Innovazione

La Cina legalizza Uber e Didi Chuxing

di

Uber

La Cina favorisce lo sviluppo dell’economia della condivisione e decide di legalizzare Uber e Didi Chuxing

La Cina intende legalizzare i servizi di sharing economy offerti da Uber Technologies Inc. e Didi Chuxing, dissipando qualsiasi incertezza normativa e lasciando che le due società si contendano uno dei mercati di corse in auto più grandi del mondo. Per la legalizzazione dei servizi, già presenti in numerose città, come anticipa Bloomberg, si attende solo il timbro ufficiale del Ministero dei trasporti. Dopo la notizia, le azioni di Car Inc., una società di noleggio auto, sono saliti al 2%, mentre Uber e Didi non hanno rilasciato commenti.

La Cina ha scelto di spingere e puntare, dunque, sulla condivisione dell’auto (la cosa potrebbe far ridurre anche le emissioni, problema annoso per il Paese), ma chiede che sui veicoli vengano installati dispositivi di sicurezza e GPS. Ai guidatori di auto Uber e Didi, invece, la Cina richiede che siano registrati con i regolatori locali di taxi e non possono avere precedenti penali. Non solo: come spiega il documento, i guidatori dovranno avere un minimo di tre anni di esperienza alla guida e le vetture dovranno essere ritirate dal servizio dopo il raggiungimento di 600.000 km e non possono avere più di 7 posti. Ai governi locali è permesso decidere il numero di licenze. Ci dovrà essere un ufficio predisposto in ogni città.

Uber

Nel documento del Ministero dei Trasporti, che prevede la legalizzazione dei servizi come Uber e Didi, il Governo cinese si impegna a favorire lo sviluppo di una economia della condivisione e l’uso delle nuove tecnologie (prenotazioni e pagamenti online). Tutte le informazioni e i dati raccolti dalle piattaforme che forniranno servizi automotive, saranno registrate e memorizzate (a disposizion del Governo per almeno 2 anni).

Le norme non sembrano essere così severe come qualcuno aveva temuto, anzi spianano la strada allo sviluppo e alla crescita di Uber e Didi, che attualmente stanno conducendo una battaglia per aggiudicarsi il dominio del mercato fiorente. Le regole, ovviamente, favoriranno anche la crescita delle società più piccole del settore come Yidao Yongche, che ora potranno competere con i big.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati