skip to Main Content
ads

Perché è tempo di una nuova Bretton Woods. Report Ft

Bond Russia

La segretaria al Tesoro degli Stati Uniti ha chiesto una nuova Bretton Woods e una revisione del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale. L’approfondimento del Financial Times

Janet Yellen, il segretario al Tesoro degli Stati Uniti, ha fatto qualcosa di importante e, per la maggior parte, sottovalutato la scorsa settimana. Ha collegato il commercio ai valori. Scrive il Financial Times.

In un discorso al Consiglio Atlantico di Washington, la segretaria ha chiesto un nuovo quadro di Bretton Woods e una revisione delle istituzioni del FMI e della Banca Mondiale, entrambe le quali stanno tenendo le loro riunioni annuali questa settimana.

Ha anche chiarito che la guerra di Vladimir Putin in Ucraina e il fallimento della Cina nell’unirsi agli Stati Uniti e a più di 30 altre nazioni nelle sanzioni alla Russia è un punto di snodo per l’economia globale.

In futuro, la politica commerciale degli Stati Uniti non comporterà più il semplice abbandono dei mercati a se stessi, ma piuttosto sosterrà alcuni principi – dalla sovranità nazionale e un ordine basato sulle regole alla sicurezza e ai diritti del lavoro. Come lei ha detto, l’obiettivo dell’America non dovrebbe essere solo “un commercio libero ma sicuro”.

Ai paesi non dovrebbe essere permesso di usare la loro “posizione di mercato in materie prime, tecnologie o prodotti chiave per avere il potere di interrompere la nostra economia o esercitare una leva geopolitica indesiderata”. Questo era chiaramente un cenno alla petropolitica russa, ma potrebbe altrettanto facilmente coprire la produzione di chip taiwanese o l’accaparramento cinese di minerali di terre rare o, durante la pandemia, le attrezzature di protezione personale.

Yellen ha coniato una nuova parola per questa era post-neoliberale: “friend-shoring”. Gli Stati Uniti ora favorirebbero “l’amichevole trasferimento delle catene di fornitura a un gran numero di paesi fidati” che condividono “un insieme di norme e valori su come operare nell’economia globale”. Cercherà anche di creare alleanze basate su principi in aree come i servizi digitali e la regolamentazione della tecnologia, simile all’accordo fiscale globale dell’anno scorso (che lei ha guidato).

Questa non è l’America Alone e nemmeno l’America First. Ma riconosce l’esistenza di un’economia politica in cui il libero scambio può essere veramente libero solo se i paesi operano con valori condivisi e un campo di gioco uniforme.

Questo è diverso – e, in alcuni aspetti cruciali, non lo è – dall’era neoliberale che sta passando. Il termine “neoliberalismo” è stato usato per la prima volta nel 1938, al Walter Lippmann Colloquium di Parigi, un incontro di economisti, sociologi, giornalisti e uomini d’affari che volevano trovare un modo per proteggere il capitalismo globale dal fascismo e dal socialismo.

Era un momento che per molti versi coincideva con il nostro. L’Europa era stata fatta a pezzi dalla prima guerra mondiale. Un decennio di politica monetaria facile fino al 1929 non era stato in grado di coprire i grandi cambiamenti politici ed economici che avevano creato enormi spaccature nelle società. I mercati del lavoro e le strutture familiari stavano cambiando. Una pandemia, l’inflazione, poi la depressione economica, la deflazione e le guerre commerciali avevano lasciato il continente economicamente distrutto.

I neoliberali volevano risolvere questi problemi collegando i mercati globali. Credevano che se il capitale e il commercio fossero stati collegati attraverso una serie di istituzioni che potevano galleggiare sopra i singoli stati nazionali, il mondo avrebbe avuto meno probabilità di scendere nell’anarchia.

Per molto tempo questa idea ha funzionato, in parte perché l’equilibrio tra gli interessi nazionali e l’economia globale non si è sbilanciato troppo. Anche durante l’era Reagan-Thatcher negli anni ’80, c’era ancora la sensazione che il commercio globale in particolare dovesse servire l’interesse nazionale. Come presidente degli Stati Uniti, Ronald Reagan può essere stato un libero commerciante, ma ha usato le tariffe contro il Giappone e ha anche sostenuto la politica industriale (come hanno fatto, e fanno, la maggior parte delle altre nazioni asiatiche e molte nazioni europee).

Negli Stati Uniti, questo ha cominciato a cambiare durante l’amministrazione Clinton, che ha orchestrato una serie di accordi di libero scambio culminati con l’ingresso della Cina nell’Organizzazione Mondiale del Commercio nel 2001, nella speranza che il paese sarebbe diventato più libero mentre diventava più ricco. Questo, ovviamente, non è successo. E ora, finalmente, i leader di tutto il mondo stanno riconoscendo la realtà del problema “un mondo, due sistemi”.

La Yellen dice che spera che “non finiamo con un sistema bipolare”, in particolare dato quanto la Cina stessa abbia beneficiato del sistema neoliberale. “Ma sono emersi problemi reali”, riconosce. “La Cina si affida in molti modi alle imprese statali e si impegna in pratiche che credo danneggino ingiustamente i nostri interessi di sicurezza nazionale”. Le catene di approvvigionamento delle multinazionali, “pur essendo diventate molto efficienti ed eccellenti nel ridurre i costi aziendali, non sono state resistenti”. Entrambe le questioni, dice, devono essere affrontate.

Il bivio di oggi non è diverso da quello che hanno affrontato i pensatori neoliberali che hanno creato il sistema originale di Bretton Woods. Non sono partiti da un’idea di laissez-faire dei mercati che operano per se stessi, ma piuttosto da un problema molto umano: come ricucire un mondo devastato dalla guerra per creare una società più sicura e coesa, in cui la libertà e la prosperità fossero garantite. I mercati non potevano farlo da soli. Erano necessarie nuove regole.

Ed è proprio dove siamo ora. Si può sostenere, come farei io, che un cambiamento del pendolo è dovuto. Il capitalismo globale, negli ultimi 20 anni in particolare, ha semplicemente corso un po’ troppo avanti rispetto alle preoccupazioni interne di alcuni singoli stati nazionali. Paesi con quadri politici, economici e persino morali selvaggiamente diversi non hanno giocato tutti con le stesse regole globali. In queste circostanze, i mercati equi e liberi cominciano a rompersi.

Il processo di creazione di una nuova Bretton Woods è appena iniziato. Ma iniziare con i valori che le democrazie liberali vogliono sostenere è un buon punto di partenza.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore