skip to Main Content

Draghi fa dimettere Arcuri, Travaglio sparacchia su Figliuolo, Civiltà Cattolica mogia dopo Conte

Arnese

Fatti, nomi, numeri, curiosità e polemiche. I tweet di Michele Arnese, direttore di Start, non solo su Draghi, Arcuri, Figliuolo e Civiltà Cattolica

 

LOCKDOWN ALL’ORDINE DEL GIORNO?

 

METODO DRAGHI

Francesco Paolo Figliuolo, ecco il curriculum del generale che sostituirà il commissario Arcuri silurato da Draghi

 

ARCURI DELLA SERA

Il gran ballo delle mascherine

 

LE COLPE DI ARCURI SECONDO REPUBBLICA

 

IL FATTO DI TRAVAGLIO ELOGIA ARCURI

 

CONTE, BENOTTI E I SERVIZI

 

NON TOCCATEMI IL BREVETTO

 

LEADER SOSTENIBILI

 

CIVILTA’ CATTOLICA UN PO’ CONFUSA

 

QUISQUILIE & PINZILLACCHERE

+++

ESTRATTO DI UN ARTICOLO DI AMADORI SU LA VERITA’:

Yoyito e Ciufeto. Sono loro i nuovi protagonisti della telenovela delle mascherine d’oro. Jorge Solis, l’imprenditore ecuadoriano arrestato per la fornitura sotto inchiesta di dispositivi di protezione, in un’intercettazione agli atti appioppa nomignoli e giudizi sui personaggi della nostra politica. Per esempio il commissario Domenico Arcuri diventa «Yoyito Arcuri», il signor Arcuri, un po’ «hijo de puta».

Ed è amico di «ciufeto», «il presidente», che si potrebbe indentificare nell’ex premier Giuseppe Conte.A parere di Solis, che grazie alla fornitura delle mascherine ha incassato almeno 5,8 milioni di euro di provvigioni, i due, Yoyito e Ciufeto sarebbero «soci di affari». Una sparata a cui è difficile dar credito, ma che la dice lunga sui soggetti a cui il commissario ha affidato la salute degli italiani. Anche perché nome e cellulare di Solis comparivano come «contatto» per la fornitura incriminata nella mail spedita dall’indagato Mario Benotti allo staff dell’ad di Invitalia il 21 marzo scorso.

+++

CIVILTA’ CATTOLICA GIA’ CONTIANA UN PO’ TIEPIDINA SU DRAGHI

Lancio Ansa:

“Il governo è ‘politico’, perché la scelta di sospendere il conflitto è, in definitiva, politica”. Lo afferma Civiltà Cattolica nell’editoriale del nuovo numero, in uscita il 6 marzo, che l’ANSA è in grado di anticipare proprio alla vigilia della partecipazione di Mario Draghi e del suo esecutivo alla bilaterale Italia-Santa Sede per la ricorrenza dei Patti Lateranensi.

“Draghi ha affermato che il suo è ‘semplicemente il governo del Paese’. Ci piace pensare che ‘semplicemente’ sia un avverbio capace di richiamare tutte le forze politiche coinvolte all’assunzione della comune responsabilità, per realizzare gli obiettivi senza cadere nella tentazione di una campagna elettorale permanente, a cui l’Italia purtroppo è ormai abituata.

Semplicemente governare. Senza lasciarsi distrarre da altro e senza alzare i fumogeni della propaganda per sopperire alle proprie mancanze”, scrive la rivista dei Gesuiti, le cui bozza sono tradizionalmente riviste dalla Segreteria di Stato vaticana.

E se “la crisi che attraversiamo richiede un impegno straordinario”, per il nuovo governo “la prima difficoltà da superare è l’estrema eterogeneità delle forze parlamentari che lo sostengono”. Ma “Draghi ha l’ambizione di coniugare risposta all’emergenza e disegno del futuro”.

“L’inedita coalizione di governo”, infatti, “può diventare una grande occasione di maturazione per i partiti, se essi sapranno evidenziare con i risultati le loro capacità. I partiti sono, dunque, chiamati a riflettere su se stessi. È un momento di laboratorio, e questo spazio consente una decantazione delle tensioni e una riflessione su cosa queste forze vogliono essere e come si definiscono nelle dinamiche del Paese”. In altre parole, “se il governo composto da tecnici e politici saprà impostare le riforme per la ‘nuova ricostruzione’, allora sarà la politica a uscirne più credibile e autorevole agli occhi dei cittadini, perché avrà offerto una nuova occasione per riconoscersi ‘popolo’, comunità legata da relazioni che vanno oltre le differenze”.

Inoltre, la convergenza di formazioni, finora antagoniste, dentro uno stesso spazio collaborativo “potrebbe favorire l’evoluzione del dibattito democratico, fermo all’identificazione dell’avversario come il nemico”. Per Civiltà Cattolica, “gettare le basi di un progetto per il futuro dell’Italia contribuirebbe infatti al riconoscimento della dignità dell’altro e degli obiettivi comuni per il Paese, e sposterebbe l’asse del confronto: chiedere il consenso ai cittadini senza la continua delegittimazione dell’altro, non fomentando rabbia, paure, ma con proposte che indichino i mezzi e i percorsi migliori, più idonei ed efficaci per ricostruire”.

“La via che oggi appare l’unica praticabile è quella di sentirci tutti sulla stessa barca”, prosegue: “un’arca di Noè, dove salgono insieme lupo e agnello, leone e giraffa. Che non si sbranano, perché il viaggio che si fa è in comune. Anche grazie alla promiscuità forzata – un vero banco di prova – ciascuno potrà riscoprire se stesso e i propri (migliori, si spera) istinti politici naturali”.

“Fondamentale in questo senso che il presidente Draghi abbia affermato che prima di ogni appartenenza viene il ‘dovere della cittadinanza’, che mostra un interessante punto di incontro con la visione di papa Francesco nell’enciclica Fratelli tutti. Perché è su questa che si fonda il senso dell”inconsueto perimetro di collaborazione’ delle forze politiche per rispondere alle necessità del Paese. Si tratterà di realizzare una forma di ‘amicizia sociale’ che per il Pontefice dà vita alla ‘migliore politica’”.

Per la rivista dei Gesuiti, “qui si apre una domanda fondamentale, che è poi una sfida politica: nelle ultime settimane il ceto politico ha mostrato di voler convergere verso il centro, con una svolta generalmente moderata. Sia che si tratti di tattica, sia che si tratti di una maturazione reale, resta però l’incertezza: l’elettorato, abituato alle polarizzazioni e all’esasperazione delle esigenze di parte, farà lo stesso movimento dei partiti che finora ha votato?”.

In ogni caso, “con l’offerta di una prospettiva, la politica ha ora l’occasione di innestare germogli di speranza”, perché ©una terra sarà feconda, un popolo darà frutti e sarà in grado di generare futuro solo nella misura in cui dà vita a relazioni di appartenenza tra i suoi membri, nella misura in cui crea legami di integrazione tra le generazioni e le diverse comunità che lo compongono”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore