skip to Main Content

Internet super-veloce: Google al lavoro nel deserto del New Mexico

Internet Super-veloce

Google al lavoro nel deserto del New Mexico: sta testando la tecnologia per internet super-veloce?

Google alle prese con un ‘nuovo’ progetto, nel deserto del New Mexico. Non si sa ancora bene di cosa si tratti, ma secondo alcuni documenti della FCC (Federal Communications Commission, l’agenzia statunitense delle telecomunicazioni), individuati da Hackaday, Big G vorrebbe testare un grande trasmettitore radio nello Spaceport America, una struttura dotata di una pista da oltre 3.600 metri utilizzata da varie aziende per il lancio delle loro navicelle.

Google ha chiesto il permesso di eseguire degli esperimenti radio di natura riservata. Per quale scopo? I documenti non lo dicono, ma qualche indizio potrebbe aiutarci a capire qualcosa in più. Gli esperimenti di Big. G dovrebbero riguardare un trasmettitore radio che ha potenza di quasi 100 kilowatt. Per intenderci, si tratta di un trasmettitore simile a quelli utilizzati dalle stazioni FM che trasmettono le loro onde radio per centinaia di chilometri. Ma se queste ultime inviano il loro segnale in tutte le direzioni, l’azienda di Mountain View concentrerà le sue onde solo in un raggio molto ristretto e ad alta potenza. L’esperimento andrà a creare una banda da 70-80 GHz (i documenti tranquillizzano che non ci saranno interferenze dannose durante i test).

Google, dunque, starebbe testando qualche tecnologia per il suo internet super-veloce? L’ipotesi più accreditata sembra essere questa: Big G sta lavorando al suo Skybender Project, il progetto per l’internet super-veloce che dovrebbe sfruttare droni ad energia solare, dotati di una nuova tecnologia wireless a banda larga di altissima velocità. Insomma, questi esperimenti potrebbero essere alla base della nuova generazione di connessione dati internet 5G.
Questa nuova tecnologia permetterebbe di trasmettere Gbit di dati al secondo, fino a 40 volte più veloce rispetto agli attuali sistemi. Nei prossimi anni, migliaia di droni auto-guidati potranno stazionare ad alta quota per fornire l’accesso ad internet super-veloce in tutto il mondo.

Internet super-veloce

Internet super-veloce: lavori in corso anche a Londra

Non solo Google. Anche a Londra si sta lavorando per dare vita alla rete wireless più veloce al mondo. I lavori si tengono, come riporta il New York Times, presso il campus dell’Università di Surrey: qui ricercatori e alcune delle più grandi aziende di tecnologia di tutto il mondo, tra cui Samsung e Fujitsu, stanno collaborando per realizzare un internet mobile di 100 volte più veloce a qualsiasi cosa ora disponibile. I lavori della nuova rete 5G dovrebbero concludersi entro il 2018 e dovrebbero permettere agli studenti del campus di scaricare interi film per smartphone o tablet in meno di cinque secondi, a fronte degli 8 minuti attuali con il 4G.

La connessione dati 5G promette migliori collegamenti, anche per smartwatches e piccoli elettrodomestici, e un accesso illimitato all’informazione per ogni persona e ogni cosa. Grazie alla possibilità di sostenere grandi volumi di traffico e dati rispetto ai livelli attuali, con il 5G diventeranno possibili servizi innovativi in aree di crescente sviluppo come la comunicazione M2M (machine-to-machine).

Le aziende di Internet sembrano fare a gara per sviluppare, quanto prima, la nuova tecnologia, anche in vista di eventi di rilevanza mondiale. Ai Mondiali di Calcio 2018, che si terranno in Russia, per esempio, gli operatori locali MegaFon e MTS, secondo quanto riportato dal New York Times, sono attesi per testare i servizi in stile 5G, tra cui l’Internet mobile ultraveloce, anche in assenza di standard globali in atto.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore