skip to Main Content

Nokia prova il grande ritorno: le nuove sfide dell’azienda

Nokia

Elettronica di consumo e realtà virtuale: queste alcune delle sfide di Nokia, che prepara per il 2017 il suo grande ritorno per il mercato degli smartphone
Solo qualche anno fa era l’azienda leader nel settore dei cellulari, oggi Nokia prova a far di tutto per tentare di riconquistare il mercato del mobile. L’avvento degli iPhone, nel 2007, ha segnato il declino definitivo dell’azienda, che aveva sottovalutato quale impatto potessero avere gli smartphone. Quando Nokia comprese l’importanza degli smartphone scelse di puntare sul sistema operativo Windows: non piacque al mercato e questo rappresentò il colpo di grazia. Dopo aver perso il primato di primo produttore, nel 2012, per mano di Samsung, l’azienda di Helsinki è stata costretta a cedere la divisione telefonini a Microsoft, per 5,4 miliardi di dollari.

Ora che l’accordo con Microsoft, che impediva all’azienda di lanciarsi nuovamente nel mondo della telefonia mobile con il proprio marchio, è scaduto, Nokia prova tornare in pista e punta a diventare la grande azienda di elettronica di consumo che è sempre stata. Come e cosa farà l’azienda di Helsinki non è ancora dato saperlo, ma il piano per la risalita è stato varato nel 2014.

Le nuove sfide di Nokia

Reti di comunicazioni

Grazie all’acquisizione, un anno fa, di Alcatel-Lucent per 15,6 miliardi di euro, diventare leader mondiale della produzione di reti per le comunicazioni. La fusione ha dato vita ad un gigante del settore che meglio regge la concorrenza di Ericsson e Huawei. Nokia vanta clienti diretti come Google e Facebook e si prepara a tagliarsi una fetta importante dei network 5G di prossima generazione.

Non solo: l’azienda attuale riesce a servire sia il mercato delle connessioni mobili che delle linee fisse. Si tratta di una novità non di poco conto, dal momento che le Telco come At&T, Orange e Deutsche Telekom puntano ad offrire servizi di ogni tipo di servizio. E questo non può avvenire se si è unicamente un player del mobile.

Realtà virtuale

Tra le sfide della nuova Nokia vi è anche quella di essere marchio di riferimento per lo sviluppo della realtà virtuale e del digitale più in generale. E sembra esserci riuscita, almeno per ora, con Ozo, la telecamera a 360 gradi per la VR, partorita da Nokia Technologies.

Ozo è stato presentato come prodotto di alta gamma pensato per i produttori cinematografici. Il dispositivo piace sicuramente a Disney che ha firmato un accordo con l’azienda finlandese: le telecamere Ozo dovranno essere inserite all’interno della produzione della Disney per la realizzazione di contenuti a 360 gradi per la realtà virtuale.
“Siamo molto eccitati di collaborare con Nokia Technologies nella scoperta del mondo virtuale per uso teatrale.Puntiamo a fornire esperienze sempre più straordinarie al pubblico di tutto il mondo e i contenuti in realtà virtuale saranno uno dei modi in cui trasporteremo le persone all’interno del mondo che creiamo”, ha commentato Jamie Voris, capo dell’ufficio tecnologico dei The Walt Disney Studios.

Elettronica di consumo

E’ l’elettronica di consumo, però, il settore dove Nokia potrebbe realizzare il suo grande ritorno. E per raggiungere il suo scopo ha acquistato, per 170 milioni di euro la francese Withings, una delle aziende più interessanti per il settore wearable.

Withings offre, infatti, ha una vasta gamma di prodotti dedicati all’e-health, quali strumenti di monitoraggio, termometri, bilance, misuratori di pressione, monitor di controllo per case e bambini. Non solo: la francese ha anche dato vita ad uno smartwatch che è una via di mezzo tra un Apple Watch e Fitbit, ma non è digitale. I dati, infatti, si leggono sullo smartphone via app.

L’azienda francese ha in serbo per Nokia anche delle soluzioni software: Withings, che farà parte della divisione Nokia Technologies, sta costruendo una piattaforma digitale per aiutare le persone a prendere decisioni più consapevoli sul proprio benessere.

Nel 2017 potremo anche assistere al ritorno nel mercato degli smartphone, ma i piani della finlandese per questo settore sono ancora top secret. Prima dell’acquisizione da parte di Microsoft, l’ex gigante stava lavorando alla realizzazione di Lumia McLaren, un dispositivo avanti con i tempi con una tecnologia 3D touch e una fotocamera posteriore di 50 megapixel.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore