Mobilità

Ecco come si muoverà Lufthansa su Alitalia

di

Qatar
La strategia di Lufthansa (non solo su Alitalia) nell’approfondimento di Paolo Rubino e Salvatore Santangelo

Nel 2020 Lufthansa è alla finestra in attesa che la mela Alitalia cada dall’albero. E numerosi sono i fautori, nazionali ed europei, di questa prospettiva. Tra questi anche gli analisti di Barclays Bank in luccicanti analisi tese a dimostrare la bontà della ricetta Lufthansa già applicata a Svizzera, Austria e Belgio.

Questi tre Paesi, insieme, raggiungono a malapena la cifra di 29 milioni di abitanti, ovvero nemmeno la metà dell’Italia e il loro mercato potenziale è, in effetti, scarso e disperso per una ragionevole aspettativa di sostegno di un vettore nazionale di rango, ma il vero punto è capire cosa è successo alle compagnie nazionali annesse da Lufthansa.

Ciò che l’analisi di Barclays non dice esplicitamente, ma non può negare dai numeri snocciolati, è che Sabena, Austrian e Swiss sono state trasformate in meri fornitori di capacità a basso costo che alimentano il sistema Lufthansa, ma soprattutto alimentano la cassa dei profitti del vettore tedesco.

In altri termini, Lufthansa è stata capace di:

1) Ridurre le tre compagnie a “capacity providers” (in pratica il vecchio concetto di vettore charter) il cui staff è composto quasi esclusivamente da piloti e assistenti di volo con livelli salariali inferiori a quelli dei colleghi Lufthansa;

2) gestire attraverso questi tre capacity providers lo “spill” generato dal sistema LH offrendo ai clienti belgi, svizzeri e austriaci voli diretti a costo di produzione più competitivo rispetto a quello che Lufthansa potrebbe offrire per voli indiretti;

3) sostenere la crescita occupazionale e gli investimenti dei rami d’azienda Lufthansa dedicati ai servizi (i lavoratori di Lufthansa Technik hanno raggiunto l’impressionante numero di 21.000 addetti — il doppio di tutti i dipendenti Alitalia — e godono di livelli salariali ai vertici dell’industria metalmeccanica tedesca, ovvero ai vertici di quella mondiale; il fatturato di Lufthansa Technik ha raggiunto il livello di quasi 6 Mld di Euro, tre volte quello del vettore Alitalia.

4) sostenere anche attraverso il feederaggio dai tre Paesi annessi ben tre sistemi di hub nazionali, Francoforte, Monaco e Berlino, benché quest’ultimo appaia tuttora un’impresa disperata quanto a profittabilità;

5) aggiungere al proprio potere negoziale in materia di flotta, i 200 aeromobili circa della flotta sussidiaria dei tre vettori annessi per un totale complessivo di 500 aerei (tutti manutenuti ovviamente da LH Technik).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati