Mondo

Vi racconto la Pasqua più bella della mia vita

di

valore vita umana

La Pasqua 2020 è stata la più bella della mia vita. Ecco perché. Il Cameo di Riccardo Ruggeri, manager, imprenditore, saggista e fondatore di Zafferano News

La Pasqua 2020 è stata la più bella della mia vita. Come lo fu per mia mamma e mio papà (e i nonni) quella del 1945. Il pranzo di mezzogiorno di allora, lo ricordo solo perché fu il solito di ogni giorno, pane e minestrone, con la cotica domenicale destinata al nonno (lavorava alle Ferriere Fiat, all’altoforno 5, necessitava di carburante pregiato). A fine pasto, papà ci comunicò che presto la guerra sarebbe finita. Non sapeva quando; in effetti solo il 2 maggio gli americani attraversarono il ponte della Gran Madre, ed entrarono in piazza Vittorio, liberandoci. Ci spiegò perché ne era così certo: i figli della borghesia fascista, buttata nella spazzatura la cimice d’ordinanza, avevano indossato i pantaloni alla zuava di velluto e la giacca di fustagno, con fazzoletto rosso. Senza soluzione di continuità, si erano autonominati “partigiani”, passando, in un amen, dal nero al rosso. Si sarebbero vantati del loro antifascismo e del mito della Resistenza per tutta la vita, pur rimanendo, gratta gratta, quelli che erano prima.

Mia moglie è tornata a casa dall’ospedale dopo l’operazione al femore, per fortuna il rischio di essere “scremata”, e finire nei numerini delle ore 18 dell’imbarazzante Commissario, si è allontanato. Siamo finalmente tornati insieme, soli ma insieme, pur rimanendo a distanza di sicurezza. Ci facciamo reciproca stampella. Con guanti (vergini) ci siamo concessi una carezza. Le ho spiegato che alla nostra età, e in questo contesto anti vecchi, dobbiamo evitare ad ogni costo il “Virus”.

Verremmo immediatamente abbandonati, non certo dai medici, ma dal sistema. Quindi massima prudenza, e per il futuro, occhio, prima o dopo si paleseranno i rastrellamenti digitali per individuarci.

Trovo commovente l’impegno che mia moglie mette, sia con il fisioterapista, sia nei compiti a casa, per reimparare a camminare. L’ammiro, perché una cosa è imparare a camminare quando hai una vita davanti, altro quando sei ai titoli di coda, e sarebbe più semplice sederti nella carrozzella, e lasciarti andare.

Com’è cambiata la nostra vita in questi ultimi due anni!

Il grave carcinoma alla prostata che mi aveva colpito, con modeste speranze di vita, aveva assegnato a mia moglie il ruolo di crocerossina, in un percorso già segnato. I miei amici professori Dario Fontana e Umberto Ricardi, avevano sparato, con grande perizia, le due uniche cartucce che avevano a disposizione, allungandomi, non solo la vita, ma facendomi diventare il “paziente 6” nel Congresso internazionale di radiologia oncologica che ad agosto si terrà a Vienna. Ho avuto, infatti, il privilegio di scrivere io stesso la relazione che verrà letta ai congressisti. Incredibile, il carcinoma si è fatto asset!

Ora, seppur con contratto a termine, tocca a me fare la crocerossina. Sono felice di farlo, anche se, in queste fasi iniziali, nella execution mi trovo piuttosto goffo.

Meraviglioso è stato pure il pranzo pasquale preparatoci dall’amico F. usando solo prodotti locali di mare e di terra dell’estremo Ponente ligure: gamberetti di Sanremo appena pescati con fagioli di Pigna, Cappon magro.

Infine, è arrivata nella notte, da Bruxelles, una mail dell’amico di una vita, Roberto Zangrandi, con il regalo più bello, un pezzo straordinario, che gli abbonati a Zafferano.news troveranno pubblicato con il titolo Volevo chiamarmi Gustafsson. Un pezzo, pieno di ironia, specie sugli euroburocrati. A volte mi chiedo, non è eccessivo che io li critichi così ferocemente? Trent’anni di CEO capitalism ci hanno fatto diventare, spesso a nostra insaputa, tutti, me compreso, degli euroburocrati di fatto. Lo capisco, dobbiamo campare, e allora meglio maggiordomi che zombie sdraiati sul tappettino, con il reddito di cittadinanza come miraggio. Ci rendiamo conto che stiamo diventando i nuovi eunuchi della dinastia Xi? La mail di Roberto di accompagnamento al pezzo si chiudeva con un propiziatorio #NessunoCiScremerà.

Lo capiranno i giovani che è un suicidio credere alle fake truth di costoro? Con questo modello un giorno toccherà a loro. Come diceva mio papà “Guai cadere, ti calpestano”. Questi sono come quelli. Ci stanno trasformando in straccioni, rubandoci la vita, per far tornare i conti delle loro fallimentari ideologie e formulette.

Zafferano.news

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati