skip to Main Content

Credit Agricole punterà a Mps dopo Banco Bpm? Fatti e rumors

Credito Valtellinese Credit Agricole

Mosse, indiscrezioni e scenari sul Credit Agricole in Italia

 

Il gruppo bancario francese Credit Agricole conferma i vertici in Italia e si assesta puntando ad avere un ruolo ancora più incisivo: dopo la mossa su Bpm punterà anche a Mps?

Ecco fatti, rumors e scenari.

Iniziamo dalla notizia di ieri.

L’assemblea dei Soci di Credit Agricole Italia, riunitasi a Parma sotto la presidenza di Ariberto Fassati, ha approvato il bilancio 2021 nominando il nuovo consiglio di amministrazione e i componenti del Collegio Sindacale per il triennio 2022-2024.

Ariberto Fassati e Giampiero Maioli sono stati confermati rispettivamente Presidente e A ministratore Delegato e CEO dell’istituto.

Rinnovata la fiducia al vertice che ha portato Crédit Agricole Italia a diventare uno tra i più importanti player nel panorama italiano, sottolinea una nota del gruppo transalpino.

Confermati alla vicepresidenza anche l’imprenditrice Annalisa Sassi insieme a Xavier Musca, Deputy CEO di Crédit Agricole S.A.

In aggiunta al Presidente Ariberto Fassati, al Ceo Giampiero Maioli e ai vice Presidenti Xavier Musca e Annalisa Sassi, sono stati riconfermati in CdA i seguenti Amministratori: Evelina Christillin, Anna Maria Fellegara, Lamberto Frescobaldi, Nicolas Langevin, Hervé Le Floc’h, Michel Mathieu, Andrea Pontremoli.

A questi si aggiungono i nuovi Consiglieri Christine Gandon, Michel Le Masson, Gaëlle Regnard, Marco Stevanato.

Sono stati infine nominati anche i membri del Collegio Sindacale: il Presidente è Luigi Capitani, i sindaci effettivi sono Maria Ludovica Giovanardi, Francesca Michela Maurelli, Germano Montanari, Enrico Zanetti. I membri supplenti sono Alberto Guiotto e Chiara Perlini.

Ma gli occhi degli osservatori di cose bancarie e finanziarie, ma in verità anche politiche e istituzionali, sono concentrate su Banco Bpm e Mps. Vediamo perché.

Lo scorso 7 aprile, i francesi di Credit Agricole sono entrati in Banco Bpm con una quota rilevante, pari al 9,2% del capitale. La ratio di questa mossa, che ha colto di sorpresa quasi tutti i top banker, non è ancora chiara: non si sa, insomma, se la Banque Verte voglia salire ulteriormente in Piazza Meda, per arrivare al controllo, oppure – come scritto da Start Magazine – se ambisca a una partnership di lungo termine nelle polizze assicurative.

I vertici di Intesa Sanpaolo e Unicredit, oltre che larga parte del settore politico e dei Servizi, vede come fumo negli occhi l’avanzata del gruppo bancario francese in Italia.

Obiettivo di queste preoccupazioni?  Evitare – ha rimarcato l’analista Francis Walsingham – la prospettiva di lasciare in mano ai francesi (che dal 2006 hanno già Bnl con Bnp e, con la stessa Credit Agricole, hanno conquistato a partire dal 2007, prima Cariparma, poi Friuladria, CariSpezia, sportelli ex CariVeneto e CariFirenze, poi le Casse di Risparmio di Rimini, Cesena e San Miniato e, recentemente, il Creval) un pezzo rilevante dell’industria bancaria tricolore: l’italianità del credito verrebbe quindi concretamente compromessa, temono alcuni banchieri.

Infatti, sulla base di alcun rumors che circolano soprattutto a Siena, c’è anche l’ipotesi di un interesse del Credit Agricole per Mps, un modo utile anche per il Tesoro per risolvere un dossier spinoso e al momento in un pantano della privatizzazione del Monte dei Paschi di Siena.

Ma lo scenario non è affatto gradito dalle maggiori banche italiane. Per questo – secondo Start Magazine – Intesa, Unicredit e Bper-Unipol si potrebbero sedere al tavolo del Ministero dell’Economia e offrire una soluzione per Mps, se il governo si impegnerà a non far ammainare il tricolore dall’istituto milanese Banco Bpm.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore