale che potrebbe ritardare tutta l’operazione.

A giocare un ruolo fondamentale nella scelta dell’acquirente è stata Apple. Sarebbe stata proprio l’azienda di Cupertino, fortemente interessata ai chip NAND per le memorie interne dei suoi prodotti, a mettere sul piatto il contributo economico più importante. Bain Capital infatti avrebbe chiesto all’azienda circa 7 miliardi di dollari per partecipare all’operazione.  Cifra di gran lunga superiore ai 3 miliardi di cui si parlava a inizio delle trattative.

Bilanci truccati

Pochi anni fa il gruppo Nipponico balzò alle cronache per uno scandalo su bilanci truccati.  Sulla scia dello scandalo contabile (le cifre della società erano state gonfiate per 1,3 miliardi di dollari nell’arco di 7 anni ), l’azienda aveva annunciato l’intenzione di tagliare o ricollocare circa 6.800 impiegati del settore business di consumo e 3700 del business tv.

In quei giorni, il titolo arrivò a perdere fino al 40% del suo valore, senza mai dare segni di una ripresa forte e duratura sui mercati.

L’amministratore delegato del gruppo giapponese dei reattori nucleari, dei chip e della componentistica elettronica, Hisao Tanaka, all’eepoca dello scandalo rassegnò le dimissioni dopo essere stato indicato come responsabile di irregolarità nella presentazione dei conti.

Toshiba comunque ha fretta di iniettare fondi nel capitale per salvare quello che rimane di un gruppo che ha fatto la storia dell’industria giapponese del mondo. Anche alla luce del fallimento di Westinghouse, il colosso nucleare Usa, acquistato nel 2006.

Il principale fattore di di crisi per il gruppo è infatti legato al fatto che Toshiba sia stata uno dei principali costruttori di centrali nucleari. Nel 2006 acquisto la divisione nucleare statunitense Westinghouse. Lo scorso marzo proprio Westinghouse, nome celebre nel settore dell’energia atomica, ha presentato richiesta di fallimento. Il fallimento ha generato perdite miliardarie e uno stop ai progetti in altri Paesi, tra cui Regno Unito e India. Le azioni dell’azienda nipponica valgono oggi circa un quinto di quanto valevano dieci anni fa, nel 2007.

La storia del marchio

ToshibaToshiba è un marchio storico giapponese. Con sede a Tokyo, fu fondata nel 1875 da Tanaka Hisashige, con la denominazione Tanaka Engineering Works Co., Ltd. Il nome Toshiba, fu ottenuto dopo che nel 1939 ci fu una fusione con un’altra azienda giapponese, la Tokyo Shibaura Electric K.K. Nel 1978 fu ufficializzato nell’odierno Toshiba (contrazione di Tokyo-Shibaura).

Nei primi anni di produzione, l’azienda nipponica produceva principalmente macchine elettriche. Solo negli anni trenta avvenne un cambio di produzione con la realizzazione di componenti elettronici. Da quel momento, l’azienda si specializzò nell’elettronica di consumo, settore che le permise negli anni settanta, di accrescere il proprio sviluppo e di espandersi a livello internazionale.

Conta circa 300 filiali nel mondo, di cui 24 in Europa, mentre la produzione industriale della Toshiba avviene in 25 stabilimenti presenti in Giappone, ed altri 42 sparsi nel mondo (in particolare Cina, Indonesia, Stati Uniti e Thailandia), di cui 4 europei.

Si prospetta un periodo di grandi cambiamenti per tutto mondo industriale nipponico. Soprattutto nel settore dell’elettronica dove le novità sono dietro l’angolo, Western Digital permettendo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore