skip to Main Content

Cosa dicono gli ultimi dati di Pfizer sul suo vaccino aggiornato a Omicron 4 e 5?

Vaccino Omicron Pfizer

Secondo un recente studio, il booster con il vaccino bivalente di Pfizer adattato a Omicron 4 e 5 stimola una risposta immunitaria molto più elevata rispetto al vaccino originale, ma c’è anche chi sostiene che questo potrebbe non avere a che fare con l’efficacia…

 

Il booster con il vaccino bivalente di Pfizer/BioNTech produce negli adulti over 55 titoli anticorpali neutralizzanti circa 4 volte superiori contro le sottovarianti Omicron 4 e 5 rispetto al ‘vecchio’ vaccino basato solo sul ceppo originario del virus.

Lo afferma la casa farmaceutica statunitense nell’annunciare i dati venerdì scorso, sebbene il farmaco fosse già stato autorizzato sia dalla Food and Drug Administration (Fda) che dall’Agenzia europea per i medicinali (Ema).

SU COSA SI ERA BASATA LA DECISIONE DELL’EMA

Al momento dell’autorizzazione da parte dell’Agenzia europea per i medicinali (Ema) del vaccino bivalente di Pfizer/BioNTech aggiornato a Omicron 4 e 5 non erano ancora disponibili i dati provenienti da studi clinici.

La raccomandazione, dunque, si basava sui dati del vaccino bivalente aggiornato a Omicron 1 e sui dati di immunogenicità (ovvero la capacità del vaccino di scatenare una risposta immunitaria) provenienti da studi di laboratorio (pre-clinici) con Comirnaty Original/Omicron BA.4-5.

In merito alla sicurezza, si prevedeva invece che fosse “paragonabile a quella di Comirnaty Original/Omicron BA.1 e dello stesso Comirnaty, per il quale sono disponibili numerosi dati”.

I DATI SUL BOOSTER CON IL VACCINO BIVALENTE DI PFIZER

Il richiamo bivalente con il vaccino Pfizer/BioNTech adattato a Omicron 4 e 5, ovvero contenente sia il ceppo originario del virus che quello della più recente variante maggiormente diffusa a livello mondiale, “ha generato titoli di anticorpi neutralizzanti circa 4 volte superiori contro le sottovarianti Omicron BA.4/BA.5 rispetto al vaccino anti Covid originale in soggetti di età superiore ai 55 anni”, si legge nel comunicato.

LO STUDIO

I dati sono il risultato di uno studio clinico di Fase 2/3. Secondo la nota diffusa dalle case farmaceutiche, a un mese di distanza dalla somministrazione del vaccino bivalente come booster, negli adulti di età superiore ai 55 anni, i titoli degli anticorpi neutralizzanti Omicron BA.4/BA.5 sono aumentati di 13,2 volte rispetto ai livelli precedenti al richiamo.

Mentre negli adulti di età compresa tra i 18 e i 55 anni sono aumentati di 9,5 volte.

Agli over 55 a cui era stato somministrato il ‘vecchio’ vaccino come booster l’aumento registrato era solo di 2,9.

Questi risultati, precisa il comunicato, rafforzano i dati clinici precoci precedentemente riportati, misurati 7 giorni dopo una dose di richiamo del vaccino bivalente, nonché i dati preclinici.

CHI PUÒ RICEVERLO

Per ora il vaccino bivalente di Pfizer/BioNTech è stato autorizzato come richiamo dalla Fda a partire dai 5 anni di età e dall’Ema per i ragazzi dai 12 anni in su.

SODDISFAZIONE PER BOURLA

“Mentre ci avviamo verso le festività natalizie, ci auguriamo che questi dati aggiornati incoraggino le persone a richiedere un richiamo bivalente non appena ne abbiano i requisiti, al fine di mantenere alti livelli di protezione contro i sottotipi Omicron BA.4 e BA.5 ampiamente circolanti”, ha dichiarato Albert Bourla, presidente e Ceo di Pfizer.

“Questi dati aggiornati – ha aggiunto – danno inoltre fiducia all’adattabilità della nostra piattaforma di mRNA e alla nostra capacità di aggiornare rapidamente il vaccino per adattarlo ai ceppi più diffusi in ogni stagione”.

POLEMICHE

Ma non tutti sono soddisfatti o rassicurati dai risultati annunciati. “Questi dati non dicono se questo aumento (di quattro volte) sia clinicamente significativo o meno”, ha commentato il dottor Paul Offit, direttore del centro di educazione ai vaccini dell’Ospedale pediatrico di Philadelphia.

Alcuni esperti, infatti, avvertono che i valori degli anticorpi non si traducono direttamente in livelli di immunità protettiva e potrebbero non riflettere necessariamente l’efficacia del richiamo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore