skip to Main Content

Ecco le mire delle ultime esercitazioni militari navali della Russia

Indo-pacifico

L’articolo di Giuseppe Gagliano

 

Nonostante le sanzioni dell’Ue nei confronti della Russia e della Bielorussia e nonostante la politica multilaterale dell’amministrazione Biden in funzione di contenimento antirussa e anticinese, l’uso della deterrenza nucleare continua a svolgere un ruolo determinante come durante la guerra fredda come stanno a dimostrare le esercitazioni militari navali da parte della Russia nel Mare di Barents – che ha visto la partecipazione di circa 20 imbarcazioni, tra navi da guerra e sottomarini, 10 elicotteri e aerei con lo scopo di salvaguardare la sovranità russa in Artico – e nel Mare di Norvegia.

Infatti proprio il 2 luglio la Flotta del Nord ha posto in essere ampie verifiche allo scopo di testare l’efficacia sotto il profilo della deterrenza delle nuove armi sottomarine a 500 metri di profondità.

Si fa riferimento da un lato al siluro sottomarino nucleare Poseidon 2M39 e al missile ipersonico Zircon.

Mentre Poseidon è un siluro privo di equipaggio dotato di un reattore nucleare nato con lo scopo di superare le difese navali – oltre essere in grado di trasportare testate nucleari diverse megatoni – Zircon è un missile ipersonico che è compatibile sia con l’unità navali di superficie sia con i sottomarini ed è quindi un’arma un’arma strategicamente flessibile.

La sua velocità può arrivare fino a 2,60 km/s e può raggiungere un’altitudine di circa 20 km. La gittata massima di questo missile si aggira sui 1000 km.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore