skip to Main Content

Che cosa succederà al prezzo del petrolio in 5 punti

Raffinerie

L’articolo di Ester Corvi di Mf/Milano Finanza

Dopo cinque mesi di rally (+45% dal settembre scorso), il prezzo del petrolio è sceso dell’11% nelle ultime due settimane, con il Wti ieri intorno a 59 dollari al barile e il Brent a 62,2. Il recente ribasso del greggio, per gli analisti di Rbc Capital Markets, è però più legato a fattori stagionali che al ritorno di un’eccessiva offerta sul mercato, e indicano un solido supporto a 50 dollari per il Wti. Ecco, a loro parere, cinque indicatori che consentono di capire la direzione che prenderà il prezzo del petrolio.

Squilibri fra domanda e offerta. Se nei mercati c’è eccesso di offerta i prezzi calano. In particolare quelli nell’Oceano Atlantico sono il barometro sullo stato di salute del mercato petrolifero globale, poiché la regione è la prima a riflettere la debolezza dei fondamentali, come una domanda stagnante. Sotto questo aspetto, le difficoltà incontrate dalle qualità del Mare del Nord (Brent, Forties, Ekofisk) indicano che i barili stentano a trovare acquirenti.

Manutenzione delle raffinerie. Il prezzo del petrolio è destinato a mantenersi instabile nelle prossime settimane, a causa del periodo di manutenzione degli impianti di raffinazione negli Stati Uniti, con interventi pesanti in programma questo mese e destinati a ridursi a marzo. Bisogna aspettarsi quindi transitori eccessi di offerta, fino a quando i raffinatori non termineranno i lavori.

Export di distillati da Cina e Arabia. Il recente aumento dell’export dalla Cina e dall’Arabia Saudita di benzina e altri distillati è un chiaro segnale che le raffinerie di quei Paesi producono più del necessario. Il segnale di allarme è rappresentato dalla debolezza dei margini di raffinazione in Asia e Medioriente, che potrebbe avere impatto sull’Europa.

Aumento dell’output Usa. Il mercato è diventato troppo rialzista e non ha considerato la risposta dei produttori americani di shale oil. I prezzi del Wti sono diminuiti rispetto ai recenti massimi, ma i produttori Usa hanno a lungo indicato che lo scisto a basso costo può prosperare anche con il barile intorno a 50 dollari.

Posizionamento degli investitori. Nelle ultime settimane è molto aumentata l’esposizione degli investitori passivi (Etf e fondi a benchmark) sul prezzo del petrolio, con il risultato che un’ulteriore scossa al mercato, a prescindere dalla causa, può provocare violente oscillazioni al ribasso.

(articolo tratto da Mf/Milano Finanza)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore