Mobilità

Ecco come Fca sterzerà con la squadra di Manley

di

L’articolo di Luciano Mondellini, giornalista di Mf/Milano finanza, sulle novità in Fca decise dal neo ceo Mike Manley

Pietro Gorlier è stato nominato responsabile di Fca dell’area Emea in sostituzione di Alfredo Altavilla che aveva dato le dimissioni questa estate e Harald Wester ha ricevuto l’incarico di nuovo responsabile di Maserati.

ECCO TUTTE LE NOMINE DI MANLEY IN CASA FCA

Sono queste le due nomine principali varate ieri dal nuovo ceo del Lingotto Mike Manley in un ampio rimpasto manageriale che ha coinvolto più posizioni all’interno dell’organigramma della casa automobilistica italo-statunitense. La nomina del manager italiano e di quello tedesco rappresentano d’altronde il primo atto operativo del manager inglese sulla tolda del Lingotto con lo scopo di raggiungere gli obiettivi fissati da Sergio Marchionne il 1° giugno quando fu presentato il piano industriale al 2022.

LE RAGIONI DEL RIMPASTO SECONDO MANLEY

In una lettera inviata a tutti i dipendenti Manley ha spiegato le ragioni della necessità di un rimpasto per arrivare a centrare questi target. «Negli ultimi 60 giorni ho viaggiato in tutto il mondo e ho avuto modo di incontrare molti di voi e di discutere della tabella di marcia per mantenere gli impegni del piano industriale. Poiché sono stato ampiamente coinvolto nello sviluppo del piano, posso assicurarvi che è stato realizzato nella piena convinzione che abbiamo competenze e talento eccezionali che ci accompagneranno lungo il percorso per diventare una delle case automobilistiche più redditizie al mondo. A causa di normative più severe, della forte concorrenza e, probabilmente, di una crescita industriale più lenta a livello mondiale, i prossimi cinque anni continueranno a essere estremamente impegnativi per il nostro settore. Uno degli elementi chiave del piano è assicurare che il team di leadership sia perfettamente allineato ai nostri obiettivi futuri. Fca ha un team eccezionale con una vasta esperienza e uno straordinario record di successi», ha scritto nelle prime righe della missiva il nuovo ceo del Lingotto.

TUTTI I NUOVI NOMI DELLA SQUADRA DI MANLEY

Poi Manley è entrato nel dettaglio della composizione del team passando alla ufficializzazione delle nomine: Pietro Gorlier, ex numero uno di Magneti Marelli, è diventato responsabile (coo) della regione Emea (Europa, Medio Oriente e Africa) mantenendo però l’incarico di responsabile di Mopar (ricambi) a livello globale. In sostituzione di Gorlier Ermanno Ferrari , responsabile della divisione lighting di Marelli, è stato nominato ceo della stessa controllata.

COSA SUCCEDE IN MASERATI E JEEP

Harald Wester ha ricevuto l’incarico di responsabile di Maserati mantenendo nel contempo il ruolo di chief technology officer dell’intero Lingotto. Mentre Tim Kuniskis sarà il capo del brand Jeep per il Nord America e manterrà le sue responsabilità come numero uno di Alfa Romeo a livello globale.

LE NOVITA’ PER IL BRAND RAM

Reid Bigland sarà il numero uno del brand Ram. E Scott Garberding è stato nominato capo della produzione (chief manufacturing officer) a livello globale. In questa veste, ha spiegato Manley, le controllate della componentistica Comau e Teksid riporteranno direttamente a Garberding, in modo da ottimizzare e massimizzare l’applicazione dei loro prodotti e servizi nelle attività di produzione. Garberding sostituirà Stefan Ketter, che all’inizio dell’anno ci ha comunicato l’intenzione di lasciare il suo incarico in Fca.

Infine Richard Schwarzwald è stato nominato responsabile della qualità a livello globale subentrando allo stesso Garberding. Nella sua nuova funzione Schwarzwald entrerà a far parte del Group executive council (Gec), il massimo organismo decisionale della casa italo-statunitense.

 

Articolo pubblicato su Mf/Milano finanza

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati