skip to Main Content

Vaccino contro il vaiolo, Bavarian Nordic reggerà la pressione?

Bavarian Nordic

Cresce la domanda globale di vaccino contro il vaiolo. Fatti e indiscrezioni del Wall Street Journal su Bavarian Nordic, l’azienda che lo produce

 

Il laboratorio danese Bavarian Nordic sta producendo una quantità maggiore di un vaccino contro il vaiolo tipicamente immagazzinato in caso di guerra biologica, mentre i governi cercano dosi che offrano anche protezione contro il vaiolo delle scimmie in un’insolita epidemia in tutto il mondo.

Il vaiolo delle scimmie, una malattia virale raramente riscontrata al di fuori dell’Africa, è stato segnalato nelle ultime settimane in almeno 12 Paesi, tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Spagna, Portogallo e Australia. Alcuni Paesi hanno riportato decine di casi confermati o sospetti.

Non esiste un vaccino specifico contro il vaiolo delle scimmie. Ma i vaccini contro il vaiolo, come quello della Bavarian Nordic, noto come Jynneos negli Stati Uniti, hanno dimostrato negli studi di essere in grado di prevenire almeno l’85% del vaiolo delle scimmie, che è strettamente correlato al vaiolo ma molto meno grave.

Paul Chaplin, amministratore delegato di Bavarian Nordic, ha dichiarato che l’azienda ha ricevuto telefonate da decine di Paesi che chiedevano dosi di vaccino. Ha dichiarato che le scorte sono attualmente limitate, ma che l’azienda produrrà altre dosi nelle prossime settimane e mesi – scrive il WSJ.

“Sulla base delle consultazioni ci sentiamo sicuri che saremo in grado di soddisfare la domanda in un periodo di tempo relativamente breve”, ha dichiarato.

Jynneos, noto come Imvanex in Europa e Imvamune in Canada, è stato sviluppato come alternativa più sicura ai vecchi vaccini contro il vaiolo. La Food and Drug Administration ha approvato Jynneos per il vaiolo e il vaiolo delle scimmie nel 2019.

La vaccinazione contro il vaiolo utilizza una versione viva di un virus correlato, chiamato vaccinia. I vecchi vaccini antivaiolo utilizzavano una forma di vaccinia in grado di replicarsi, creando il rischio di infezione dal vaccino stesso. Questi vaccini sono particolarmente rischiosi per le persone con un sistema immunitario indebolito, come gli anziani o le persone affette da HIV. Il vaccino di Bavarian Nordic utilizza una versione non replicante del virus vaccinia che non comporta questo rischio.

Jynneos è anche più facile da somministrare. Viene somministrato con un’iniezione standard, mentre i vaccini più vecchi richiedono una tecnica insolita che prevede la puntura della pelle più volte.

Gli Stati Uniti e il Canada sono gli unici due Paesi che hanno accumulato scorte significative di Jynneos, ha detto Chaplin. Il presidente Biden ha dichiarato domenica che tutti dovrebbero essere preoccupati per la recente ondata di casi di vaiolo delle scimmie. Il suo consigliere per la sicurezza nazionale, Jake Sullivan, ha dichiarato che gli Stati Uniti – che hanno riportato un caso confermato in Massachusetts e uno sospetto in Florida – hanno a disposizione vaccini per proteggersi dal vaiolo delle scimmie, se necessario.

È improbabile che sia necessaria una vaccinazione di massa perché il vaiolo delle scimmie non si trasmette facilmente da una persona all’altra. Tuttavia, può essere diffusa da persona a persona attraverso un contatto ravvicinato. Il Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno accesso a dosi sufficienti di vaccino contro il vaiolo – una scorta che comprende anche vaccini più vecchi – per inoculare l’intera popolazione contro il vaiolo in caso di attacco biologico.

Solo il vaccino Jynneos è autorizzato anche per il vaiolo delle scimmie. Secondo Chaplin, gli Stati Uniti, che hanno acquistato le dosi principalmente per utilizzarle nelle loro scorte strategiche di difesa, hanno accesso a 1,4 milioni di dosi da un ordine effettuato nel 2020. A causa della natura sporadica degli ordini, Bavarian Nordic non produce in genere il farmaco in modo continuativo, ma produce dosi su ordinazione in uno stabilimento a nord di Copenhagen.

Chaplin ha dichiarato che la domanda immediata da parte dei governi di tutto il mondo potrebbe essere soddisfatta con le scorte che Bavarian Nordic ha in magazzino e che prevede di spedire nei prossimi giorni. Queste dosi, ha detto, sono scorte in eccesso provenienti da produzioni precedenti. Non ha specificato quante dosi fossero già disponibili.

L’attuale epidemia è insolita perché è raro che si verifichi un gran numero di casi al di fuori delle regioni dell’Africa occidentale e centrale dove il vaiolo delle scimmie è endemico. Quando i casi si verificano altrove, di solito si verificano in persone che hanno viaggiato dalla regione colpita.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, i casi sono stati identificati soprattutto, ma non esclusivamente, tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini, portando gli esperti a credere che il virus abbia in qualche modo preso piede in una comunità molto unita. Non si trasmette per via sessuale, ma richiede un contatto ravvicinato per diffondersi.

“La mia sensazione è che si tratti di un’epidemia che si è verificata perché, presumibilmente, c’è stato un caso associato a un viaggio e poi si è diffuso in una rete sessuale in cui c’è la possibilità di un contatto ravvicinato”, ha detto il dottor Dunning.

A Madrid, che finora ha registrato 34 casi confermati, le autorità stanno indagando su possibili collegamenti tra un recente evento del Gay Pride nelle Isole Canarie, che ha attirato circa 80.000 partecipanti, e i casi verificatisi in una sauna della capitale spagnola, secondo il funzionario sanitario senior della città Enrique Ruiz Escudero.

Se la domanda continuerà, Bavarian Nordic prevede di estendere la produzione già in corso per un recente ordine del governo canadese, precedente all’epidemia di vaiolo delle scimmie. L’impianto ha la capacità di produrre fino a 30 milioni di dosi di vaccino all’anno, anche se per farlo l’azienda dovrebbe ridurre la produzione di altri vaccini. Bavarian Nordic produce anche vaccini per la rabbia, l’encefalite da zecca e l’Ebola.

I governi non hanno rivelato come utilizzeranno la vaccinazione contro il vaiolo per contenere l’epidemia di scimmia. Secondo gli esperti di malattie infettive, la strategia più probabile è quella di offrire la vaccinazione alle persone a più alto rischio di contrarre la malattia, come i contatti stretti dei casi confermati e gli operatori sanitari che curano i pazienti affetti da vaiolo delle scimmie. Secondo Jake Dunning, ricercatore senior in infezioni emergenti e ad alto rischio presso l’Epidemic Diseases Research Group dell’Università di Oxford, questo approccio è stato utilizzato dal governo britannico in occasione di precedenti epidemie di vaiolo di minore entità.

Secondo il Cdc, la vaccinazione contro il vaiolo può prevenire l’insorgenza del vaiolo se somministrata entro quattro giorni dall’esposizione. Se somministrata entro 14 giorni dall’esposizione, può comunque ridurre i sintomi della malattia.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore