Innovazione

I cinesi abbandonano la Silicon Valley. E tornano nella ricca madrepatria

di

silicon valley

L’esodo cinese dalla Silicon Valley è spinto da abbondanti capitali, innovazione in crescita e fiorenti opportunità di carriera 

 

I talenti cinesi formati in Silicon Valley tornano in patria. Alcuni anni fa, Wang Yi stava vivendo il sogno americano. Si era laureato a Princeton, aveva ottenuto un lavoro in Google e acquistato un ampio condominio nella Silicon Valley. Ma un giorno, nel 2011, fece sedere sua moglie al tavolo della cucina e le disse che voleva tornare in Cina. Era annoiato a lavorare come product manager per il gigante della ricerca e sentì l’impulso di avviare la propria compagnia nella loro terra natia. Tuttavia, non è stato facile convincerla ad abbandonare la balsamica California per lo Shanghai soffocato dallo smog.

cina“Avevamo appena scoperto che era incinta”, ha detto Wang a Bloomberg, che ora ha 37 anni, ricordando le ore trascorse a camminare per il loro appartamento. “Ci sono state molte settimane prima che prendessimo una decisione, ma alla fine è arrivata.”

La sua scommessa è stata ripagata: la sua popolare app per insegnare l’inglese Liulishuo o LingoChamp ha raccolto $ 100 milioni a luglio, mettendolo nella crescente schiera di alumni della Silicon Valley di successo attirati in Cina dalla promessa di un futuro più luminoso. La sua decisione è emblematica di una tendenza senza precedenti con implicazioni preoccupanti per i sostenitori e coloro i quali ambiscono alla Valley da Facebook Inc. a Google di Alphabet Inc..

Fuga di talenti

Il talento cinese nato negli Stati Uniti sta diventando una forza chiave nel guidare l’espansione globale delle aziende cinesi e gli sforzi del paese per dominare tecnologie di prossima generazione come l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico. Se prima i laureati cercavano di ottenere un prestigioso lavoro all’estero e la cittadinanza straniera, molti oggi gravitano verso opportunità di carriera a casa, dove il capitale di rischio è ormai abbondante e il governo dona incentivi finanziari alla ricerca all’avanguardia.

“Sempre più talenti si stanno spostando perché la Cina sta davvero prendendo slancio nell’innovazione”, ha affermato Ken Qi, addetto alle risorse umane per Spencer Stuart. “Questo è solo l’inizio.”

Le società cinesi rilanciano

E se nei tempi passati, lavorare in un colosso della tecnologia degli Stati Uniti conferiva uno status pressoché incomparabile,  ora anche lavorare per le società cinesi – da Tencent Holdings Ltd al gigante dell’informazione Toutiao – è altrettanto prestigioso. Baidu Inc. – impiegato nella ricerca e poco conosciuto al di fuori della Cina – ha convinto l’ex-standout Microsoft Qi Lu a dirigere i suoi sforzi nell’intelligenza artificiale, rendendolo uno dei rimpatriati di più alto profilo degli ultimi anni.

alibabaIl party di debutto di Alibaba Group Holding Ltd. è stato un catalizzatore. Il gigante dell’e-commerce ha lanciato la più grande offerta pubblica iniziale del mondo nel 2014.  Alibaba e Tencent figurano tra le 10 aziende più preziose al mondo, di fianco a colossi del calibro di Amazon.com Inc. e Facebook. Il capitale di rischio cinese gareggia attualmente con quello degli Stati Uniti: tre delle cinque startup più preziose del mondo hanno sede a Pechino, non in California. E non aiuta il fatto che l’amministrazione degli Stati Uniti, Donald Trump, continui a perseguire politiche di immigrazione restrittive, scoraggiando allo sia studenti sia lavoratori stranieri.

La tecnologia ha sostituito la finanza come più grande attrattiva per i rimpatriati cinesi. I rimpatriati tecnologici rappresentano il 15,5% di tutti coloro che tornano in Patria, secondo un sondaggio del 2017 condotto da think-tank Center per la Cina e la globalizzazione e il sito di lavoro Zhaopin.com. Il numero di diplomati che tornano dall’estero – principalmente dagli Stati Uniti – è salito alle stelle e ora è circa 432.500 persone nel 2016, in crescita del 22 percento rispetto al 2013.

Chi torna… e chi rimane

Non tutti scelgono di abbandonare la Valley. Degli oltre 850.000 ingegneri della IA in tutta l’America, il 7,9 per cento sono cinesi, secondo un rapporto del 2017 di LinkedIn. Questo include naturalmente un sacco di cinesi etnici senza forti legami con la madrepatria o qualsiasi interesse a lavorare lì. Tuttavia, ci sono più ingegneri di intelligenza artificiale di origine cinese negli Stati Uniti che in Cina.

“WeChat è un buon canale per tenere traccia di ciò che sta accadendo nelle cerchie e trasmettere i nostri eventi offline”, ha detto l’UC Berkeley grad che ha ospitato sessioni per Alibaba e JD.com Inc. così come il servizio di viaggi online Ctrip.

I giganti tecnologici cinesi hanno tre obiettivi per attirare sempre più lavoratori esteri: crescita più rapida dei salari, opportunità e senso di casa. Lo spazio internet cinese gode di tempi particolari, con compensi che a volte superano i coetanei americani. Si dice, ad esempio, che una startup abbia ingaggiato un ingegnere di intelligenza artificiale per contanti e azioni per un valore di almeno $30 milioni in quattro anni.

Per gli ingegneri riluttanti a rinunciare ai comfort americani, sono le aziende cinesi che si stabiliscono negli Usa. Alibaba, Tencent, Uber-slayer Didi Chuxing e Baidu sono tra coloro che hanno costruito o stanno espandendo i loro laboratori nella Silicon Valley per facilitare questo processo.

Carriere lavorative

Sebbene gli ingegneri cinesi siano ben rappresentati nella Valle, la percezione è che siano relativamente meno rappresentati ai “piani superiori”, un fenomeno etichettato come “Soffitto di bambù”. Perciò si pensa che le opportunità di carriera siano più abbondanti a casa.

cina

“Un numero sempre maggiore di ingegneri cinesi che hanno lavorato nella Silicon Valley per un lungo periodo di tempo finiscono per trovare molto più redditizio per loro in termini di carriera unirsi a una società cinesi in rapida crescita”, afferma Hans Tung, un socio amministratore della società di venture capital GGV. “Su Google, su LinkedIn, su Uber, su AirBnB, tutti hanno ingegneri cinesi che stanno cercando di discernere su ‘dovrei restare o dovrei tornare indietro’ “.

Storie di movimento

Xu Wanhong, per esempio, ha lasciato il programma di dottorato di informatica della Carnegie Mellon University nel 2010 per lavorare in Facebook.  Un incontro casuale con alcuni membri della startup cinese UCAR Technology ha portato a nuove amicizie online e, nel 2015,  ad una nuova offerta: oggi lavora per Kuaishou, un servizio video che ha un valore di oltre 3 miliardi di dollari, con sede a 20 chilometri (12 miglia) fuori da Pechino. “Non sono andato negli Stati Uniti per avere una grande casa. Sono andato per risolvere problemi interessanti “, ha detto.

Poi ci sono quelli per i quali si parla di connessione umana: nessuna tecnologia può cancellare il fatto che Shanghai e San Francisco siano separate da un volo di 11 ore e un abisso culturale ancora più ampio.

Yang Shuishi, originario di Chongqing, è cresciuto amando l’Occidente, adottando il nome Seth e facendo un lavoro da sogno come ingegnere informatico nel campus Microsoft di Redmond. Ma l’America suburbana non si addiceva a un uomo la cui città natale ha circa 40 volte la popolazione di Seattle. Mentre collezionava successi e dopo aver lavorato per Google e Facebook, la vita in America è rimasta un’esperienza solitaria e lui è tornato in Cina dopo la delusione della vita occidentale.

“Stai solo lavorando come un ingranaggio nell’enorme macchina e non riesci mai a vedere il quadro generale. I miei amici in Cina stavano pensando all’economia e alle vaste tendenze sociali “, ha detto. “Anche se venissi ucciso dall’aria e vivessi dieci anni in meno, continuerebbe ancora ad essere meglio.”

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati