skip to Main Content

Spedizioni Amazon: alcuni prodotti non arriveranno sulle isole italiane. Ecco perchè

Amazon Walmart

Spedizioni Amazon, a partire da oggi, Amazon recepirà le nuove norme dell’ICAO: alcuni prodotti non potranno più essere spediti in aereo e pertanto non potranno raggiungere le isole (e non solo). Vediamo quali sono i prodotti e perchè
Spedizioni Amazon ridotte per le isole italiane. A partire da oggi Amazon non spedirà più alcuni prodotti in Sardegna, Sicilia, Ponza, Capraia, l’Isola d’Elba e del Giglio, la Tremiti, Ischia, Procida, Monte Argentario e Venezia. Il motivo? Problemi di sicurezza aerea. La notizia di Amazon, che sta scatenando un certo timore tra tutti coloro che abitualmente comprano dalla piattaforma, sta in realtà portando alla luce un problema che non riguarda solo il big dell’ecommerce.

Perché le spedizioni  Amazon di alcuni prodotti non raggiungeranno le isole?

La modifica alle spedizioni Amazon nasce il 22 febbraio scorso, quando il consiglio dell’ICAO, l’organizzazione internazionale per il trasporto civile, ha recepito una raccomandazione della Air Navigation Commission relativa ad un determinato tipo di batterie al litio: queste ultime infatti non potranno più viaggiare come merci “cargo” nella stiva degli aerei passeggeri.

La modifica delle norme vigenti, come si legge sul documento della IATA, oinvolgerà a livello globale tutti i trasporti aerei. I motivi di questa scelta sono legati alla sicurezza dei voli aerei: alcuni prodotti risultano essere pericolosi, in fase di carica e scarica e anche in fase di trasporto.

Quali prodotti non potranno più essere recapitati con gli aerei?

Ad essere interessate alle nuove norme sono le batterie al litio. Durante il volo, infatti, la compressione di una batteria con conseguente contatto tra due celle potrebbe causare una reazione chimica che, con il rilascio di gas, potrebbe portare ad una esplosione.

la normativa non deve invece essere applicata a portatili, smartphone, macchine fotografiche digitali e ad ogni prodotto che ha all’interno una batteria al litio (o inserita nell’imballo), ma solo alle batterie che rientrano nella Classe 9 – UN3480 Packing Instruction 965 (come i battery pack USB e alcuni tipi di batteria singola). Si tratta di batterie già considerate pericolose per il trasporto aereo e che vengono spedite singolarmente e non quindi abbinate ad un prodotto elettronico.
Se qualcuno decidesse di violare le regole, in caso di controllo, a rischiare non sarà solo lo spedizioniere ma anche chi ha spedito la merce, quindi in questo caso Amazon.

Amazon

Perché per le sue spedizioni Amazon ha deciso di non consegnare all’isola d’Elba o a Venezia?

All’isola d’Elba ci si arriva con il traghetto, non con l’aereo. A Venezia ci si potrebbe arrivare anche con altri mezzi. E allora, perché per le sue spedizioni Amazon ha deciso di non consegnare. Il big dell’e-commerce ha deciso di inserire le batterie al litio nell’elenco degli articoli che lei considera pericolosi, ovvero quei prodotti che “contengono sostanze infiammabili, pressurizzate, ossidanti, corrosive, pericolose per l’ambiente, irritanti o dannose”. Questi prodotti automaticamente non vengono spediti in quel gruppo di località che rientrano per Amazon nelle “isole”, il gruppo che appunto include la Sardegna come le Tremiti o l’Elba.

Una decisione importante

La decisione dell’ICAO avrà importanti conseguenze su tutta la catena logistica. Chi vorrà consegnare questi prodotti sulle isole o dovrà trovare un’altra soluzione agli aerei. Si affiderà al trasporto marittimo? Rinuncerà (come sembra voglia fare Amazon) alla consegna sulle isole di questi prodotti? Ci sarà qualcuno che, approfittando delle nuove norme, proverà ad emergere nel settore della logistica?

La norma riguarda anche i passeggeri

Le regole coinvolgono anche i passeggeri: le compagnie aeree di tutto il mondo vietano l’imbarco, in stiva, di batterie al litio o di powerbank USB, che vanno necessariamente portati come bagaglio a mano.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore