Innovazione

Leonardo-Finmeccanica, ecco che cosa si aspetta Profumo dal governo Conte 2

di

ALESSANDRO PROFUMO AD LEONARDO

“C’è da risolvere il problema del G2G. Il sistema ci permetterebbe di vendere molto più agilmente i nostri prodotti ai Paesi con i quali già abbiamo accordi militari. In sostanza è l’esecutivo a diventare controparte negoziale di altri governi con una sorta di garanzia statale”. Parola di Alessandro Profumo, ceo di Leonardo (ex Finmeccanica), intervistato da Pietro Romano per il Messaggero

 

Il Tempest è un programma importantissimo. Ma in stretta collaborazione con il Regno Unito. Non teme gli effetti della Brexit?

Noi di Leonardo siamo in parte cittadini britannici. Nel Regno Unito abbiamo settemila dipendenti e strutture importantissime. Pur non volendo intromettermi nelle faccende politiche di altri Paesi temo una hard Brexit non perché penso determini chissà quali catastrofi ma perché richiederebbe del tempo, e non poco, solo per tornare alla situazione precedente il divorzio. Comunque, è necessario buon senso da tutte le parti.

(LEONARDO-FINMECCANICA, MBDA, AVIO, ELETTRONICA E NON SOLO. CHI DECOLLERA’ COL TEMPEST. ARTICOLO DI ROSSI)

A che pensa?

Alla difesa europea. Io spero che nell’ambito della negoziazione si lasci al Regno Unito la possibilità di partecipare ai progetti comuni nella difesa Ue, che altrimenti ne uscirebbe molto indebolita.

(SOVRAPPOSIZIONI E CONTRADDIZIONI DELLA DIFESA UE. ANALISI DI MILITO)

A proposito, non ha paura di uno strapotere franco-tedesco?

L’asse può andare solo come motore per accelerare il processo. La difesa comune non è cosa di nessuno e va bene se permette di utilizzare al meglio i soldi dei contribuenti. Noi ci siamo e vogliamo esserci col nostro carico di esperienza, progettualità, capacità industriale. Ma abbiamo bisogno di forza contrattuale. Un minimo di sovranismo in questo caso non fa male.

(COME SI MUOVONO FRANCIA E GERMANIA SU DIFESA ED ESERCITO. IL COMMENTO DI JEAN)

Un compito della politica. Che cosa chiede al nuovo esecutivo e al ministro Lorenzo Guerini?

Prima di tutto di lavorare insieme su quanto è veramente strategico per la difesa tenendo conto delle necessità militari e delle potenzialità industriali nazionali. Mai come oggi è fondamentale una visione condivisa delle strategie di fondo. E poi c’è da risolvere il problema del G2G.

(TUTTI I DOSSIER SUL TAVOLO DEL NEO MINISTRO GUERINI)

Traduca per i non addetti ai lavori, per cortesia.

Il sistema che ci permetterebbe di vendere molto più agilmente i nostri prodotti ai Paesi con i quali già abbiamo accordi militari. In sostanza è il governo a diventare controparte negoziale di altri governi. Una opportunità che esiste, tra l’altro, in Francia, nel Regno Unito, negli Usa ma non in Italia. Si può facilmente comprendere quanto possa contare di più la garanzia statale rispetto a quella che offre una industria, qualsiasi industria, nella competizione globale. Altrimenti rischiamo di perdere fette di mercato internazionale senza le quali, essendo il mercato interno ristretto, non si può rimanere un player globale.

(CHE COSA E’ E CHE COSA SERVE IL MODELLO G2G EVOCATO DA PROFUMO. REPORT)

(estratto di un’intervista pubblicata sul Messaggero)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati