skip to Main Content

Perché il Pentagono stoppa alcuni F-35

F-35

In una dichiarazione a Defence News, l’F-35 Joint Program Office ha confermato la messa a terra almeno fino a gennaio di alcuni caccia. La decisione arriva dopo il recente incidente avvenuto in Texas

Il Pentagono mette a terra alcuni F-35, i caccia di quinta generazione Jsf prodotti da Lockheed Martin.

In seguito all’atterraggio di fortuna di un F-35B  su una pista della Naval Air Station Joint Reserve Base a Forth Worth, in Texas, due settimane fa, il Joint Program Office (Jpo) dell’F-35, l’ufficio militare responsabile del programma dell’omonimo caccia, ha messo a terra un certo numero di F-35, inclusi aerei stranieri, fino a gennaio.

L’ultima messa a terra arriva meno di sei mesi dopo che l’Air Force ha temporaneamente messo a terra la sua flotta di F-35A la scorsa estate.

Il 27 dicembre il Jpo ha rilasciato una dichiarazione a Defence News confermando la messa a terra. In particolare, l’ordine si applica a tutte e tre le varianti (F-35A/B/C) del caccia. L’Ufficio ha rifiutato di dire quanti velivoli sono interessati. Tuttavia, un rapporto del Times of Israel indica che molti F-35 potrebbero essere coinvolti. Il giorno di Natale la stessa testata ha riportato la notizia che l’aviazione israeliana ha annunciato la messa a terra di 11 dei suoi F-35I (una versione specifica per Israele dell’F-35A).

Lo stop delle operazioni arriva quando il programma F-35 deve affrontare una serie di problemi dietro le quinte, segnala Forbes: dalla decisione se finanziare un motore avanzato alternativo per le prossime versioni Block 4 migliorate del jet alle domande sulla capacità di produzione alla luce del recente successo di vendite di Lockheed Martin in Europa.

Tutti i dettagli.

LA DECISIONE DEL JPO DELL’F-35

“Il Joint Program Office dell’F-35 ha emesso una Time Compliance Technical Directive (TCTD) per limitare le operazioni di volo ad alcuni velivoli, valutati ad alto rischio, mentre le indagini sull’incidente del 15 dicembre continuano e fino a quando le procedure non potranno essere sviluppato per il loro ritorno al volo”, ha affermato il Jpo.

“Gli aerei interessati sono stati identificati e il Jpo lavorerà con i [i militari statunitensi] e partner [internazionali] per garantire il rispetto del TCTD”.

Il Jpo non ha voluto dire cosa abbia fatto considerare gli F-35 a terra a rischio più elevato. “La sicurezza degli equipaggi di volo è la preoccupazione principale del Jpo”, ha concluso la dichiarazione.

L’INCIDENTE DELL’F-35B IN TEXAS

Il 15 dicembre, un F-35B si è schiantato su una pista di una base della Marina degli Stati Uniti in Texas, secondo quanto riferito durante un test delle sue capacità di volo stazionario condotto da Lockheed Martin. Il pilota ha dovuto espellersi da un caccia F-35B dopo un atterraggio fallito ed è rimasto illeso.

Lockheed Martin costruisce la stragrande maggioranza degli F-35 nella sua struttura a Fort Worth e la società non aveva ancora trasferito questo nuovo F-35B al governo degli Stati Uniti quando si è verificato l’incidente. Pratt & Whitney produce i sistemi di propulsione F135 che alimentano tutte le varianti dell’F-35.

PROBLEMA AL SISTEMA DI PROPULSIONE?

Una fonte vicina al programma, che ha parlato a condizione di anonimato, ha affermato a Defense News che dalla valutazione iniziale dell’indagine, condotta dal Naval Air Systems Command con il supporto del Jpo, è emerso un problema al sistema di propulsione  che ha portato allo schianto dell’F-35B il 15 dicembre.

Secondo la fonte anonima, il Jpo ha affermato che un guasto di un tubo utilizzato per trasferire il carburante ad alta pressione nel motore F135 del caccia ha spinto l’ufficio ad aggiornare le sue valutazioni dei rischi per la sicurezza.

I VELIVOLI COINVOLTI

Sebbene l’ufficio del Pentagono non abbia fornito il numero esatto degli F-35 bloccati a terra, ha confermato che i velivoli coinvolti includono tutte e tre le varianti. Alcuni di quegli F-35 a terra sono caccia americani.

In una dichiarazione a Defence News, Lockheed Martin ha affermato che sta continuando a lavorare con i funzionari della Marina a Fort Worth dopo l’incidente, e la società ha sottoposto altre domande sui fondamenti al JPO.

LE CONSEGUENZE

Secondo Forbes, il grado in cui la messa a terra influisce sulle operazioni dell’F-35 negli Usa e all’estero potrebbe avere effetti a catena sia per una futura scelta del motore sia per eventuali ritardi nella produzione dovuti a problemi di controllo della qualità o difetti di progettazione del sottosistema.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore