.Economia, Economia

Italia Creativa: la cultura vale 47 miliardi ed un milione di occupati

di

cultura

La cultura, in Italia, vale il 2,9% del Pil e conta un milione di occupati. Lo studio Italia Creativa

La cultura in Italia vale quarantasette miliardi di euro di valore economico, pari al 2,9% del Pil, e quasi un milione di occupati, il 41% under 40. Questi i principali dati che emergono dallo studio Italia Creativa, realizzato da Ernst & Young , con il supporto delle associazioni di categoria del mondo della cultura con Siae e Mibact in primo piano, presentato alla Triennale di Milano alla presenza del ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini.

La ricerca ha preso in considerazione gli undici settori più rappresentativi dell’industria della cultura e della creatività nel nostro Paese: architettura, arti visive e performative, cinema, libri, musica, pubblicità, quotidiani e periodici, radio, televisione e home entertainment, videogiochi.

settori-italia-creativa

Gli occupati nel settore della cultura

Gli occupati del 2014, in tutti i settori sopra, sono stati 995mila, di cui 850mila diretti, per un valore economico complessivo pari a 46,8 miliardi. La televisione vanta 95.885 occupati e un valore pari a 12,2 miliardi di euro; le arti visive contano 241mila occupati e 11,2 miliardi di euro, e la pubblicità ne conta con 7,4 miliardi di euro e oltre 94mila occupati. Seguono quotidiani e periodici (5,1 miliardi), le arti performative (4,5), la musica (4,3), i libri (3,1), i videogichi (2,9), l’archietettura (2,6), il cinema (1,7) e la radio (800 milioni). Il 41% degli occupati nell’industria della cultura e della creatività in Italia sono giovani fra i 15 e i 39 anni, contro una media del circa 37% in tutti i settori dell’economia del Paese. Nel settore della cultura e della creatività lavora dunque il 3,8% degli occupati in Italia (percentuale che sale al 4,5% se si considera anche gli occupati indiretti). Il settore contribuisce al Pil più di quanto faccia quello delle telecomunicazioni e poco meno dell’automobile.

2016, anno dell’industria culturale italiana

‘Italia Creativa dimostra esattamente quanto i diversi settori dell’industria culturale italiana contribuiscano all’economia del Paese in termini di occupazione e fatturato”, ha detto il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini, intervenuto al dibattito.

L’Italia è un Paese con grandi potenzialità nel settore della creatività, che cittadini e Istituzioni ben conoscono e riconoscono (basta pensare che il Bel Paese è primo per numero di siti Unesco), ma ancora ha margini di crescita, dato che, in relazione a Paesi vicini, come la Francia, i risultati italiani risultano ancora inferiori.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati