Mondo

Le contraddizioni dei giornali che inneggiano alle tesi filo-Greta. Il corsivo di Gagliano

di

politica

Leggendo l’articolo pubblicato su il manifesto dal titolo ”È nato un nuovo sessantotto” – a proposito delle manifestazioni nel mondo filo-Greta – è difficile non sottrarsi all’impressione di stare rivivendo un déja vu. Il corsivo di Giuseppe Gagliano

A volte ritornano. Leggendo l’articolo pubblicato su il manifesto dal titolo ”È nato un nuovo sessantotto” – a proposito delle manifestazioni nel mondo filo-Greta – è difficile non sottrarsi all’impressione di stare rivivendo un déja vu.

Ricordate come venne celebrato il movimento alter global a livello mondiale? Nello stesso modo. E quale fine ha fatto? Si è eclissato.

Quando poi si leggono frasi di questo genere – “I veri nemici saranno dunque le grandi potenze mondiali, le multinazionali, incapaci di trovare alternative all’attuale modello di crescita economica” – è difficile pensare che costoro abbiano una visione realistica e non viziata da ideologie faziose e totalitarie.

Se infatti un quotidiano come il manifesto può esistere lo deve proprio alla globalizzazione capitalistica che consente al giornale comunista di essere presente su Google, su Facebook e su Twitter, tutte multinazionali americane.

Se poi i lettori possono acquistare il manifesto online attraverso le modalità di pagamento elettronico lo possono fare proprio grazie alla globalizzazione non solo della tecnologia ma anche degli enti bancari.

E se infine qualsiasi giornalista de il manifesto può viaggiare in giro per il mondo per fare i reportage lo può fare fare grazie alla globalizzazione dei mezzi di trasporto e soprattutto grazie agli investimenti miliardari che Stati e multinazionali ogni giorno fanno per le infrastrutture ferroviarie, portuali e aeroportuali.

E che dire degli investimenti che vengono fatti per la costruzione dei cavi sottomarini che consentono anche ai giornalisti del quotidiano comunista di comunicare in tutto il mondo o di quelli relativi ai satelliti di telecomunicazioni che consentono ai giornalisti del quotidiano di parlare via cellulare dentro e al di fuori dei confini nazionali?

Un consiglio dunque: volete essere coerenti? Scegliete di vivere come fece David Thoreau.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati