skip to Main Content

Ecco le ultime piroette dell’Ue con l’Egitto

Ue Egitto

L’articolo di Giuseppe Gagliano

 

Lo scorso 2 giugno vi è stato uno scambio telefonico tra il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi. Entrambi hanno sottolineato la necessità di consolidare la cooperazione per il Mediterraneo (soprattutto nel settore degli investimenti).

In particolare il presidente Michel ha ringraziato l’Egitto per i suoi sforzi volti ad aiutare e a ridurre l’escalation in Palestina mentre per quanto concerne la Libia entrambi hanno concordato sull’interesse condiviso per l’Egitto e l’Ue per il conseguimento della stabilità politica, compreso il ritiro di tutte le forze straniere e i mercenari dal paese.

Per quanto concerne il Mediterraneo orientale, il presidente Michel ha accolto con favore l’attuale dialogo tra Egitto e Turchia.

Sul fronte dei rapporti con l’Etiopia, e nello specifico in relazione alla Great Ethiopian Renaissance Dam (GERD), il presidente Michel ha sottolineato la necessità di raggiungere un accordo e riaffermato la centralità del processo guidato dall’Ua e lo stretto coordinamento tra Ue e Usa.

Eppure il 18 dicembre 2020 il Parlamento europeo aveva approvato una risoluzione in cui veniva chiesta un’indagine indipendente e trasparente su tutte le violazioni dei diritti umani in Egitto. Nel testo si faceva riferimento ai casi di Regeni e Zaki — di cui abbiamo ampiamente discusso — e si esortavano le autorità egiziane a collaborare con la giustizia italiana sul caso Regeni e a scarcerare immediatamente Zaki.

Nello specifico, sicuramente i lettori ricorderanno sia la soddisfazione per la risoluzione da parte di Pierfrancesco Majorino sia l’esortazione di Josep Borell a dare una risposta unitaria e risoluta alla repressione e alle violazioni dei diritti umani in Egitto.

Al di là delle plateali quarto assurde incongruenze dell’Ue non possiamo — né dobbiamo dimenticare — la stretta cooperazione tra Francia e Egitto né quella tra l’Italia e l’Egitto.

Il trionfo della realpolitik? È lecito sospettarlo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore