Mondo

Perché l’Italia è imbelle in Libia. L’analisi di Gagliano

di

Conte Mes

Caso Libia emblematico: l’Italia ha da tempo rinunciato all’uso efficace dello strumento militare se non come subalterno al dettato atlantico, incapace di utilizzarlo per salvaguardare i suoi interessi nazionali. L’analisi di Giuseppe Gagliano

 

“Parole parole” si intitolava una delle più celebri canzoni di Mina. Ed è proprio questa la sintesi delle iniziative politiche e diplomatiche poste in essere dall’Italia in relazione alla questione libica come avevamo già indicato in un articolo precedente.

Come opportunamente sottolineava Thomas Hobbes nel Leviatano, i patti senza la spada sono solo parole e non hanno la forza di assicurare affatto un uomo.

L’Italia, a causa della sua cultura e della sua ideologia di ispirazione pacifista, ha ormai da tempo rinunciato all’uso efficace dello strumento militare se non come subalterno al dettato atlantico, incapace di utilizzarlo – ed è questo un paradosso – per salvaguardare i suoi interessi nazionali.

Mentre in Libia si sta attuando una spartizione tra la Turchia e la Russia — attraverso l’utilizzo di una logica di proiezione di potenza che ha obiettivi geopolitici chiari — l’Italia organizza incontri diplomatici e convegni (alludiamo a quella di Palermo del novembre 2018) privi di qualsiasi senso della dinamica conflittuale della realtà internazionale.

Osservando con attenzione il modus operandi che l’Italia ha posto in essere sulla questione libica dal 2018 ad oggi, è difficile non constatare come il nostro Paese abbia dimostrato fino a questo momento di non avere obiettivi geopolitici chiari, di non saper valutare con estrema attenzione i numerosi player presenti su questo scacchiere e soprattutto ha dimostrato fino a questo momento di non essere disponibile a investire in modo significativo e rilevante risorse militari ed economiche necessarie per salvaguardare i suoi interessi (a cominciare da quelli petroliferi legati all’Eni).

Al contrario la Turchia ha obiettivi geopolitici chiari: da un lato una politica di proiezione di potenza espansionistica in Siria, dall’altro in Libia, almeno allo stato attuale, ha come suo principale scopo quello di consolidare il suo dominio marittimo – di diventare cioè una potenza navale – e di appropriarsi delle risorse energetiche presenti nel Mare Nostrum.

In questa ottica devono essere viste le numerose infrastrutture navali costruite dalla Turchia. Non vi è proiezione di potenza infatti senza basi navali e/o terrestri.

Risulta del tutto ovvio quindi, da un punto vista strategico, che la Turchia per poter perseguire questi obiettivi a medio e lungo termine abbia necessità del sostegno politico, militare ed economico della Russia (vedi TurkStream) anche per svolgere una funzione di contenimento della presenza americana sul Mediterraneo oltre che di contenimento verso la Grecia.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati