Advertisement skip to Main Content

Boeing Cina

L’americana Boeing decollerà in Cina, ecco come

Cosa è emerso da un incontro a Pechino tra i dirigenti di Boeing e i funzionari della'autorità di regolamentazione dell'aviazione cinese

Boeing può scaldare i motori in Cina.

Venerdì il vice direttore generale dell’autorità di regolamentazione dell’aviazione cinese ha detto a un top manager della Boeing a Pechino che il produttore di aerei sarebbe il benvenuto ad approfondire il suo sviluppo nel mercato cinese.

Quindi, per la Civil Aviation Administration of China (Caac), Boeing può continuare a rafforzare gli scambi e la cooperazione con le autorità di regolamentazione e l’industria aeronautica in Cina, ha affermato il vice direttore generale dell’amministrazione dell’aviazione civile Hu Zhenjiang, in un incontro con Mike Fleming, vicepresidente senior di Boeing per i programmi di sviluppo e i clienti supporto.

L’incontro è avvenuto mentre, secondo quanto riferito, la Cina stava valutando la possibilità di riprendere gli acquisti dei Boeing 737 Max dopo più di quattro anni. Dal 2019, infatti, Pechino aveva interrotto gli ordini del 737 Max, uno dei modelli più richiesti dalle ricche compagnie cinesi a seguito dei due gravi incidenti mortali nel 2018 e 2019.

Inoltre, Pechino e Washington stanno spingendo per un ulteriore aumento sostanziale dei voli tra loro, poiché le relazioni hanno mostrato segni di disgelo dopo mesi di tensioni, sostiene Reuters. “Un disgelo nelle relazioni tra Stati Uniti e Cina potrebbe aiutare il produttore a vendere più aerei e, infine, a consegnare gli aerei ordinati anni fa” osserva il New York Times.

Tutti i dettagli.

L’APERTURA DI PECHINO A BOEING

Hu ha dichiarato che l’aviazione civile cinese e la Boeing hanno vissuto 50 anni di “scambi amichevoli e cooperazione” e che le due parti hanno stabilito uno “stretto” rapporto di lavoro in una serie di campi.

“In futuro, il mercato cinese del trasporto aereo ha ampie prospettive di sviluppo e le dimensioni della flotta dell’aviazione civile cinese continueranno a crescere rapidamente”, ha affermato il vice direttore generale della Caac in una nota.

LA POSIZIONE DEL PRODUTTORE DI AEROMOBILI AMERICANO

Da parte sua, il dirigente di Boeing ha convenuto che l’azienda attribuisce grande importanza al mercato cinese e rimane ottimista riguardo allo sviluppo futuro dell’azienda, secondo la nota della Caac.

Boeing è disposta ad “approfondire attivamente la cooperazione con la Cina, a lavorare insieme per promuovere lo sviluppo dell’industria aeronautica e a continuare a fornire prodotti migliori a beneficio del popolo cinese, degli Stati Uniti e del mondo”, ha affermato Fleming.

LA RIPRESA DEGLI ORDINI DEI 737 MAX

E proprio il produttore di aerei statunitense si sta preparando a consegnare il primo 737 Max alla Cina da marzo 2019, quando le autorità di regolamentazione della nazione furono le prime a livello globale a mettere a terra l’aereo. Da allora, le tensioni tra i due governi hanno soffocato gli accordi commerciali.

Un accordo per il 737 Max segnerebbe un’importante svolta per Boeing, dopo che ha perso la leadership di mercato in Cina a favore dell’acerrimo rivale Airbus, commenta Bloomberg. Boeing ha circa 85 737 Max destinati alla Cina in deposito e il riavvio delle consegne potrebbe aiutare il produttore di aerei a raggiungere il suo obiettivo di spedire tra 375 e 400 aerei quest’anno.

LE PREVISIONI DI BOEING IN CINA

Nel frattempo, Boeing ha anche alzato le sue previsioni annuali ventennali per le consegne di nuovi aerei in Cina, citando la crescita economica e l’aumento della domanda di viaggi nazionali.

Secondo le stime del produttore di aerei statunitense nel suo Commercial Market Outlook, che le compagnie aeree cinesi avranno bisogno di 8.560 nuovi aerei commerciali fino al 2042, rispetto agli 8.485 della previsione precedente dell’anno scorso.

A giugno, la compagnia aveva dichiarato di essere rimasta “molto ottimista” sulla Cina, che rappresenterebbe il 20% del mercato globale dei viaggi aerei. Il produttore di aerei statunitense ha affermato che la flotta cinese sarà più che raddoppiata, arrivando a quasi 9.600 aerei, nei prossimi 20 anni e che il suo mercato aeronautico nazionale sarà il più grande del mondo entro la fine del periodo di previsione, con una domanda di 6.470 aerei a corridoio singolo sul tipo dei Boeing 737 Max.

L’IMPORTANZA DEL MERCATO CINESE DEL TRASPORTO AEREO

Da tempo, l’Asia – e la Cina in particolare – sono obiettivi chiave sia per Boeing sia per il suo rivale europeo Airbus, che stanno cercando di capitalizzare la crescente domanda di viaggi aerei da parte della vasta classe media del paese.

Proprio in Cina Airbus aumenterà le capacità produttive. In occasione della visita ufficiale del presidente Macron e della presidente della Commissione europea von der Leyen a Pechino il mese scorso, Airbus aveva annunciato che avvierà seconda linea assemblaggio per gli A320 a Tianjin. E con una crescita del traffico aereo prevista in media del 5,3% annuo nei prossimi 20 anni, la Cina continuerà a essere uno dei principali mercati mondiali. Con un fabbisogno stimato da Airbus di quasi 8.500 nuovi aeromobili nel periodo, il Paese dovrebbe rappresentare oltre il 20% della domanda globale.

Back To Top