Innovazione

Ecco come si arma la Turchia di Erdogan

di

comunità turca Francia

Le forze armate della Turchia sono il secondo più grande esercito della Nato dopo gli Stati Uniti e l’ottavo esercito del mondo. L’analisi di Giuseppe Gagliano sulla potenza militare turca
Le forze armate turche sono il secondo più grande esercito della Nato dopo gli Stati Uniti e l’ottavo esercito del mondo. 17esima al mondo nella classifica delle spese militari, Ankara stanzia un budget di circa 19 miliardi di dollari ogni anno per la sua difesa, ovvero l’1,9% del suo Pil. I numeri sono stimati in 350.000, cifra a cui vanno aggiunti i 170.000 uomini che prestano servizio nella gendarmeria e le 54.000 ausiliari armati reclutati nel sud-est del Paese nell’ambito della lotta contro il Pkk.

Il servizio militare, da sempre percepito come un rito di passaggio — almeno tra le classi popolari che lo considerano una soglia da varcare prima di intraprendere la vita lavorativa e mettere su famiglia — è obbligatorio in Turchia per tutti gli uomini che raggiungono l’età di 20 anni a condizione che siano fisicamente e mentalmente in forma. Tuttavia, c’è la possibilità di aggiornarlo fino all’età di 29 anni se stai studiando presso una scuola superiore. Il sistema turco non ha mai considerato un’alternativa civile per coloro che preferirebbero contribuire alla difesa nazionale se non attraverso le armi. Nemmeno l’obiezione di coscienza è mai stata riconosciuta come un diritto, il che ha spinto la Corte europea dei diritti dell’uomo a condannare più volte la Turchia, nei confronti degli obiettori che i tribunali turchi stanno reprimendo.

A seguito delle vaste riforme intraprese all’interno delle istituzioni militari dopo il tentativo di colpo di stato del 15 luglio 2016, sono state chiuse le accademie militari, le scuole preparatorie per sottufficiali e le scuole superiori militari, per far posto all’Università della Difesa Nazionale (Milli Savunma Üniversitesi), inaugurata nel febbraio 2017, sotto la supervisione del Ministero della Difesa. Le accademie militari terrestri, navali e aeree sono state annesse a questo unico rettorato dopo la loro riapertura, mentre la Gendarmeria e l’Accademia della Guardia Costiera dipendono dal Ministero dell’Interno.

Secondo l’articolo 117 della costituzione, il presidente della repubblica è il comandante in capo delle forze armate ed è lui che nomina il capo di stato maggiore. Il generale Yaşar Güler ricopre questo incarico dal 2018 e riferisce al ministro della Difesa. Quest’ultimo, il generale in pensione Hulusi Akar, è stato lui stesso Capo di Stato maggiore tra il 2015 e il 2018. La sua nomina aveva creato una vera sorpresa, perché è il primo a fare questo salto tra lo Stato maggiore e il ministero. Le promozioni, le dimissioni e le eventuali espulsioni sono decise all’interno dell’Alto Consiglio Militare (YAŞ) che si riunisce almeno una volta all’anno sotto la presidenza del Vicepresidente della Repubblica. In totale, le forze armate turche contano 250 generali e ammiragli, 26.000 ufficiali e 65.000 sottufficiali.

Per quanto riguarda l’esportazione di armi, i principali esportatori di armi pesanti in Turchia sono attualmente Stati Uniti, Italia e Spagna. Inoltre, gli Stati Uniti sono stati il principale fornitore del paese dalla fine della seconda guerra mondiale, con la cooperazione militare turco-americana iniziata nel 1947 con la Dottrina Truman. Una volta grandi fornitori, Germania e Israele sono ora molto indietro. La Francia ha venduto tra il 2009 e il 2019 per 460 milioni di euro attrezzature militari alla Turchia, in particolare sistemi radar, vale a dire circa l’1% delle sue consegne durante questo decennio.

L’acquisto del sistema di difesa aerea russo S-400 nel 2019, a un prezzo stimato di 2,5 miliardi di dollari, ha sicuramente provocato molte reazioni negative all’interno della Nato e ha causato l’esclusione della Turchia dal progetto F-35.

Ad ogni modo l’esercito fa ancora affidamento sui principali carri armati tedeschi Leopard, nonché sugli M48 e sugli M60 americani. L’Air Force è composta principalmente da F-4 Phantom II e F-16 americani. Inoltre, questi sono costruiti su licenza in Turchia. La marina opta per sottomarini e fregate di progettazione tedesca o americana anche è necessario sottolineare che dagli anni 90, il dibattito sull’opportunità o meno di costruire o acquistare una portaerei non è stato ancora risolto.

Un tempo molto dipendente dalle sue importazioni in quest’area, la Turchia è oggi un importante produttore di attrezzature e materiali militari. Attualmente, tre società turche, Aselsan, TAI e Roketsan, sono tra le prime 100 società di difesa al mondo.

La Turchia fa sempre più affidamento sulla sua industria di armi locale, rafforzando la sua autonomia strategica. Oggi, circa il 70% delle sue attrezzature militari è prodotto nel paese, rispetto al 20% nel 2000. Inoltre, il governo turco mira, entro il 2023, a raggiungere l’indipendenza tecnologica.

Il progresso tecnologico dell’industria militare turca ha versato molto inchiostro soprattutto nel campo dei droni armati e disarmati, data l’ubiquità dei droni Bayraktar in diversi teatri operativi negli ultimi anni. La Turchia è, insieme a Stati Uniti e Regno Unito, tra i principali utilizzatori di droni armati e uno dei paesi più avanzati in termini di produzione. Ankara sta schierando questi velivoli telecomandati in Siria, Iraq e Libia, e li ha donati all’Azerbaigian durante il recente conflitto in Nagorno-Karabakh. Inoltre, i droni militari hanno reso la Turchia un esportatore nel mercato delle armi, vendendoli a Ucraina, Qatar e Pakistan.

Non solo, Aselsan ha appena annunciato che le forze armate turche potranno presto includere nel proprio inventario veicoli corazzati da combattimento autonomi progettati da questa azienda turca specializzata nella produzione di sistemi di comunicazione e di difesa informatica. Un altro esempio che dimostra che la Turchia continua a investire pesantemente per equipaggiare meglio il suo esercito.

Pe quanto concerne la capacità di dispiegamento dell’esercito turco, questo ha una lunga tradizione di schieramento all’estero, che risale alla partecipazione della Turchia alla guerra di Corea nel 1950, quando beneficiò dell’aiuto logistico dell’esercito americano a fianco delle truppe delle Nazioni Unite. La partecipazione attiva della Turchia a questa guerra costituisce un punto di svolta politico e diplomatico, sigillando la posizione della Turchia nel campo occidentale nel contesto della Guerra Fredda. Non è insignificante che l’adesione della Turchia alla Nato sia avvenuta nel febbraio 1952. A parte questo, un’operazione straniera su larga scala durante la Guerra Fredda fu lo sbarco delle forze armate turche sull’isola di Cipro, situata a circa 70 km dalla costa turca, nel luglio 1974, un’operazione anfibia supportata da paracadutisti aviotrasportati. La Turchia mantiene a Cipro ancora quarantamila soldati. Inoltre, a partire dagli anni ’90, le incursioni nel territorio iracheno sono diventate frequenti per combattere il Pkk, che vi mantiene le sue basi.

Dalla fine della guerra fredda, la Turchia si è offerta volontaria per partecipare a numerose operazioni dell’Onu e della Nato, in particolare in Somalia (1992), Bosnia (1995), Kosovo (1999) e in Afghanistan (2001). Attualmente, le truppe turche sono di stanza in 13 paesi (Repubblica turca di Cipro del Nord, Azerbaigian, Bosnia, Kosovo, Albania, Iraq, Siria, Libia, Libano, Qatar, Afghanistan, Mali, Somalia e Repubblica Centrafricana) per missioni di mantenimento della pace, in base ad accordi bilaterali o frutto di scelte autonome.

Le basi militari inaugurate in Qatar nel 2015 e in Somalia nel 2017 riflettono il desiderio di Ankara di mantenere una presenza militare permanente in regioni strategiche. Essendo al centro di molte crisi, la Turchia non esita a utilizzare lo strumento militare per influenzare il suo ambiente geopolitico. È così che ha ottenuto un ruolo di primo piano in Siria e Libia, per non parlare del suo coinvolgimento, seppur indirettamente, al fianco delle forze azere più recenti.

Tuttavia, per comprendere appieno il ruolo del potere militare all’interno della Turchia non dobbiamo dimenticare l’importanza e la rilevanza che l’esercito ha all’interno dello stato moderno turco. L’esercito turco si considera infatti la spina dorsale dello stato. I fondatori della repubblica, in particolare Mustafa Kemal Atatürk e il suo primo ministro, che gli successe come presidente, İsmet İnönü, furono generali, eroi della “lotta nazionale” (milli mücadele) lanciata nel 1919, che portò alla costituzione del regime repubblicano nel 1923. Nel corso della storia politica turca, segnata da colpi di stato militari, l’esercito ha avuto un peso considerevole, a volte direttamente, sotto i regimi militari (1960-61; 1980-83), a volte attraverso il Consiglio di sicurezza nazionale (MGK), un’istituzione che ha sempre avuto un occhio attento alla evoluzione politica. Sei dei dodici presidenti turchi provenivano dai ranghi dell’esercito. La feroce lotta contro il terrorismo del Pkk, che dura ormai da quasi quarant’anni, ha solo rafforzato il suo ruolo politico. Considerato a lungo un garante della laicità, ora sembra fare i conti con il potere islamo-conservatore turco. Anche se varie correnti che vanno dall’atlantismo all’eurasismo attraversano il corpo degli ufficiali, non è facile valutare il loro reale peso all’interno dell’esercito. In ogni caso, il comando dell’esercito rimane profondamente nazionalista, con un atteggiamento di assoluta ostilità sulla questione curda e desideroso di avere più influenza nella politica estera del paese.

Tuttavia, allo scopo di mantenere l’attuale progetto di potenza militare, anche la Turchia come tutti i paesi europei ed extra europei si è rapidamente adeguata alle nuove armi altamente sofisticate sotto il profilo tecnologico. Infatti la difesa informatica è diventata uno dei compiti fondamentali dell’Alleanza atlantica e la Turchia si sta adattando ad essa. Il Turkish Cyber Defense Command è stato istituito nel 2012 per supervisionare la sicurezza delle informazioni e garantire la cyber-difesa del paese. Con il supporto tecnico di TUBITAK, il Consiglio per la ricerca scientifica e tecnologica della Turchia, e SISAMER, il Centro di difesa informatica che fa capo direttamente alla Presidenza della Repubblica, la Turchia mira a diventare “un marchio globale in termini di sicurezza informatica”, secondo il presidente Erdoğan. Quest’anno, il National Cyber Incident Response Center (USOM) ha posto in essere tutte le strategie necessarie per difendere gli interessi turchi da azioni ostili nel cyberspazio.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati