skip to Main Content

I nuovi vaccini bivalenti di Moderna sono migliori di quello ‘vecchio’?

Vaccini Bivalenti Moderna

Tutti gli ultimi risultati sulla risposta dei nuovi vaccini bivalenti di Moderna contro Omicron (e Cerberus) rispetto a quello ‘vecchio’ basato solo sul ceppo originario del virus

 

Un piccolo studio indipendente condotto da alcuni ricercatori della Columbia University e dell’Università del Michigan aveva affermato di recente che i richiami con i vaccini bivalenti di Moderna e Pfizer/BioNTech non sembravano aumentare di molto i livelli di anticorpi neutralizzanti contro i ceppi Omicron 4 e 5 rispetto ai ‘vecchi’ vaccini.

Tuttavia, ieri Moderna ha pubblicato i dati di uno studio in cui sostiene che i suoi vaccini aggiornati – uno mirato contro Omicron 1 (mRNA-1273.214) e l’altro contro Omicron 4 e 5 (mRNA-1273.222) -, se somministrati come dose di richiamo, producono una migliore risposta immunitaria contro entrambe le sottovarianti.

LO STUDIO

Lo studio di Fase 2/3 è stato condotto su 511 persone di età compresa tra 19 e 89 anni precedentemente vaccinate anche con i booster. I partecipanti hanno ricevuto mRNA-1273.222 e mRNA-1273 rispettivamente circa 9,5 mesi e 4,5 mesi dopo la precedente vaccinazione.

I RISULTATI

Come nel caso degli ultimi risultati annunciati da Pfizer/BioNTech circa il suo vaccino bivalente, anche Moderna non parla di efficacia ma di risposta anticorpale e immunogenicità.

Secondo i dati resi pubblici ieri, relativi agli studi clinici di Fase 2/3, i richiami con i bivalenti di Moderna scatenano contro Omicron 4 e 5 una risposta anticorpale superiore rispetto a una dose booster del ‘vecchio’ vaccino basato solo sul ceppo originario del virus SARS-CoV-2.

Entrambi hanno anche soddisfatto i criteri di immunogenicità di non inferiorità rispetto al ceppo originale.

“Inoltre, – ha aggiunto il Ceo di Moderna, Stéphane Bancel – la risposta superiore contro Omicron si è mantenuta per almeno tre mesi dopo il richiamo di mRNA-1273.214”, come già dichiarato in uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine.

REAZIONI AVVERSE E SICUREZZA

La casa farmaceutica dichiara che la frequenza delle reazioni avverse con mRNA-1273.222 e mRNA-1273.214 è stata simile o inferiore a quella di una seconda o terza dose del vaccino originale.

Inoltre, non sono stati identificati nuovi problemi di sicurezza dopo rispettivamente circa un mese e tre mesi di follow-up.

LO STUDIO SULLA VARIANTE BQ.1.1

Ma l’attenzione degli esperti si sta spostando da Omicron a un altro sotto-lignaggio denominato scientificamente BQ.1.1 e meglio noto come Cerberus, che a fine ottobre era responsabile del 7% dei casi in Italia e in forte aumento in tutta Europa.

In un’analisi esplorativa condotta su circa 40 partecipanti, Moderna ha osservato che entrambi i vaccini bivalenti hanno dimostrato una ‘solida’ attività neutralizzante nei suoi confronti, nonostante i livelli di risposta anticorpale neutralizzante siano stati inferiori di quasi 5 volte rispetto a Omicron 4 e 5.

Tuttavia, questo risultato, secondo Bancel, è la conferma “che i vaccini aggiornati hanno il potenziale di offrire protezione mentre il virus continua a evolversi rapidamente per sfuggire alla nostra immunità”.

PREVISIONI SU CERBERUS

Ma le case farmaceutiche dovranno presto fare i conti con l’ultima arrivata. Infatti, per il genetista Massimo Zollo, coordinatore della Task force Covid-19 del Ceinge, e Angelo Boccia del gruppo di Bioinformatica del Ceinge, “la situazione di Cerberus in Europa è preoccupante perché questa sottovariante è in ascesa”.

Stando alla banca dati internazionale Gisaid, al 26 ottobre, la prevalenza di questo sotto-lignaggio era del 35% in Francia e negli Stati Uniti si è passati dall’8 al 16,6% in soli sette giorni. Motivo per cui il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ritiene che BQ.1 e il suo sotto-lignaggio BQ1.1 diventeranno il ceppo dominante da metà novembre a inizio dicembre 2022.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore